Manifesti sessisti, il Comune adotti protocollo Anci/Iap per evitare che si ripeta ancora

What Women Want_La Calabria Vista dalle donne esprime apprezzamento per il gesto di Occhiuto della rimozione dei manifesti offensivi, ma chiede che venga adottato il protocollo ANCI/IAP in materia di correttezza del messaggio pubblicitario.

 

COSENZA – “Pur apprezzando l’iniziativa assunta dal Sindaco di Cosenza di disporre la rimozione dei manifesti sessisti e offensivi della dignità femminile – utilizzati da una azienda commerciale nel settore della telefonia e di elettrodomestici – non possiamo non rilevare che si tratta del terzo anno che la medesima azienda ricorre a messaggi volgarmente allusivi. Oltre a censurare, come pure bene ha fatto l’amministrazione, è tempo che si mettano in campo idonee misure preventive perché ciò non si ripeta in futuro.” Ciò è quanto scrive in una nota il Movimento “What Women Want_La Calabria Vista dalle donne”“In particolare – continua la nota – auspichiamo che il Comune adotti il protocollo ANCI/IAP in materia di correttezza del messaggio pubblicitario, come già accade in altre città italiane – impegnandosi a rispettare e a far rispettare il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

WWW-La-Calabria-vista-dalle-donne-314x160Uno strumento per prevenire l’utilizzazione di messaggi che contengano immagini o rappresentazioni di violenza contro le donne e offensive della loro dignità, e garantire, nel rispetto del principio di pari opportunità, una rappresentazione dei generi coerente con l’evoluzione dei ruoli nella società. Lo IAP, Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria con il protocollo si propone di affermare anche a livello locale, una comunicazione commerciale sempre più onesta, veritiera e corretta. Il modo per implementare il rafforzamento del sistema autodisciplinare – suggerisce lo stesso protocollo – è quello di integrare i regolamenti di pubblicità locale e i Regolamenti per l’occupazione degli spazi pubblici, con clausole che prevedano l’accettazione, da parte dei gestori degli impianti pubblicitari, delle norme del codice. Non abbiamo dubbi che dopo la prima, eclatante iniziativa, peraltro in corretta esecuzione del protocollo ANCI/D.i.Re., l’amministrazione comunale vorrà procedere in questa direzione e che lo stesso vogliano fare tutte le altre amministrazioni sensibili e attente ai temi sollevati.”