Funerali show per il boss legato alla ‘ndrangheta: fuochi d’artificio e lanci di rose

«Il giorno prima le vedette del clan hanno raccolto fondi per deporre corone di fiori e fuochi d’artificio in segno di rispetto alla famiglia»

ROMA – Fuochi d’artificio e lanci di rose ai funerali in chiesa la mattina e poi nel pomeriggio i caroselli in macchina in via Scozza sotto casa di Biagio Sparapano, boss di spicco del narcotraffico di Torbellamonaca, capo del clan alleato con i Moccia e i Cordaro, legato alla cosca di ‘ndrangheta dei Gallace operativi anche a Nettuno.

Biagio Sparapano è morto a 65 anni a Torbellamonaca il 29 novembre: il giorno dopo i funerali sono stati una ostentazione di controllo sul quartiere come poche volte a Roma. Il racconto è di Repubblica, che ricorda come a Roma non sia la prima volta in cui le esequie diventano uno spettacolo. Capitò anche nel 2015 per il funerale di Vittorio Casamonica, con il feretro portato in carrozza, petali di rosa elicottero e banda musicale con le note de “Il Padrino”. «Stavolta a Torbellamonaca per Biagio Sparapano – si legge su Repubblica – non c’è stato l’elicottero ma due cerimonie: la prima intorno alle 12 per i funerali nella chiesa di Santa Maria Madre del Redentore in viale Cambellotti. Alla fine della cerimonia ci sono stati lanci di rose e fuochi d’artificio che si sono sentiti persino negli uffici del Municipio: il giorno prima le vedette del clan hanno fatto il giro tra le Torri Ater per raccogliere fondi per deporre corone di fiori e fuochi d’artificio in segno di rispetto alla famiglia.

Gesti che contano per i clan. La seconda cerimonia è avvenuta nel pomeriggio, tra via Santa Rita da Cascia e via Scozza, sotto la seconda Torre Ater, dove abitava Sparapano. Alle 15 si sono presentati vedette, pusher e amici del boss: tutti in fila con la macchina accesa, almeno una decina le vetture. A un segnale convenuto sono partiti in fila indiana suonando i clacson e sono entrati nel parcheggio pubblico del condominio, si sono sistemati sotto il balcone del boss e continuando a suonare i clacson hanno lanciato petali di rosa». «Io da tempo chiedo una presenza delle forze dell’ordine più forte», spiega Nicola Franco, presidente del VI Municipio: la mattina dei funerali in chiesa stava lavorando nel suo ufficio e tra le 12 e le 13 ha sentito i fuochi d’artificio. «Questi episodi sono segnali di come sia forte la criminalità – conclude – perché sono un simbolo della presenza dei boss e della loro padronanza sul territorio».

- Pubblicità sky-

Ultimi Articoli

naufragio-cutro

Naufragio di Cutro, i familiari delle vittime: «dal governo solo parole, si vergogni»

CROTONE - "Non è facile tornare. È una cicatrice che si riapre. Siamo qui a chiedere verità e giustizia che non abbiamo visto per...
Lucano-naufragio-Cutro

Lucano: «a un anno dal naufragio di Cutro il mondo è peggiorato»

CROTONE - "La causa principale di quello che accade nel Mediterraneo è del neocolonialismo e di chi obbliga le persone a intraprendere questo viaggio,...
auto carabinieri

Ancora intimidazioni a Pannaconi: dopo il parroco presa di mira un’operatrice culturale

CESSANITI (VV) - Una lettera anonima contenente insulti e minacce è stata fatta recapitare a Pannaconi, frazione di Cessaniti, in provincia di Vibo Valentia,...
Granata_Caracciolo

Granata attacca il sindaco di Montalto: «dica ai cittadini cosa ha fatto sulla depurazione»

MONTALTO UFFUGO (CS) - "Pietro Caracciolo deve dire ai cittadini cosa ha fatto sulla depurazione in questi anni". Così esordisce Maximiliano Granata, presidente del...
insieme-per-il-futuro-castrovillari

Centro per l’impiego, anche da Castrovillari l’accordo per avvicinare gli studenti al lavoro

CASTROVILLARI (CS) – É stato presentato presso l’Aula Magna dell'Istituto Tecnico Industriale "E. Fermi" di Castrovillari il protocollo d’intesa "I Network Territoriali per le...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti

Correlati

Categorie

Leggi ancora

Orrore in Calabria, violentava la figlia 12enne: arrestato il padre. Abusi...

CIRO' MARINA - Violenza sessuale aggravata nei confronti della figlia dodicenne. Con questa accusa i carabinieri della Compagnia di Cirò Marina hanno eseguito un arresto disposto dal...

Cosenza, pubblicato l’avviso per l’assegno di maternità anno 2024: domanda e...

COSENZA - Assegno di maternità. Il Settore Welfare del Comune di Cosenza ha comunicato la rivalutazione delle misure e dei requisiti economici dell'assegno di...

Mandatoriccio, Poste Italiane: “presto sede temporanea dell’Ufficio postale”

COSENA - A seguito dell’incendio che ha interessato l’ufficio postale, andato distrutto dalle fiamme a Mandatoriccio Poste Italiane precisa che in questi giorni verranno...

Pd Cosenza, report sul Centro Storico: “tante parole e pochi fatti”

COSENZA - Dopo avere affrontato i temi dell’urbanistica dell’area urbana, del risanamento delle casse comunali e della crisi amministrativa strisciante del Comune di Cosenza,...

Sportello antiviolenza, La Ginestra “faro di speranza per le vittime”

SCALEA (CS) - Nella battaglia contro la violenza domestica, un nuovo caso ha trovato una sponda sicura presso lo sportello antiviolenza “La Ginestra”. Una...

Ponte sullo Stretto: la Procura di Roma apre un’indagine dopo esposto...

ROMA - Un fascicolo di indagine, senza ipotesi di reato e indagati, è stato aperto dalla Procura di Roma dopo un esposto presentato dal deputato di...