Incentivi: 35 “bonus” da richiedere entro ottobre 2022, come orientarsi nell’offerta - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Italia

Incentivi: 35 “bonus” da richiedere entro ottobre 2022, come orientarsi nell’offerta

Sono 35 e l’ultimo, in ordine di tempo, è quello per attenuare i costi per lo psicologo. Per la richiesta c’è tempo fino al 24 ottobre 2022 ma bisogna avere Isee inferiore a 15mila euro per avere 600 euro

Avatar

Pubblicato

il

ROMA – La Direzione generale del patronato Enasc-Unsic ha individuato i “bonus” in essere per il 2022. Sono trentacinque e l’ultimo, in ordine di tempo, è quello per attenuare i costi per lo psicologo, per il cui inoltro della richiesta c’è tempo fino al 24 ottobre 2022 (ma bisogna avere Isee inferiore a 15mila euro per avere 600 euro).

Ecco nel dettaglio tutti i bonus:

BONUS AFFITTO GIOVANI – Per giovani tra 20 e 31 anni (da compiere) che vanno a vivere da soli, con un appartamento (o parte di esso) in affitto come abitazione principale, diversa da quella dei genitori. L’agevolazione è del 20% delle spese annue sostenute, fino a 2.000 euro. Oltre all’età, bisogna avere requisiti economici.

BONUS ANIMALI DOMESTICI – Agevolazione del 19% per le cure mediche. Il limite massimo è di 550 euro, ma esiste una franchigia di 129,11 euro. Il credito si può usare in diminuzione delle tasse da pagare.

BONUS ASCENSORI – Detrazione del 75% sulle spese per la rimozione delle barriere architettoniche nelle case tramite ascensori o montacarichi o per lo smaltimento di impianti già esistenti. Il credito può essere utilizzato in 5 quote, in diminuzione delle tasse.

BONUS ASSUNZIONI GIOVANI – Fino al 30 giugno 2022, era l’incentivo per i datori di lavoro che hanno assunto giovani fino a 36 anni, con durata di 3 anni per contratto a tempo indeterminato con lavoratori under 36.

BONUS AUTO – Ecoincentivi all’acquisto di auto elettriche o ibride, rottamando un’auto più inquinante. Fino a 5.000 euro per auto elettriche con emissioni tra 0-20g/Km (3.000 per l’acquisto + 2.000 per eventuale rottamazione); fino a 4.000 euro per l’acquisto di auto ibride plug-in, nella categoria 61-135 g/Km di CO2 (2.000 all’acquisto + 2.000 con rottamazione).

BONUS BANCOMAT – Agevolazione per professionisti e commercianti, fino a 480 euro. Credito d’imposta per l’acquisto, l’affitto e l’uso del Pos. Andava richiesto entro il 30 giugno 2022.

BONUS BENZINA – Riduzione delle accise sui carburanti, pari a 25 centesimi al litro (più 5 centesimi di Iva) e introduzione di buoni carburante fino a 200 euro esentasse (voucher che le aziende possono distribuire ai dipendenti che si spostano per lavoro).

BONUS CALDAIA – Detrazione per la sostituzione di un impianto per il riscaldamento della casa. Agevolazioni: 110% se si sostituisce la caldaia in contemporanea con un intervento trainante di ristrutturazione; 65% cambiando l’impianto con uno di classe A o a maggiore efficienza; 50% per una caldaia di classe A, senza valvole.

BONUS CONDIZIONATORI – Per chi acquista (o sostituisce) un condizionatore nuovo a pompa di calore, ottenendo un efficientamento energetico in casa: detrazione del 50% o del 65% sulla spesa. Il credito è utilizzabile in diminuzione delle tasse da pagare. In alternativa è possibile fruire dello sconto in fattura.

BONUS CULTURA – 500 euro per studenti di 18 anni (nati nel 2003) tramite registrazione sulla piattaforma 18App, per chi possiede i requisiti previsti. È nominativo, si può usare nei negozi aderenti e su Amazon.

BONUS DOCENTI – Da settembre 2022, bonus di 500 euro nella carta del docente per acquistare libri, riviste, corsi, biglietti per teatri e cinema, musei, eventi culturali, ecc.

BONUS DONNE DISOCCUPATE – Sgravio contributivo fino a 6.000 euro per datori di lavoro che assumono lavoratrici senza occupazione da almeno 12 mesi. La durata del beneficio varia da 12 (per contratti a tempo determinato) a 18 mesi (per indeterminati).

