ASCOLTA RLB LIVE
Search

Rifiuti Cosenza, consigliera propone: codice personale sui sacchetti per identificare trasgressori

Bianca Rende: “Ben venga la salvaguardia del decoro urbano ma che sia fatta con criterio”

 

 

COSENZA – “Da alcuni giorni il Comune di Cosenza, insieme ad Ecologia Oggi, che gestisce il servizio di raccolta, ha emanato un avviso nel quale si annunciano rigidi controlli in tutta la cittĂ : a tutti i rifiuti non conferiti correttamente, sarĂ  apposta un’etichetta con la dicitura “risorsa non conforme” che comporterĂ  il ritiro posticipato di circa 12 ore dei rifiuti stessi che saranno attenzionati dalla Polizia Municipale (Nucleo decoro urbano) con sanzioni al condominio di riferimento. E’condivisibile ed apprezzabile l’obiettivo di voler indirizzare i cittadini ad un conferimento corretto dei rifiuti – commenta Bianca Rende del gruppo PD in consiglio comunale – ma l’ordinanza del sindaco, per come impostata, non disciplina del tutto la questione della raccolta dei rifiuti e, nemmeno, risolve il problema delle cattive abitudini relative al conferimento. Non possono considerarsi, inoltre, efficaci deterrenti nemmeno le sanzioni pecuniarie previste dall’ordinanza che tra l’altro rischiano di apparire inique, arbitrarie e come tali ampiamente contestabili. La responsabilitĂ  è sempre individuale e non collettiva – aggiunge – altrimenti si rischia un “processo alla città”, insinuandosi così il dubbio che l’obiettivo reale non sia tanto quello pedagogico ma piuttosto quello di far cassa!

Bianca RendeProprio per la difficoltĂ  di individuare una precisa responsabilitĂ  in merito alla condotta contestata, un’alta percentuale di queste multe, lo dicono i dati, è stata giĂ  annullata dagli uffici del Giudice di Pace. Piuttosto che costringere i cittadini ad inutili trafile in sede giudiziaria, sarebbe, a nostro avviso, molto piĂą proficuo introdurre meccanismi di identificazione certa del rifiuto che incardinino con maggiore precisione la responsabilitĂ  in capo al trasgressore come, ad esempio, l’utilizzo di un codice meccanografico da apporre con etichetta al sacchetto, differenziato per ogni singolo utente,  (considerato che l’apposizione sul mastello è risultato finora incompleto e aggirabile) pratica giĂ  in uso da tempo in molte altre cittĂ  d’Italia (best practice, Perugia) e comuni della nostra stessa provincia. Per i sacchetti anonimi, abusivamente lasciati nelle vicinanze di quelli depositati regolarmente, si potrebbe prevedere una video sorveglianza periodica. Solo attraverso la predisposizione di adeguati meccanismi di controllo e di monitoraggio, si uscirebbe da una responsabilitĂ  collettiva e come tale indistinta e si instaurerebbe il giusto discernimento tra chi esegue bene la raccolta differenziata e chi trasgredisce le regole comuni”.

L’apposizione della corretta etichettatura, secondo la consigliera Rende, agevolerebbe anche l’introduzione, finalmente, di quella premialitĂ  sulla tassazione legata alla corretta esecuzione della raccolta differenziata che da tempo invochiamo per incentivare una raccolta virtuosa, che possa divenire anche conveniente per i bilanci familiari. Sottolineiamo infine – conclude Bianca Rende – che anche questa volta si è preferito procedere per “decreti somministrati ai propri sudditi”, senza coinvolgere in nessun modo la cittadinanza nella ricerca di soluzioni per un problema creato da chi ha organizzato la raccolta, procedendo una volta di piĂą con puro solipsismo amministrativo e non con un serio e costruttivo confronto con i cittadini; eppure, raccogliere i riscontri basati sull’esperienza quotidiana degli utenti potrebbe rivelarsi proficuo”.

 

LEGGI ANCHE:

Cosenza, rifiuti: chi sbaglia a differenziare il “residuo” sarà segnalato alla Polizia Municipale