Benzinai sul piede di guerra, confermato lo sciopero del 25 e 26 gennaio

Il ministro Urso chiede ai benzinai di revocare lo sciopero. Assoutenti annuncia mobilitazioni contro i gestori «non ci sono più motivi per la chiusura»

ROMA – Lo sciopero dei benzinai “era e rimane confermato”. Così una nota congiunta i presidenti delle principali associazioni di categoria dei benzinai Faib, Fegica e Figisc/Anisa. Nella nota si legge che “le dichiarazioni di questa mattina del ministro Urso” che aveva lanciato un appello a revocare lo sciopero del 25 e 26 gennaio “sono l’ennesima dimostrazione della confusione in cui si muove il Governo in questa vicenda. Il Governo continua a chiedere trasparenza e noi l’abbiamo offerta in tutti i modi. Quello che non ci si può chiedere è di autorizzare nuovi adempimenti e nuove sanzioni a carico dei gestori”.

Adolfo Urso, ministro delle Imprese e del Made in Italy, questa mattina aveva lanciato un appello alle associazioni di categoria chiedendo di revocare lo sciopero dei benzinai del 25 e 26 gennaio. “E’ una decisione che danneggia i cittadini”, ha affermato Urso intervistato da Maria Latella su Radio 24 a ‘Il caffè della domenica’. “C’è un tavolo di confronto che terremo aperto in maniera continuativa finche’ non ci sarà un riordino del settore”, ha assicurato il ministro parlando di “zone d’ombra che danneggiano coloro che lavorano in piena onestà”, la stragrande maggioranza dei gestori.

La replica delle associazioni

Dalle associazioni di categoria è arrivata la replica alle affermazioni del ministro dell’Impresa e del Made in Italy. “Al ministro – si legge nella nota – abbiamo avanzato proposte concrete, le valorizzi senza scaricare la responsabilità delle sue esclusive scelte sulla pelle dei benzinai ed eviti di evocare compiacenti pseudo associazioni di carattere personalistiche che non hanno alcuna rappresentanza”. Prosegue la nota: “Le organizzazioni di categoria hanno sempre sostenuto la necessità di un confronto aperto fino all’ultimo minuto utile prima dello sciopero che era e rimane confermato. Le dichiarazioni del Ministro Urso rischiano seriamente di chiudere ogni residua possibilità di concludere positivamente la vertenza in atto. Intervenga Palazzo Chigi e dia un segnale sull’intera vertenza”.

“Sciopero va revocato”

Lo sciopero dei benzinai “va revocato senza se e senza ma, perché sono venute meno tutte le motivazioni che hanno portato i gestori a indire la protesta”. Lo afferma Assoutenti, che condivide le affermazioni del ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso. “Alla luce delle ultime decisioni del Governo non esiste più alcun motivo per scioperare – spiega il presidente Furio Truzzi – il decreto trasparenza è stato modificato così come richiesto dai benzinai, con l’eliminazione dell’obbligo di esposizione del prezzo medio giornaliero e la riduzione delle sanzioni per i distributori disonesti”. “Perseverare sulla strada dello sciopero equivale ad arrecare un doppio danno ai cittadini che da un lato subiranno la chiusura di tutti gli impianti il 25 e 26 gennaio, compresi i self service e le autostrade, dall’altro non potranno contare sulle misure di trasparenza previste in un primo momento dal Governo ed eliminate su pressione dei benzinai. Per tale motivo se lo sciopero dovesse essere confermato siamo pronti ad organizzare iniziative di protesta su tutto il territorio da parte dei consumatori, compreso un contro-sciopero degli automobilisti”, conclude Truzzi.

- Pubblicità -

Correlati

preti-pedofili

Report vittime abusi: in Italia censiti 418 preti pedofili, 21 in Calabria

ROMA - E' stato presentato oggi, dall'Osservatorio Permanente della Rete L'Abuso e dall'associazione internazionale Eca Global (Ending Clergy Abuse), il primo Report dei sopravvissuti...

