ASCOLTA RLB LIVE
Search

Montalto Uffugo, smaltivano rifiuti speciali dandoli alle fiamme. Denunciate 4 persone

La segnalazione ai carabinieri da parte di alcuni residenti nella frazione Settimo. I forestali hanno sequestrato un’area di 500 mq ed avviato anche necessarie verifiche per appurare l’eventuale contaminazione del suolo

.
MONTALTO UFFUGO (CS) – I carabinieri forestali di Montalto Uffugo hanno denunciato quattro persone responsabili di aver smaltito rifiuti mediante combustione all’interno di un’azienda sita in località Settimo di Montalto. I militari, dopo aver ricevuto diverse segnalazioni dai cittadini, che lamentavano la presenza di fumo denso provenire dall’interno di una azienda, giunti sul posto hanno sorpreso nel piazzale esterno dell’insediamento produttivo il padre del titolare e due operai intenti a bruciare rifiuti. In particolare stavano smaltendo, attraverso la combustione illecita, rifiuti speciali quali scarti vegetali, di lavorazione del legno, pannelli, pezzi di compensato, listelli, vetro, materiale ferroso e rame, distinti in due diversi cumuli. Tra i rifiuti ridotti oramai in cenere è stato rinvenuto anche del materiale plastico, presumibilmente derivante da rifiuti prodotti dall’attività dell’impresa agricola. Spento il fuoco, che produceva fumi maleodoranti con pregiudizio per la salute dei cittadini, oltre a provocare fastidio alla circolazione stradale dell’Autostrada A2 del Mediterraneo, i militari hanno provveduto a mettere in sicurezza l’area.

I carabinieri hanno inoltre potuto accertare sul luogo le tracce evidenti di diversi roghi così come testimoniato dai residui combusti ancora presenti sul terreno. L’area interessata, di circa 500 mq, è stata pertanto posta sotto sequestro anche per poter procedere, nel più breve tempo possibile, ad effettuare le necessarie verifiche per appurare una eventuale contaminazione del suolo, mentre il titolare dell’azienda, suo padre e i due operai sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Cosenza per aver smaltito i rifiuti attraverso la combustione illecita e per aver provocato con le emissioni dei fumi derivanti dai roghi, molestie olfattive alla popolazione residente.