Sanità cosentina: nuovi accordi per diabetologia, malattie infettive e carcere

Tre importanti novità nei servizi sanitari offerti ai pazienti cosentini.

 

COSENZA – Per migliorare i servizi ai pazienti l’Asp e l’Azienda Ospedaliera di Cosenza hanno sottoscritto questa mattina tre Protocolli d’intesa. I direttori generali delle due aziende, Raffaele Mauro e Achille Gentile hanno firmato l’accordo per il passaggio del giovane con il diabete mellito, dal centro di diabetologia pediatrica, al centro diabetologico dell’adulto ed alla costituzione dell’ambulatorio di transizione. Considerato che presso l’Annunziata di Cosenza è presente la S.O.S. diabetologia della “Rete diabetologica pediatrica calabrese” e che presso l’Asp è operativo il team diabetologico del Poliambulatorio di Rende che segue pazienti adulti con diabete mellito, le parti si sono impegnate a rendere il passaggio dalla diabetologia pediatrica a quella degli adulti il più fluido possibile, tenendo conto delle esigenze dei ragazzi, delle loro famiglie e delle problematiche connesse.
 
 
Presso il poliambulatorio di Rende dell’ASP verrà costituito l’ambulatorio di transizione con attività dedicata in giorni prestabiliti, organizzato e gestito dallo stesso team diabetologico. I due team diabetologici lavoreranno in stretta sinergia allo scopo di rendere questo passaggio “accompagnato” e meno traumatico possibile per evitare che la transizione rappresenti un evento critico nella vita dell’adolescente. Il secondo Protocollo d’intesa nasce invece dall’esigenza di meglio organizzare, attraverso un ambulatorio dedicato, la sorveglianza delle malattie infettive nei soggetti dediti all’utilizzo delle sostanze da abuso, (U.O.C. Serv.D dell’ASP e U.O.C. Malattie Infettive e Tropicali dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza). Il Protocollo è finalizzato a definire la promozione di un’offerta attiva e sistematica del test HIV a tutte le persone che afferiscono ai Servizi per le dipendenze patologiche ed a monitorare lo stato di salute delle stesse inserite in strutture residenziali accreditate oppure in istituti penitenziari.
 
 

Lo stesso Protocollo prevede la presenza di uno specialista infettivologo un giorno a settimana presso il Servizio D di Cosenza a titolo gratuito per sei ore e la possibilità di approfondimenti diagnostici e terapeutici. Il Protocollo ha durata di anni due dalla data di sottoscrizione e potrà essere rinnovato o integrato con successivo atto deliberativo. Durante la giornata odierna è stata inoltre sottoscritta la convenzione tra l’Asp di Cosenza e l’Azienda Ospedaliera per l’espletamento del Servizio tecnico-infermieristico presso la casa Circondariale di via Popilia. Quest’ultima avrà durata di un anno e s’intende tacitamente prorogata se una delle parti non provvede alla rescissione almeno un mese prima della scadenza.