Stalking, pensionato nei guai

Prigioniera della paura. La luce dei riflettori della cronaca si accende su una nuova e triste pagina di stalking. Lo stalker di turno ha il volto segnato dalle rughe. Segni evidenti del passaggio della sua età.

Protagonisti di questa vicenda, nel ruolo di carnefice e di vittima, sono un’ex coppia. La donna, dalla quale viveva di fatto separata, era divenuta bersaglio delle ossessive, minacciose e, a volte, violente attenzioni dell’uomo. Il pensionato, infatti, mostrava verso la presunta vittima un atteggiamento provocatorio e scostante. Un atteggiamento tanto grave e persistente da aver indotto l’ex moglie a sporgere formale denuncia ai carabinieri della stazione di Castrolibero. I militari, al termine di una minuziosa ed articolata attività investigativi, dopo aver “cristallizzato” nero su bianco i gravi indizi di colpevolezza a carico del pensionato, hanno inviato al sostituto procuratore Salvatore Di Maio, uno dei magistrati componenti del pool contro i reati alla persona, un dettagliato rapporto informativo. Il magistrato ha subito richiesto al Gip l’adozione di un provvedimento a garanzia della persona offesa. Provvedimento che è stato concesso nel giro di qualche giorno. All’indagato la procura diretta da Dario Granieri contesta i maltrattamenti, lo stalking e le lesioni. La vicenda ripropone l’invasività del fenomeno dello stalking nel comprensorio giudiziario del capoluogo. Negli ultimi dodici mesi sono infatti una quarantina i casi rispetto ai quali la magistratura è dovuta intervenire con l’adozione di provvedimenti cautelari