ASCOLTA RLB LIVE
Search

Festeggiata Santina Pasqualina, la mamma più anziana di Castrolibero

Una targa ricordo e di un fascio di fiori; così l’Amministrazione Comunale di Castrolibero, ha omaggiato la signora Santina Pasqualina nel giorno della festa della mamma.

 

CASTROLIBERO – L’amministrazione comunale in collaborazione con il CIF di Castrolibero, ha festeggiato le mamme con una partecipata iniziativa che si è tenuta nel primo pomeriggio di sabato scorso. Il sindaco Giovanni Greco e la consigliera comunale delegata alla famiglia, Raffaella Ricchio, hanno fatto vista alla longeva signora Santina Pasqualina, per omaggiarla di una targa ricordo e di un fascio di fiori. Il tutto, in un’atmosfera di accoglienza calda e partecipata per festeggiare la mamma più anziana di Castrolibero, custode della memoria collettiva e di tanti simpatici aneddoti della tradizione popolare.

A seguire, i festeggiamenti si sono colorati di tanta allegria con l’arrivo dei pj masks per intrattenere i numerosi partecipanti. E’ stato un momento di autentica comunità, preceduto dalle commoventi parole della consigliera comunale che ha rivolto un pensiero a tutte le mamme, specie a quante, con coraggio e determinazione, affrontano i problemi della quotidianità; a chi a volte si sente inadeguata; a chi lotta per diventare mamma e non riesce, e decide così di compiere il nobile gesto dell’adozione; a chi non c’è più e veglia dall’alto sui propri bambini; a quelle donne che diventano mamme per la seconda volta: le nonne.

A margine dell’incontro, hanno portato i loro saluti il sindaco di Castrolibero, Giovanni Greco, ed il consigliere regionale Orlandino Greco il quale ha sottolineato l’importanza del ruolo della mamma, soprattutto, nella società odierna: «La mamma è colei che ti cresce col proprio ossigeno, col proprio sangue e poi ti insegna a camminare, ad andar via. È questo il dono più alto della maternità». Anche per il sindaco Greco: «In questa giornata particolare non possiamo non pensare a quante, con occhio amorevole, si occupano dei propri figli e, di conseguenza, dell’intera Comunità».