ASCOLTA RLB LIVE
Search

Giovane madre senzatetto a Cosenza ospitata nei container

La donna avrebbe dovuto trascorrere la notte all’addiaccio insieme ai suoi due bambini.


COSENZA – E’ stata trovata una sistemazione temporanea per una giovanissima ragazza rumena di 25 anni ed i suoi due bambini, di 3 e 4 anni. Nessuno voleva ospitarli e sarebbero stati condannati a trascorrere la notte dormendo in strada. Padre Fedele e la sua segretaria, Teresa Boero, li hanno da poco portati nei due container della Protezione Civile, che Franco Corbelli, dal mese di ottobre ha fatto trasportare e installare a Cosenza in via degli Stadi, per ospitare tutti i clochard della cittĂ  mettendo anche, per la sorveglianza e l’assistenza, durante la notte, ai poveri malati, un custode che paga mensilmente lo stesso leader di Diritti Civili. A dare la notizia, in serata, dopo aver ricevuto la telefonata di Padre Fedele e Teresa, e’ lo stesso Corbelli. “Esprimo tutta la mia soddisfazione e la mia gioia per la bella notizia che mi hanno appena comunicato Padre Fedele e Teresa.

 

Quella giovanissima ragazza e i suoi due bambini che nessuno ha voluto accogliere – sottolinea Corbelli – sono da questa notte ospitati nei nostri due container dei poveri, dove continuano a trovare un tetto dignitoso le persone piu’ povere, malate, bisognose ed emarginate. Amareggia sapere che note strutture di accoglienza della nostra citta’ non abbiano accolto una giovanissima mamma e i suoi due bambini. L’importante e’ comunque non averli lasciati per strada. Aiuteremo questa giovane mamma e i suoi due bambini cosi’ come stiamo aiutando tutti gli altri poveri che grazie proprio a quei due container abbiamo potuto ospitare e salvare in questo periodo invernale e di grande freddo. Ringrazio Padre Fedele e i suoi due collaboratori, Teresa e Giovanni Valentino, che ogni giorno si sacrificano per aiutare chi ha bisogno. Io continuero’ sempre, come faccio da una vita – conclude il leader del movimento Diritti Civili – a sostenere la loro meritoria missione umanitaria”.