BONUS 200 EURO – Una tantum introdotto con il decreto Aiuti 2022, per contrastare il caro vita. Spetta a pensionati e lavoratori dipendenti e autonomi. Previsto il bonus colf e badanti, anche per i disoccupati percettori di reddito di cittadinanza. Ne hanno diritto se con reddito inferiore a 35.000 euro nel 2021. L’aiuto a luglio 2022 in busta paga per i dipendenti privati (da scaricare il modulo di autodichiarazione). Per i dipendenti pubblici e i pensionati non serve l’autocertificazione.

BONUS ELETTRODOMESTICI – Per l’acquisto di frigoriferi, congelatori, forni e altro, per arredare casa oggetto di ristrutturazione. Agevolazione del 50% fino a 10.000 euro.

BONUS FACCIATE – Per le riqualificazioni delle case. La legge di Bilancio 2022 ha rinnovato l’incentivo, ma con percentuale inferiore: ora è al 60% delle spese per i lavori (era al 90% nel 2021).

BONUS FIGLI E FAMIGLIA – Le famiglie con figli fino ai 21 anni possono richiedere all’Inps l’assegno unico. L’importo dipende dall’Isee familiare: 175 euro mensili a figlio per Isee fino a 15.000 euro; da 175 a 51 euro per Isee da 15.001 a 40.000 euro; 50 euro mensili, oltre i 40.000 euro. Maggiorazioni in base al numero di figli e alla condizione lavorativa dei genitori.

BONUS IDRICO – Fino a 1.000 euro per la ristrutturazione di bagni, in particolare per la sostituzione di sanitari e rubinetti, a patto che comporti la riduzione del flusso di acqua utilizzata. Domanda, nel 2022, sulla piattaforma Sogei.

BONUS INFISSI – Detrazione fiscale del 50%, fino a massimo 60.000 euro. L’agevolazione può essere usata in diminuzione delle tasse da pagare o tramite sconto in fattura da parte dell’impresa che svolge l’intervento.

BONUS INTERNET – Voucher per la digitalizzazione rivolto a imprese e partite Iva. Fino a 2.500 euro per chi sottoscrive abbonamenti ad internet veloce. Si può richiedere fino al 15 dicembre 2022 agli operatori accreditati.

BONUS MATRIMONIO – Per le imprese che organizzano matrimoni e hanno registrato perdite.

BONUS MOBILI – Detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili destinati ad abitazioni oggetto di ristrutturazione. Tetto massimo della spesa sceso da 16.000 a 10.000 euro.

BONUS NIDO – Permette alle famiglie con redditi bassi di coprire parte del pagamento della retta. L’incentivo non rientra nel nuovo assegno unico per i figli.

BONUS PATENTE – Contributo del 50% (fino a 1.000 euro) sulle spese per prendere la patente. Per giovani fino a 35 anni; percettori del reddito di cittadinanza o di disoccupazione. Riconosciuto fino al 30 giugno 2022.

BONUS PRIMA CASA UNDER 36 – Per giovani che hanno acquistato una “prima casa” entro il 30 giugno 2022: esenzione dell’imposta di registro catastale; riconoscimento di un credito d’imposta per un importo pari all’Iva versata (dov’è previsto).

BONUS PSICOLOGO – Fino a 600 euro per uno psicologo per curare i disagi, certificati da un medico, causati dalle conseguenze della pandemia. Spetta senza limiti di età, se con Isee fino a 50.000 euro. Importo crescente al decrescere del reddito. Dal 25 luglio è possibile presentare domanda sul sito dell’Inps (o tramite call center).

BONUS RISTRUTTURAZIONE – Detrazioni per interventi che non rientrano nel Superbonus. Percentuale solitamente del 75%, ma dipende dal tipo di lavoro.

BONUS SCOOTER ELETTRICI – Contributo del 40% fino a 4.000 euro con rottamazione (del 30%, fino a 3.000 euro, senza). Va richiesto dalla concessionaria su ecobonus.mise.gov.it e spetta all’acquirente come sconto sul prezzo di acquisto.

