ASCOLTA RLB LIVE
Search

Cosenza, la Giornata della Memoria con i testimoni della Shoah

COSNEZA – Il racconto dei testimoni della Shoah agli studenti, l’incontro tra vecchie e nuove generazioni per non dimenticare l’orrore dell’Olocausto, ma soprattutto per tramandare i valori della dignitĂ  delle persone e della solidarietĂ , per contrastare ogni forma di violenza e di intolleranza, ieri come oggi.

Questo lo spirito della serie di iniziative organizzate a Cosenza per il “Giorno della Memoria” dalla Cgil e dallo Spi Cgil, insieme all’associazione Auser, alla Fondazione Museo Ferramonti, alla Rete universitaria Giorno della Memoria e con la collaborazione dell’Ambasciata d’Israele. “Abbiamo deciso di organizzare queste iniziative nell’Ambulatorio medico senza confini “Adolfo Grandinetti” di Cosenza destinato ai migranti e ai rom, popolo oggetto di persecuzione nazista – spiega Giovanni Donato, segretario della Cgil di Cosenza -. Una scelta non casuale, perchĂ© siamo convinti che il razzismo e l’intolleranza dilaganti vanno contrastati con la cultura e con azioni concrete”. Il primo dibattito, domenica sera, ha visto protagonista Lizzie Doron, scrittrice e testimone di seconda generazione della Shoah, che ha commosso il numeroso pubblico con i suoi ricordi di un’infanzia vissuta nell’immediato dopoguerra in un sobborgo povero di Tel Aviv. La mente della scrittrice è tornata ai silenzi della madre che non ha mai voluto narrarle nulla degli orrori vissuti, all’abitudine di chiamare i sopravvissuti con il numero tatuato nei lager, al ricordo di un medico che diede ai propri cani i nomi dei figli persi ad Auschwitz. A fare da cornice alla storia di Lizzie Doron, le foto della mostra “Vedere l’Altro, vedere la Shoah”, con la giuria che ha assegnato il primo premio allo scatto “Andarsi incontro” di Valentina Cosco.

 

Ieri mattina, migliaia di studenti hanno assistito alla deposizione di una corona di fiori nel campo di Ferramonti di Tarsia da parte di due prigioniere: Dina Friedman Smadar e Judith Itzkah che, nel pomeriggio, sono state protagoniste dell’ultimo appuntamento organizzato dalla Cgil in occasione del “Giorno della Memoria”. L’incontro è stata anche l’occasione per presentare la seconda edizione del “Premio Ferramonti”, organizzato dallo Spi Cgil Calabria. Il premio – ha evidenziato Vladimiro Sacco, segretario dello Spi Cgil Calabria – è destinato a giovani intellettuali calabresi e alle scuole e quest’anno prevede una terza sezione dedicata ai cortometraggi. Accompagnate dalle note dell’orchestra dei giovani allievi dell’Istituto comprensivo di Rovito, spazio quindi al racconto di Dina Friedman Smadar. Una vicenda di violenza, ma pure di amore. I suoi genitori infatti si conobbero proprio al campo di Ferramonti dove nacque la stessa Dina Friedman Smadar. “Difficile scegliere un episodio da narrare, tutte le storie che ho sentito e che ho vissuto in famiglia sono ugualmente emozionanti” ha detto. Judith Itzkah è nata a Napoli e successivamente, a 17 giorni, è stata internata con la mamma al Campo di Ferramonti dove rimase per tre anni. “Allora ero una bambini e di Ferramonti ho principalmente dei ricordi visiti – ha sottolineato -. Attraverso le foto di famiglia e delle ricerche ho ricostruito la nostra vicenda. Siamo vivi solo perchĂ© siamo stati internati a Ferramonti e non in altri campi”. Molto toccante il racconto di Mario De Simone: “I tedeschi chiesero a un gruppo di bambini di fare un passo in avanti se avessero voluto vedere la mamma. Venti piccoli si fecero avanti, tra questi mio fratello Sergio. Questi venti bimbi furono richiusi nel campo di Amburgo e sottoposti a esperimenti sulla tubercolosi. All’arrivo degli alleati furono uccisi e bruciati. Mia madre è morta nella convinzione voluta che mio fratello fosse vivo”. Michele Gravano, segretario della Cgil Calabria, ha fatto un parallelo tra la violenza di ieri e quella di oggi, tra i venti bambini uccisi e bruciati e il piccolo Cocò. “Di fronte a questa violenza non possiamo chiudere gli occhi” ha affermato con forza.