In Chiesa tornano le acquasantiere e il segno di pace, mascherine consigliate

La Conferenza Episcopale Italiana allenta le restrizioni anti Covid e dopo oltre due anni in Chiesa tornerà anche il 'segno della pace' tra i fedeli. Consigliato sempre igienizzarsi le mani

ROMA – Una delle limitazioni che il Covid ha determinato è stata quella per cui, all’entrata e uscita dalle chiese, i fedeli non trovavano l’acqua benedetta nell’acquasantiera. Dopo oltre due anni e mezzo di pandemia, si allentano anche nelle chiese italiane le restrizioni anti-contagio da Covid. Oltre alle acquasantiere nuovamente fruibili, i fedeli potranno tornare a stringersi la mano scambiandosi il “segno di pace”

- Pubblicità Clikio single-

Sarà possibile tornare nuovamente a ripristinare l’uso delle acquasantiere, e – fa sapere la Cei – si potrà ripristinare la consueta forma di scambio del segno della pace”. Questi sono però alcuni dei “consigli e suggerimenti” relativi alle misure di prevenzione della pandemia contenuti in una lettera inviata ieri dalla Presidenza della Cei ai vescovi italiani.

Non partecipare alle celebrazioni se si è positivi o con sintomi influenzali

Tra le raccomandazioni, comunque, che “non partecipi alle celebrazioni chi ha sintomi influenzali e chi è sottoposto a isolamento perché positivo al SARS-CoV-2″, mentre “si valuti, in ragione delle specifiche circostanze e delle condizioni dei luoghi, l’opportunità di raccomandare l’uso della mascherina”. La lettera della Presidenza della Cei premette che “la normativa di prevenzione dalla pandemia da Covid-19 non è stata oggetto di interventi recenti del Governo“. Sembra, tuttavia, “opportuno continuare a condividere” alcuni consigli e suggerimenti” tra cui l’igienizzare le mani all’ingresso dei luoghi di culto.

Igienizzare le mani

Inoltre “è possibile svolgere le processioni offertoriali“; “non è più obbligatorio assicurare il distanziamento tra i fedeli che partecipino alle celebrazioni” e “si consiglia ai Ministri di igienizzare le mani prima di distribuire la Comunione“, e “nella celebrazione dei Battesimi, delle Cresime, delle Ordinazioni e dell’Unzione dei Malati si possono effettuare le unzioni senza l’ausilio di strumenti”. Il libero margine di azione da parte delle singole diocesi è salvaguardato dal fatto che, “tenuto conto delle specifiche situazioni locali i singoli Vescovi possono, comunque, adottare provvedimenti e indicazioni più particolari“, conclude la lettera.

Le misure che avevano determinato uno stravolgimento della modalità di celebrazione sono iniziate a marzo del 2020 e vennero stabilite dalla Conferenza episcopale italiana per affrontare la pandemia, in sintonia con le decisioni adottate dal governo nazionale. Tra quelle più drastiche lo stop delle messe aperte al popolo su tutto il territorio italiano. I nuovi “consigli e suggerimenti” ampliano quelli risalenti allo scorso giugno, tra i quali non erano presenti l’assenza dell’obbligo del distanziamento fra i fedeli e soprattutto il ritorno dello scambio della pace.

 

- Pubblicità sky-

Correlati

‘Ndrangheta, sequestrati 805 chili di cocaina su peschereccio nell’Atlantico

MADRID - Un italiano e sei gambiani sono stati arrestati in un’operazione internazionale antidroga che ha portato alla confisca di 805 chili di cocaina...

Tragico incidente sul lavoro in un cantiere della TAV, morto un giovane operaio calabrese

VOLTAGGIO (AL) - Ha perso la vita a 33 anni, Salvatore Cucè, in un tragico incidente sul lavoro, causato pare da un’esplosione, in un...

Violenza di genere on line, prende il via la campagna ‘Lo hai mai fatto?’

ROMA - Parte la campagna di sensibilizzazione "Lo hai mai fatto?" contro la violenza di genere on-line tra adolescenti, ideata e realizzata dalle ragazze...

Attacco hacker in Italia e nel mondo, decine di sistemi nazionali compromessi

ROMA - Un "massiccio attacco tramite un ransomware già in circolazione" è stato rilevato dal Computer security incident response team Italia dell'Agenzia per la...
- Pubblicità -
- Pubblicità adsense 1-

Ultimi Articoli

La scuola entra al Parlamento europeo: c’è anche il Pezzullo di Cosenza

COSENZA - Continua il progetto "La scuola entra al Parlamento" promosso dall'eurodeputata Laura Ferrara e che ha permesso agli studenti di quattro istituti d'Istruzione...

Fermato in auto con un fucile clandestino: arrestato

REGGIO CALABRIA - La Polizia Metropolitana di Reggio Calabria, nel corso di controlli anti bracconaggio tra Palizzi e Bova, ha arresto un soggetto già...

Freddo e senza riscaldamento, chiuso il tribunale di Castrovillari: udienze sospese

CASTROVILLARI (CS) - Udienze sospese fino al prossimo 18 febbraio nel Tribunale di Castrovillari a causa del freddo. L'impianto di riscaldamento nel Palazzo di...

Incendiato furgone della ditta che lavora per il comune

MILETO (VV) - Intimidazione stamani a San Giovanni, frazione del comune di Mileto con l'incendio di un furgone di proprietà di una ditta che...

«Azienda calabrese vieta di parlare di politica e limita altre libertà ai dipendenti»

CATANZARO - Divieto di volantinare, di discorrere di politica o parlare in famiglia di ciò che avviene in azienda, e, per le donne, comunicare...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti
- Pubblicità Cickio sidebar-
- Pubblicità adsense 2-

Categorie

Leggi ancora

Cosenza, il nuovo Pronto Soccorso disegnato da De Salazar: «ci prendiamo...

COSENZA - Il nuovo commissario dell'azienda ospedaliera di Cosenza, Vitaliano De Salazar, ha illustrato stamattina il nuovo programma di rilancio dell'Annunziata e in primis...

Tragico incidente sul lavoro in un cantiere della TAV, morto un...

VOLTAGGIO (AL) - Ha perso la vita a 33 anni, Salvatore Cucè, in un tragico incidente sul lavoro, causato pare da un’esplosione, in un...

Castrovillari, tentativo di furto in un istituto scolastico

CASTROVILLARI (CS) - Tentativo di furto si è verificato nelle prime ore di domenica scorsa, 5 febbraio, ai danni dell'Istituto Professionale Alberghiero "Karol Wojtyla"...

Pronto soccorso, ‘Cosenza Futura’ «gravità della situazione va affrontata subito»

COSENZA - «La gravità della situazione al Pronto Soccorso dell'ospedale di Cosenza va affrontata subito». E' quanto dichiara Fabrizio Falvo, già consigliere comunale di...

Gambarie: vanno via senza pagare il conto ma avevano lasciato nome,...

GAMBARIE (RC) - Le pagina di Quicosenza avevano già raccontato un episodio simile, accaduto a Rende, ai danni di un bar. Stavolta ci spostiamo...

Nelle farmacie di Cosenza e Provincia, la 23^ giornata di raccolta...

COSENZA - Serve più di 1 milione di farmaci per oltre 1.800 realtà socio-assistenziali. La Raccolta dura una settimana e aiuterà almeno 400.000 persone...