Confiscati 8,5 milioni a un imprenditore legato alla ‘ndrangheta

BOLOGNA - La Direzione investigativa antimafia ha eseguito una confisca, disposta dalla Corte di Appello su richiesta del procuratore generale reggente di Bologna, Lucia...

Assolto l’ex calciatore rossoblu Michele Padovano: era accusato di traffico di droga

TORINO - Michele Padovano, ex bandiera rossoblu, è stato assolto dall’accusa di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti nell'ambito del processo d’appello bis celebrato...
Instagam PC e smartphone

Quando è il momento migliore per postare su Instagram? Ecco la guida completa

Una guida completa per scoprire i trucchi e i momenti in cui postare su Instagram per ottenere maggiore visibilità e aumentare i follower
- Pubblicità -
- Pubblicità adsense 1-

Ultimi Articoli

Mendicino fiamme

Mendicino, a fuoco un intero appartemento. Dichiarato inagibile

COSENZA - Questa mattina i vigili del fuoco di Cosenza, sono intervenuti a Mendicino nella frazione Basso La Motta per domare le fiamme divampate...

Cosenza, inchiesta Reset: il sindacalista Gianluca Campolongo lascia i domiciliari

COSENZA - La seconda sezione penale della Corte di Cassazione ha accolto ieri, 31 gennaio 2023, il ricorso proposto da Gianluca Campolongo, difeso dall'Avvocato...

‘Ndrangheta, evaso dai domiciliari killer ergastolano: uccise anche un carabiniere

MILANO - Massimiliano Sestito, ritenuto affiliato alla 'ndrangheta catanzarese e condannato per mafia, è evaso nella serata del 30 gennaio dall'abitazione dove stava scontando...

Cosenza, una Consulta Intercultura per la cooperazione sociale e culturale in città

COSENZA - E' stato approvato questa mattina in Commissione servizi al cittadino di Palazzo dei Bruzi il regolamento della Consulta Intercultura Cosenza. "Finalmente il...

A2, chiusura di un tratto di autostrada per lavori alle condutture elettriche

VIBO VALENTIA - Per consentire alla Società E-distribuzione S.p.A. i lavori di eliminazione delle condutture elettriche interferenti, in corrispondenza del km 340,605 - in...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti
- Pubblicità adsense 2-

Categorie

Leggi ancora

Mendicino, a fuoco un intero appartemento. Dichiarato inagibile

COSENZA - Questa mattina i vigili del fuoco di Cosenza, sono intervenuti a Mendicino nella frazione Basso La Motta per domare le fiamme divampate...

‘Ndrangheta, evaso dai domiciliari killer ergastolano: uccise anche un carabiniere

MILANO - Massimiliano Sestito, ritenuto affiliato alla 'ndrangheta catanzarese e condannato per mafia, è evaso nella serata del 30 gennaio dall'abitazione dove stava scontando...

Anci Calabria scrive ad Occhiuto: «difficile aderire all’Autorità rifiuti e risorse...

CATANZARO - «Per Anci Calabria ci sono delle criticità nel percorso di adesione dei Comuni ad Arrical, l’Autorità dei Rifiuti e delle Risorse Idriche...

Marchio DOP per il Cedro di Santa Maria del Cedro, Occhiuto:...

COSENZA - «Ero un ragazzo, così come lo era l’assessore Gallo, quando insieme partecipavamo ai convegni organizzati dal professor Galiano sulla necessità di creare...

Confiscati 8,5 milioni a un imprenditore legato alla ‘ndrangheta

BOLOGNA - La Direzione investigativa antimafia ha eseguito una confisca, disposta dalla Corte di Appello su richiesta del procuratore generale reggente di Bologna, Lucia...

Sequestrati 295 kg di prodotti ortofrutticoli: sospesa l’attività

REGGIO CALABRIA - Nei giorni scorsi, a Reggio Calabria, i carabinieri della Stazione di Reggio Calabria – Modena hanno riscontrato diverse irregolarità in materia...