ASCOLTA RLB LIVE
Search
slot giovani

“No Slot”, proposta anti-ludopatia presentata al Comune dal Meetup di Cosenza – Amici di Beppe Grillo

Mentre il professore Paolo Crepet, noto psichiatra diventato più un personaggio televisivo, ha avuto il coraggio di dichiarare in televisione davanti a tutta Italia che il gioco d’azzardo non fa male, e che non è scientificamente provato che rappresenti una dipendenza, a Cosenza il Meetup Amici di Beppe Grillo ha presentato una proposta per ‘regolamentare’ la presenza delle ‘sale slot’ sul territorio

 

 

COSENZA – In attesa di una legge nazionale, come quella presentata dal Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati, al momenti solo i provvedimenti adottati dai Comuni possono contrastare concretamente il diffondersi del gioco d’azzardo, così come ha ribadito la Corte Costituzionale, la quale ha riconosciuto che “il sindaco può disciplinare gli orari delle sale giochi e degli esercizi nei quali siano installate apparecchiature per il gioco e che ciò può fare per esigenze di tutela della salute, della quiete pubblica, ovvero della circolazione stradale”. Per questo motivo il Meetup di Cosenza – Amici di Beppe Grillo – ha protocollato presso il Comune bruzio, una proposta di delibera consiliare per la disciplina per l’esercizio delle attività di gioco d’azzardo lecito sul territorio comunale. “Risale a pochi giorni fa – sottolineano in una nota gli attivisti del Meetup Cosenza – la notizia di un uomo che ha inscenato una rapina per nascondere alla moglie la perdita del denaro, della fede e dell’orologio giocando in una sala scommesse di Cosenza”.

Per tali ragioni, il Meetup di Cosenza propone al Comune di Cosenza l’approvazione di una delibera finalizzata a disciplinare il gioco d’azzardo sul territorio comunale, in termini di controllo per il rispetto delle leggi vigenti, di limitazioni orarie di apertura, di distanza dai luoghi “sensibili”, di coinvolgimento di associazioni, volontari, scuole, parrocchie, forze dell’ordine e istituzioni ad iniziative di promozione sociale. La dipendenza patologica dai giochi elettronici o d’azzardo è oramai dilagante e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ritiene che circa 1,8 milioni di italiani siano a rischio di ludopatia.

“Anche le amministrazioni comunali, pertanto – spiegano i grillini – si trovano oggi in prima linea nell’affrontare il fenomeno della ludopatia, ragion per cui, il buon senso impone una collaborazione tra loro a partire dall’adesione al nuovo Protocollo predisposto dalla Prefettura di Cosenza finalizzato alla prevenzione ed al contrasto alle dipendenze patologiche, fino all’adozione di un regolamento comune a tutta l’area urbana. In questa direzione si colloca la nostra proposta di delibera che comprende, in allegato, un’articolata bozza di regolamento, offrendo in tal modo un contributo fattivo nella speranza che le forze politiche presenti in Consiglio comunale si ritrovino una buona base di partenza da discutere ed approvare, in armonia con i comuni dell’area urbana, in nome del perseguimento di un obiettivo comune, pur nel rispetto delle proprie legittime identità politiche”.