Perde la causa e minaccia l’avvocato, egiziano arrestato a Cosenza per stalking ad un penalista

I carabinieri della Stazione di Cosenza Nord lo hanno arrestato alle prime ore dell’alba, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale agli arresti domiciliari.

 

COSENZA – Protagonista un 32enne di nazionalità egiziana, Reda Abdelaziz Abdalla Dawa, arrestato per estorsione continuata e atti persecutori ai danni di un noto penalista di Cosenza. Il provvedimento cautelare scaturisce da una articolata attività investigativa coordinata dal Sostituto Procuratore Domenico Frascino, sotto la supervisione del Procuratore Capo Mario Spagnuolo, a seguito di una denuncia presentata all’Arma di Cosenza Nord nel gennaio 2017 dal penalista.

I fatti risalgono all’ottobre 2016, quando l’egiziano si era recato presso lo studio del professionista, pretendendo un ingiusto risarcimento complessivo di 25.000 euro, addossando al legale la colpa di aver perso una causa civile relativo ad uno sfratto. Dall’ottobre del 2016 al gennaio 2017, l’avvocato era costretto a consegnare all’egiziano in più tranches 2.650 euro, per timore di ritorsioni e minaccia di morte anche nei confronti dei propri famigliari. In alcuni casi le indagini hanno acclarato anche una serie di comportamenti persecutori da parte dell’arrestato nei confronti della vittima, minacciata più volte nei pressi del suo studio, dinanzi il Palazzo di Giustizia o persino quando l’uomo andava a prendere i propri figli a scuola. Dawa dopo le formalità di rito è stato accompagnato presso la propria abitazione agli arresti domiciliari, ove rimarrà a disposizione dell’A.G.