BONUS SOCIALE – Per nuclei familiari con Isee basso c’è lo sconto applicato direttamente sulla bolletta di luce e gas. Si riceve in automatico, ma solo per famiglie con Isee aggiornato. La riduzione è applicata anche in nuclei con un soggetto in gravi condizioni di salute che necessita di apparecchiature mediche o con reddito di cittadinanza.

BONUS SUD – Fino al 30 giugno 2022, era lo sgravio del 30% dei contributi per assunzioni a tempo indeterminato nel Mezzogiorno.

BONUS TENDE DA SOLE – Detrazione del 50% fino a 60.000 euro sul prezzo d’acquisto e posa in opera di schermature solari interne o esterne. Vale anche per zanzariere.

BONUS TRASPORTO PUBBLICO – Fino a 60 euro per studenti e lavoratori che si spostano usando i mezzi pubblici. Serve un reddito inferiore a 35.000 euro nel 2021.

BONUS TV – Per l’acquisto di televisori o decoder. Sconto applicato dal fornitore sul prezzo di acquisto.

BONUS VERDE – Pari al 36% delle spese per la sistemazione del verde di casa. Bonus utilizzabile fino al 2024. Il limite della spesa è di 5.000 euro per interventi su terrazze, giardini, balcone, fioriere, recinzioni e altro.

SISMABONUS – Per l’acquisto di immobili in zone di rischio sismico, per i lavori di adeguamento. Dà diritto a ricevere il Superbonus 110%. Requisiti: l’atto di acquisto dell’immobile andava stipulato entro il 30 giugno 2022; il tetto di spesa per gli interventi è di 96.000 euro.

SUPERBONUS 110 – Prorogato per tutto il 2022, per ogni tipologia di abitazione. Non ci sono limiti Isee per i lavori che riguardano le villette unifamiliari. Per i condomini la proroga è fino al 2023.

Per ulteriori informazioni: tel. 06-58.333.803 chiedendo dell’Enasc-Unsic.

Italia

Raffica di aumenti per pranzo e cena di Natale: costerà di più anche brindare a fine anno

«Le scelte del Governo non sembrano difendere il potere d’acquisto delle famiglie. L’aumento delle accise provocherà un ulteriore rialzo dei prezzi»

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ROMA – “Imbandire le tavole in occasione del Natale costerà quest’anno agli italiani, a parità di consumi, 340 milioni di euro in più rispetto allo scorso anno. Ma già 3 famiglie su 10 sono pronte a tagliare la spesa legata alle feste per far fronte agli abnormi incrementi dei prezzi al dettaglio”. Lo afferma Assoutenti, che ha realizzato uno studio per capire quanto costerà nel 2022 il tradizionale pranzo di Natale.

“Rispetto allo scorso Natale si spende oggi il 10,5% in più per la carne, il 10% in più per il pesce, il 21,6% in più per le uova, il 41,7% in più per il burro, il 52,3% in più per l’olio di semi – afferma l’associazione – Lo zucchero sale del 49%, la verdura del 15,2%, l’acqua minerale del 15,5%. Costerà di più anche brindare per il nuovo anno: il vino sale del 6%, i liquori del 5,3%, la birra del 10,3%. Forti aumenti anche per il latte (quello conservato costa il 33,1% in più, quello fresco parzialmente scremato il 20% in più), i formaggi (+16,8%), il riso (+35,3%), farina e cereali (+23,5%), il pane (+15,9%) e la pasta (+21,3%).

Rincari dei prezzi che, a parità di consumi rispetto allo scorso anno, faranno salire di circa 340 milioni di euro la spesa degli italiani per pranzo e cenone di Natale, portando il costo complessivo degli acquisti alimentari legati al Natale a superare quota 2,8 miliardi di euro” – calcola Assoutenti. Secondo l’associazione, tuttavia, per contenere la spesa per le feste ben 3 famiglie su 10 sono pronte a tagliare i consumi natalizi. “L’emergenza prezzi si abbatte anche sul Natale e rischia di portare ad una sensibile riduzione dei consumi da parte dei cittadini – avvisa il presidente Furio Truzzi – Le recenti scelte del Governo non sembrano andare nella direzione di difendere il potere d’acquisto delle famiglie, considerando che l’aumento delle accise scattato lo scorso 1 dicembre provocherà un ulteriore rialzo dei prezzi al dettaglio e inciderà sulle tasche dei cittadini che si sposteranno in auto durante le prossime festività”.

