Cosenza, a Portapiana crolli e disagi. Il consigliere Spadafora scrive al sindaco – FOTO

La missiva del consigliere comunale Francesco Spadafora sarà presentata formalmente al sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto domani e riguarda le problematiche in cui versa il quartiere di Portapiana

 

COSENZA – “La situazione disagevole e ormai critica che interessa molte aree della nostra città – tra queste lo storico e popoloso quartiere di Portapiana – deve essere affrontata con la massima urgenza perché rappresenta ad oggi una questione assai spinosa e non più procrastinabile”. Questo quanto sostiene il consigliere di maggioranza del Comune di Cosenza e presidente del Gruppo Misto Francesco Spadafora, relativamente alle annose problematiche che da mesi affliggono il quartiere di Portapiana. Il consigliere Spadafora, presenterà domani al sindaco Mario Occhiuto un documento nel quale si evidenziano le forti criticità e le gravi complessità che attanagliano quotidianamente l’area di Portapiana. Nel documento indirizzato al primo cittadino di Palazzo dei Bruzi – corredato da un corposo dossier fotografico – Spadafora affronta punto per punto tutte le problematicità che giornalmente i residenti sono costretti ad affrontare e con le quali convivono ormai da diverso tempo. “Una situazione che auspico – conclude il consigliere del Gruppo Misto – sia affrontata con la massima rapidità perché – è opportuno ricordare- gli interventi di riqualificazione dei molti quartieri della nostra città sono stati tra i punti salienti del programma politico del sindaco Occhiuto, motivo di grande interesse da parte dei numerosi cittadini che gli hanno accordato fiducia”.

foto 7

Di seguito il testo integrale del documento che il consigliere Spadafora presenterà formalmente domani al sindaco Mario Occhiuto

“Il sottoscritto Consigliere Comunale Francesco Spadafora, in qualità di Presidente del gruppo consiliare “MISTO”, con la presente, richiede alla S.V. un pronto intervento per porre rimedio alle criticità e fatiscenze che da tempo si registrano nello storico e popoloso quartiere di Portapiana.
La presente, è opportuno preliminarmente evidenziare, si è resa necessaria perché i cittadini residenti, nonché tutti coloro che sono costretti a transitare dalla zona precitata, lamentano la scarsa attenzione da parte del Comune ai problemi che da tempo attanagliano il quartiere posto ai piedi del Castello Svevo.

foto 6
Nello stesso, come si evince dalla documentazione fotografica allegata, circa un anno e mezzo fa, nelle prossimità delle case popolari è crollata una parete di cemento, ancora non risistemata e tutt’ora fonte di pericolo sia per gli abitanti che per gli utenti della strada, i cui pezzi giacciono a terra ricoperti ormai dalle erbacce.
Inoltre, a pochi metri più avanti, di fronte la Chiesa della Sanità e del Conservatorio di musica “Stanislao Giacomantonio”, da circa tre mesi, a causa di una vistosa crepa sul muro di contenimento, dal quale si sono staccate anche pietre e blocchi di fango, è stata ridotta la carreggiata della ex statale 19 ed istituito un senso unico alternato con un impianto semaforico.

foto 1
Le predette limitazioni alla viabilità stano arrecando enormi disagi non solo ai cittadini residenti e alle poche attività commerciali presenti, ma anche agli utenti della strada che, specialmente nelle prime ore del mattino con l’ingresso delle scuole, sono costretti a fare lunghe e fastidiose code di attesa per raggiungere la città.
A tal proposito, è utile rammentare, che la strada in questione è abbastanza trafficata in quanto collega i paesi del Savuto e quelli limitrofi a Donnici con la città capoluogo.
A questo va aggiunto il dilemma del parcheggio coperto, ormai in disuso da anni, progettato per i frequentatori della parrocchia e del conservatorio che sono costretti a parcheggiare, pur vigendo i prescritti divieti di sosta, le proprie autovetture ai margini della strada, le quali, soprattutto in quest’ultimo periodo, provocano difficoltà e ostacoli agli altri mezzi in transito.

foto 4
Oltre a quanto sopra esposto, c’è la grave e precaria condizione del manto stradale di Corso Vittorio Emanuele, nel quale sono presenti enormi buche e crateri che possono determinare danni fisici alle persone e ai veicoli.
Poiché i quartieri sono stati messi al centro del programma politico per il quale i cittadini hanno creduto, accordandoci la loro piena fiducia, con la presente, su richiesta di numerosi cittadini, richiede alla S.V. un tempestivo intervento affinché vengano eleminati tutte le problematiche anzidette, diventate ormai intollerabili per i cittadini che, pur sentendosi abbandonati a se stessi, auspicano una maggiore attenzione dell’amministrazione comunale verso uno dei quartieri più popolosi della città vecchia. In attesa di un positivo e tempestivo riscontro in merito alla presente, si coglie l’occasione per porgere i più cordiali saluti”.

foto 3