Lotta alle infiltrazioni mafiose negli appalti e sanità. Firmato protocollo tra Occhiuto e Piantedosi

Firmati dal Ministro dell’Interno e dal Presidente della Regione Calabria due protocolli d’intesa in materia di prevenzione antimafia. il primo riguarda la prevenzione e repressione dei tentativi di infiltrazione nel settore degli appalti e nelle concessioni di lavori. Il secondo nel contrasto alle infiltrazioni nell’uso dei fondi destinati agli investimenti pubblici in ambito sanitario

ROMA – Il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, e il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, hanno sottoscritto oggi a Roma, presso il Viminale, due importanti Protocolli in tema di legalità. Le due intese mirano in particolare alla prevenzione e alla repressione dei tentativi di infiltrazione mafiosa nel settore degli appalti e nelle concessioni di lavori, servizi e forniture pubblici, mediante l’acquisizione di dati e successiva elaborazione, finalizzata a migliorare l’individuazione di criticità sugli operatori economici interessati all’aggiudicazione. Il primo Protocollo d’intesa ha ad oggetto la condivisione, tramite la piattaforma tecnologica regionale “Giga Calabria”, dei dati e delle informazioni relativi agli appalti a valere sulle risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza, nonché su quelle provenienti dagli altri programmi comunitari e nazionali da parte delle stazioni appaltanti.

La condivisione dei dati relativi agli investimenti pubblici in ambito sanitario

Il secondo Protocollo ha ad oggetto, invece, la condivisione dei dati relativi agli investimenti pubblici in ambito sanitario, sempre tramite la piattaforma tecnologica regionale “Giga Calabria”. L’esigenza manifestata dalla Regione Calabria è quella di proseguire nel contrasto alle infiltrazioni della criminalità organizzata, nell’ambito di una costante attività per la tutela dell’economia legale e per la preclusione degli spazi di agibilità in favore delle organizzazioni criminali. La piattaforma informatica oggetto dei Protocolli d’intesa rappresenta uno strumento di grande potenzialità per rendere più efficace anche l’attività dei Gruppi interforze (GIA) nelle Prefetture, nell’ambito delle prerogative di propria competenza, contro i tentativi di infiltrazione criminale e mafiosa nel settore degli affidamenti pubblici di contratti di appalto.

Occhiuto e Piantedosi

Piantedosi “Prevenire le aggressioni criminali”

Nell’occasione, il ministro Piantedosi ha tenuto a sottolineare “la proficua collaborazione con la Calabria e a confermare la disponibilità del Viminale sempre a fianco della Regione per ogni iniziativa di reciproco interesse a tutela della legalità”. “Prevenire le aggressioni criminali – ha dichiarato il titolare del Viminale – significa assicurare al territorio una reale crescita economica, offrendo nuove opportunità di sviluppo sociale. Accordi come questi – ha infine aggiunto il ministro Piantedosi– intendono fornire agli organi di prevenzione e investigativi strumenti utili a lavorare fianco a fianco contro chi tenta di appropriarsi illecitamente di risorse destinate alla comunità”.

Occhiuto “un software per potenziare i controlli”

“Bisogna tenere la barra dritta – ha dichiarato il presidente Occhiuto – rispetto alle infiltrazioni dei poteri criminali. Sono felice che il ministro Piantedosi abbia firmato questi Protocolli con la Regione Calabria per dare modo alle forze di polizia di utilizzare tutte le banche dati delle aziende ospedaliere e sanitarie regionali, al fine di controllare gli appalti e le aggiudicazioni. Abbiamo recentemente acquisito un software che dà la possibilità alla Direzione Investigativa Antimafia di potenziare i controlli e di renderli più semplici”.

“È la dimostrazione che un’altra Calabria è possibile, siamo una Regione nella quale le istituzioni lavorano insieme per contrastare l’illegalità ma anche per rendere più efficiente la pubblica amministrazione. Sono molto felice di questo, così come sono contento che la Calabria da due anni a questa parte si stia anche segnalando per buone pratiche amministrative. Questa Regione da tutti ritenuta per tanti anni ingovernabile invece dimostra di poter essere governata”, ha concluso il governatore Occhiut

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

Tragico incidente sulla Statale 106 Jonica, muore un giovane di 28 anni

CROPANI (CZ) - Ennesimo incidente stradale sulla Strada Statale 106 jonica. Secondo quanto emerso, nell'impatto che ha visto coinvolti un'auto e una motocicletta, un...

A Montalto Uffugo bassa l’affluenza alle 12 al ballottaggio: 12,3% degli aventi diritto

MONTALTO UFFUGO (CS) - Si sono regolarmente aperte stamattina le operazioni di voto nei tre comuni della Calabria interessati al turno di ballottaggio per...

“Valli dell’innovazione”: l’Unione europea premia 16 regioni, anche la Calabria

BRUXELLES - Piemonte, Liguria, Lombardia, Abruzzo, Molise, Puglia, Calabria, provincia autonoma di Bolzano e di Trento, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Marche e...

Si Cobas Calabria esulta per le assunzioni a tempo indeterminato della figura di Oss

CATANZARO - Il Si Cobas Calabria rappresentato dai coordinatori regionali Roberto Laudini e Simone Scandale esprime soddisfazione per le assunzioni a tempo indeterminato della...

Cosenza: nasce il centro studi su “Salute, Società e Territorio” dell’Unical, coinvolti 9 dipartimenti

COSENZA - La presentazione si terrà martedì 25 giugno alle 17, presso la Casa delle Culture di Cosenza. Il Centro Studi su Salute, Società...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Autonomia differenziata, il Pd contro Occhiuto: “l’ipocrisia populista del governatore”

CATANZARO - Il gruppo regionale del Pd evidenzia «l’ipocrisia populista del governatore e degli altri rappresentanti forzisti» all’indomani dell’approvazione alla Camera del testo sull’Autonomia...

‘Ndrangheta: droga e armi, omicidi ed estorsioni. “Piena luce sulla strage...

VIBO VALENTIA - Nell’area delle “Preserre” vibonesi, la cosca di ‘ndrangheta ricompresa nel “locale dell’Ariola” aveva proiezioni economico-criminali in Piemonte, Abruzzo, Svizzera e Germania....

Incendiano un’auto e poi scappano, denunciate due persone

SAN FERDINANDO (RC) -  I carabinieri della Stazione di San Ferdinando hanno deferito in stato di libertà due cittadini del posto perché ritenuti colpevoli dell’incendio...

Agostino Sestino è il nuovo commissario capo del carcere di Cosenza

COSENZA - Cambio al vertice del comando della Polizia Penitenziaria impegnata nella casa circondariale di Cosenza. Da oggi a dirigere gli agenti sarà il...

Nascondeva in casa 400 grammi di eroina, 34enne arrestato

CROTONE - Personale della Squadra Mobile, impegnato in servizi straordinari di controllo in alcuni quartieri periferici del capoluogo,  finalizzati al contrasto dello spaccio di...

Autonomia differenziata, Succurro annuncia una nuova protesta dei sindaci

CATANZARO - «Noi sindaci calabresi siamo molto preoccupati per la spedita approvazione dell’autonomia differenziata, che nella forma attuale può compromettere il futuro dei nostri...