Il Comune di Cosenza si rifà il look e diventa funzionale

COSENZA – Dalla facciata senza i condizionatori gocciolanti alla realizzazione della sala polifunzionale.

E’ iniziata l’opera di restyling del palazzo di Città, tra i più importanti edifici architettonici del territorio urbano. Dopo l’espletamento dell’iter per l’affidamento dei lavori, sono iniziati gli interventi che apporteranno un consistente miglioramento sul piano dell’efficientamento energetico della sede comunale. Tutto ciò, grazie a un finanziamento di 3milioni di euro intercettato attraverso i progetti ideati dall’Esecutivo Occhiuto. Gli interventi consistono in un sistema tecnologico generale degli impianti meccanici di estrema affidabilità e funzionalità, particolarmente attento alla riduzione al minimo degli impatti rispetto all’inquinamento ambientale oltre che ad un rapporto costi/benefici significativo. In particolare, le soluzioni tecniche adottate mirano a ottenere un edificio che sia interconnesso con le condizioni ambientali circostanti al fine di rispondere agli obiettivi di risparmio energetico e alla riduzione delle emissioni di CO2. Tra gli interventi previsti, la rimozione dei condizionatori attualmente installati sulle facciate del Municipio e degli infissi esterni per poi attuare un miglioramento termico dell’involucro edilizio mediante iniezione di materiale isolante nelle intercapedini delle murature perimetrali esterne; la rimozione centrale termica attualmente utilizzata e dei relativi terminali di erogazione; la rimozione dell’Unità di Trattamento Aria (UTA); l’installazione Nuova Centrale Termica Idronica ed installazione nuovi terminali di erogazione all’interno degli uffici, per riscaldamento e raffrescamento, con l’utilizzo di un sistema integrato di Climatizzazione Estiva e Riscaldamento Invernale; il potenziamento Impianto elettrico sulla base dei nuovi impianti meccanici e sostituzione dei corpi illuminanti interni agli uffici. Inoltre, come diffuso in una precedente nota, i macchinari erano ospitati sulla copertura della Sala del Consiglio che, visti i nuovi carichi, non è più idonea ad assolvere tale funzione.

 

Nasce dunque da qui l’esigenza della realizzazione di un nuovo volume tecnico, posto all’interno della corte del municipio, al fine di non andare ad intaccare l’organismo architettonico, che, in tal modo, rimarrà integro nella sua configurazione strutturale e formale. Per evitare l’interferenza della struttura in elevazione con l’utilizzo della corte interna, è prevista poi una struttura sospesa, con gli unici elementi di sostegno (setti) posti alle due estremità del nuovo volume ed accostati alle murature preesistenti. Le aree dove troveranno posto i macchinari saranno completamente rivestite in modo da mitigare l’impatto del nuovo volume all’interno del Palazzo di Città e restituire la massima pulizia delle facciate. Nel bando di gara erano stati previsti, su indicazione del Sindaco, anche dei lavori migliorativi per l’integrazione degli interventi di efficientamento previsti con quelli di carattere funzionale e migliorativo. In particolare, dalla funzionalizzazione del nuovo volume sarà ideata una “sala polifunzionale”, dove potranno essere ospitati eventi di carattere culturale, visto il suo posizionamento baricentrico rispetto a tutto l’edificio.

 

Il rapporto tra gli ambienti esistenti e il nuovo spazio polifunzionale avverrà attraverso il terrazzo posto al primo livello, che in tal modo fungerà da filtro. Al fine di integrare nel miglior modo possibile il nuovo volume con gli spazi esistenti, è stata prevista la ridistribuzione funzionale degli ambienti ad alcuni livelli. In special modo, l’ammodernamento delle aree di rappresentanza del piano primo in modo da integrare i nuovi interventi con le aree preesistenti sia dal punto di vista architettonico che formale. Inoltre, si avranno modifiche distributive al terzo piano, sede della Sala Consiliare, con la previsione di nuovi ambienti a servizio di tale spazio, in modo tale da garantire un collegamento diretto anche con le altre aree del Consiglio già esistenti a tale livello, garantendone un ammodernamento complessivo. Il sindaco Mario Occhiuto ribadisce la propria soddisfazione: “A dimostrazione che non ci interessano i proclami fini a se stessi – ha dichiarato – sono lieto che in un lasso di tempo così breve siamo riusciti ad intercettare i finanziamenti, appaltare la gara e dare il via ai lavori. La casa comunale non solo sarà più funzionale e accogliente, ma sarà un vero modello da prendere a riferimento per il risparmio energetico. La riqualificazione degli spazi deve essere un concetto di modernità anche in tal senso”.