“Scuole Chiuse/Città Aperte”: grande successo per la Città dei Ragazzi

COSENZA – In occasione

della chiusura delle attività del programma “Scuole Chiuse – Città Aperta”, svoltosi presso la Città dei Ragazzi nel periodo compreso tra il 17 Giugno ed il 2 Agosto 2013, l’Assessore alla Scuola del Comune di Cosenza, Geppino De Rose, d’intesa con gli operatori coinvolti nell’iniziativa (la società Teca, la Cooperativa delle Donne e la Cooperativa Don Bosco) ha promosso la realizzazione di un’analisi di “customer satisfaction” mirata alla misurazione del gradimento del servizio da parte delle famiglieIl Comune, com’è noto, ha organizzato e svolto presso la Città dei Ragazzi un’attività di intrattenimento, creativa/ricreativa, dei bambini in età compresa tra i 4 e i 14 anni.
“I risultati dell’indagine conoscitiva – sottolinea l’Assessore Geppino De Rose – sono incredibilmente incoraggianti e premiano la qualità di un’intuizione avuta dal Sindaco Mario Occhiuto e dalla mia amica Marina Machì, all’epoca Assessore alla Scuola, di prestare attenzione ai bisogni dei bambini e delle famiglie in un periodo, quale quello della chiusura delle scuole, che mette, tradizionalmente, a dura prova l’assetto organizzativo delle stesse, alle prese con una logistica del quotidiano davvero complessa tra problemi lavorativi, concomitanze di orari e, soprattutto, esigenze di socializzazione ed assistenza dei più piccoli.”
Tutte le domande formulate nel questionario (dall’adeguatezza degli orari, alla qualità dei programmi educativi, alla sicurezza della struttura, alla pulizia ed all’igiene dei locali, alla competenza e disponibilità del personale utilizzato) hanno ricevuto valutazioni estremamente positive dalle famiglie intervistate. Addirittura il 99% dei genitori ha risposto che i bambini dichiarano a casa di “ venire con entusiasmo alla Città dei Ragazzi per partecipare ai programmi di intrattenimento.
Significativamente, è stata avanzata dai genitori la richiesta di una replica dell’esperienza in occasione delle festività natalizie e pasquali, a conferma, da un lato, della qualità del servizio e, dall’altro, delle criticità organizzative che le famiglie vivono in occasione della chiusura delle scuole.
I genitori hanno chiesto uno sforzo ulteriore verso lo svolgimento di attività motorie ed un potenziamento del verde della struttura. Esigenze queste che l’Assessore De Rose ritiene “giustissime e che troveranno risposte strutturali significative nei lavori di rifunzionalizzazione che, a breve, interesseranno la Città dei Ragazzi attraverso la messa a dimora di un imponente numero di alberi, la creazione di un enorme parco di giochi gonfiabili e la creazione di nuovi spazi per le attività ludico-creative dei bambini.”
“Si è trattato – ha concluso l’Assessore De Rose – di una sperimentazione importante. Oggi ripartiamo, con maggiore consapevolezza e convinzione, verso il consolidamento delle esperienze e delle attività di un parco educativo per l’infanzia destinato ad attrarre le attenzioni di una platea d’utenti sempre più vasta, anche sotto il profilo del territorio di riferimento. Desidero, anche a nome del Sindaco, ringraziare gli operatori che hanno assicurato il servizio e tutte le famiglie per la collaborazione prestata e per i preziosi suggerimenti che hanno saputo offrirci e che terremo, ovviamente, in rigorosa considerazione nella riprogettazione dell’iniziativa.”