Continua a leggere

Italia

Farmaco a base di vitamina D contro l’osteoporosi ritirato dall’Aifa

Un noto farmaco a base di vitamina D è stato ritirato dall’Aifa per risultato fuori specifica. Ecco il lotto a cui fare attenzione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – L’Aifa ha disposto il ritiro del seguente medicinale: Sefal 1 microgrammo capsule molli – 30 cps, AIC 033819020, lotto n. 1415690101 scad. 04/2023, concessionario per la vendita in Italia Farma Group Srl.

Il ritiro è stato disposto a seguito della comunicazione della Società Di Renzo Regulatory Affairs per conto della ditta Farma Group Srl, concernente risultati fuori specifica del titolo, in confezioni del medicinale sopra riportato ed ai sensi dell’art. 70 del D. L.vo 219/2006.

Sefal è un farmaco a base di alfacalcidolo, appartenente al gruppo terapeutico Vitamine D. È indicato, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, per curare le seguenti condizioni patologiche: Osteodistrofia da insufficienza renale in dialisi o meno. Ipoparatiroidismo. Rachitismo ed osteomalacia D-resistente o D-dipendente (pseudo-deficitaria). Rachitismo ed osteomalacia da alterazioni renali dovute al metabolismo della Vitamina D. Osteoporosi postmenopausale. Il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute è invitato a verificare il ritiro, già avviato dal titolare AIC, come comunicato dalla società Di Renzo Regulatory Affairs.

Continua a leggere

Italia

Influenza, è boom di casi: la Calabria non ha attivato la sorveglianza InfluNet

Ad essere particolarmente colpiti sono i bambini al di sotto dei 5 anni. Già 2,5 milioni di contagi dall’inizio della stagione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ROMA – Influenza è tornata e corre veloce. I dati del rapporto InfluNet dell’Istituto Superiore di Sanità ci dicono che sono circa 770mila gli italiani a letto in questi giorni, pari a 12,9 ogni mille. “Siamo tornati alla forza propulsiva dell’influenza del 2009 con numeri alti anticipati rispetto alla stagione. Abbiamo numeri importanti già a fine novembre” afferma Matteo Bassetti, direttore del reparto di malattie infettive all’ospedale policlinico San Martino di Genova.

La curva influenzale “continuerà a crescere perché questo è solo l’inizio”, avverte l’infettivologo. “Oggi l’incidenza è altissima tra i bambini, ma poi colpirà gli adulti e i nonni. I primi perderanno qualche giorno di scuola ma i nonni finiranno in ospedale? Per gli anziani è fondamentale affrettarsi ad effettuare il vaccino antinfluenzale”.

I più colpiti sono i bambini

I dati della rete di sorveglianza InfluNet, ci confermano che anche in Italia come nel resto dell’Europa stiamo registrando un picco che colpisce particolarmente i bambini, a cui si aggiunge la bronchiolite da virus respiratorio sinciziale. Si tratta di una ondata di contagi che inizia a mettere in crisi i reparti di pediatria ospedalieri e gli studi dei pediatri di famiglia, specialmente nel nord del Paese. Il numero di bambini colpiti dai virus dell’influenza è di gran lunga più elevato rispetto a quello registrato nelle ultime due stagioni invernali.

A essere particolarmente colpiti sono i bambini al di sotto dei 5 anni: in questa fascia di età la scorsa settimana si sono registrati 40,8 casi ogni mille; nella fascia 5-14 anni il tasso è stato di 25,02 ogni mille; 10,10 tra i 15 e i 64 anni e 5,04 sopra i 65 anni.

Tre regioni “rosse”

In tre regioni (Emilia-Romagna 20,24 casi per mille, Lombardia 17,80, Umbria 19,61) l’incidenza ha superato la soglia del livello di entità molto alta. In Veneto (16,43 casi per mille), Provincia Autonoma di Bolzano (16,09) e Marche (15,58) la stagione ha invece raggiunto un’intensità considerata alta. Tre Regioni: Campania, Calabria, Sardegna non hanno attivato la sorveglianza InfluNet.

I sintomi

I sintomi più frequenti sono tosse, raffreddore, cefalea e dolori muscolari, ma a preoccupare è l’insorgenza di complicanze che possono insorgere e determinare otiti, polmoniti, encefaliti, miocarditi ecc. anche in soggetti precedentemente in buona salute.

Continua a leggere

Di tendenza