neve-cosenza-anto02

Fronteggiata l’emergenza neve a Cosenza, situazione sotto controllo

Venti mezzi spazzaneve al lavoro dalle prime ore del mattino. A Cosenza Vecchia bobcat tra i vicoli.

 

COSENZA – Dall’alba il Settore Protezione civile del Comune di Cosenza ha fatto scattare il piano di pronto intervento, già messo a punto fin dalla serata di ieri, per fronteggiare l’emergenza venutasi a determinare in seguito alle precipitazioni nevose che da ieri sera hanno interessato la città. Le operazioni di pronto intervento sono, su precise indicazioni del Sindaco Mario Occhiuto che sta seguendo personalmente l’evolversi della situazione, coordinate dall’Assessore alla sostenibilità ambientale Carmine Vizza, dall’ingegnere Converso e dal responsabile della protezione civile comunale Piero Leonetti. Sono in tutto otto le ditte impiegate dal Comune con oltre venti mezzi spazzaneve, che dall’alba hanno già reso percorribili le strade della città. Negli interventi programmati, concentrati su tutto il territorio comunale, è stata data priorità alle periferie e alle zone più alte della città (centro storico), con un’attenzione particolare rivolta ai siti sensibili, come Ospedali, case di cura e scuole.

 

Nel centro storico sono stati utilizzati dei bobcat spazzaneve per liberare le stradine ed i vicoli dove i mezzi pesanti non possono accedere. Il personale della Società “Ecologia Oggi” è invece al lavoro sull’isola pedonale, su Piazza Bilotti e in altre piazze della città. Pur nella complessità della situazione, il quadro generale dà conto di una città che non ha incontrato eccessive criticità e quelle che ancora persistono si stanno, con il passare delle ore, avviando a soluzione. Dalle prime ore del pomeriggio è partita la fase due, con l’entrata in azione dei mezzi spargisale per evitare la formazione di lastre di ghiaccio. Anche in questo caso sarà data priorità ai siti sensibili (Ospedali e case di cura e i punti di accesso alle scuole).

 

LEGGI ANCHE

 Cosenza si sveglia ammantata di bianco. Tanta neve in città e nell’hinterland

(CLICCA E GUARDA LE FOTO)