Covid, rischio dimezzato per il neonato se la mamma si vaccina: lo studio - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Italia

Covid, rischio dimezzato per il neonato se la mamma si vaccina: lo studio

La vaccinazione è risultata efficace all’88% se somministrata dopo la ventesima settimana, mentre lo è al 68% se effettuata prima di questo periodo

Avatar

Pubblicato

il

ROMA – Ricevere il vaccino anti-Covid durante la gravidanza, soprattutto nelle seconde 20 settimane, riesce a protegge, oltre che la mamma, anche il nascituro, riducendo in maniera evidente il rischio di ricovero qualora il bambino dovesse risultare positivo nei primissimi mesi di vita. Lo ha segnalato un nuovo studio, coordinato dagli specialisti dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) americani, il cui esito è stato pubblicato sulla rivista “New England Journal of Medicine”.

I risultati riscontrati nello studio

In particolare, la ricerca si è concentrata sull’analisi dei dati appartenenti a 537 bambini con meno di 6 mesi, ricoverati per il Covid, e di 512 ricoverati invece per altre motivazioni, indagando lo stato vaccinale della mamma. In media, i ricercatori impegnati nello studio hanno rilevato un’efficacia pari al 52% della vaccinazione nel prevenire il ricovero e del 70% nell’evitare l’ingresso in terapia intensiva. Lo studio, allo stesso modo, ha però evidenziato anche una netta diminuzione dell’efficacia del vaccino con la diffusione della variante Omicron e rispetto al periodo di circolazione della variante Delta. Infatti, considerando proprio quest’ultima, la vaccinazione risultava efficace all’88% se somministrata dopo la ventesima settimana, mentre lo era al 68% se effettuata prima di questo periodo, con una media pari all’80%. Invece, considerando Omicron, gli stessi valori sono risultati rispettivamente al 57% e al 25%, con una media pari al 38%. I ricercatori, comunque, sebbene la protezione contro la variante Omicron sia risultata così bassa, hanno specificato che i bambini così piccoli rappresentano “un gruppo per il quale è probabile che i vaccini non saranno autorizzati nel prossimo futuro” e, di conseguenza, una qualunque forma di protezione aggiuntiva non è da sottovalutare.

L’importanza della vaccinazione in gravidanza

Tra i temi toccati dallo studio, infine, anche quello che ha riguardato le donne vaccinate con due sole dosi. In questo caso, come tra l’altro osservato nella popolazione in generale, secondo gli studiosi è probabile che la dose booster possa aumentare il livello di protezione anche nei più piccoli. Per questo motivo, hanno sottolineato ancora, “questi risultati forniscono un ulteriore supporto alle attuali raccomandazioni sulla vaccinazione contro il Covid-19 durante la gravidanza”.

Italia

Congedo di paternità, da oggi in vigore per i dipendenti pubblici

La parlamentare del Pd, Enza Bruno Bossio: “Nonostante fosse stato normato dieci anni addietro, era un diritto concesso solo ai lavoratori del settore privato”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Il decreto 105 del 2022 è stato pubblicato lo scorso 29 luglio su la Gazzetta Ufficiale e da oggi, 13 agosto i lavoratori dipendenti della pubblica amministrazione potranno godere del congedo di paternità. Finora non era possibile. Nonostante fosse stato normato dieci anni addietro, era un diritto concesso solo ai lavoratori del settore privato. È il successo di una battaglia di civiltà”.

Ad affermarlo la parlamentare Pd, Enza Bruno Bossio, che aggiunge: “Sono state notevoli le resistenze e le diffidenze sulla attuabilità di questa norma. Anche dopo l’approvazione nel giugno scorso del decreto legislativo nel Consiglio dei Ministri, da più parti si è continuato a diffidare sulla sua effettiva ed operativa applicazione. Non posso – prosegue la deputata dem – che esprimere grande soddisfazione per come, con tenacia e determinazione, il Partito Democratico abbia perseguito questo obiettivo. Sono state, infatti, molteplici le iniziative parlamentari promosse in questi ultimi mesi per rivendicare la parità del diritto tra lavoratori del settore privato e dipendenti pubblici”.

“Debbo dare atto al ministro Orlando e al Governo Draghi della sensibilità manifestata nel recepire le ragioni della nostra battaglia. L’INPS ha già pubblicato le linee guida. Viene così attuata la direttiva del Parlamento Europeo, tesa a garantire un equilibrio tra attività professionale e vita familiare per i genitori. La norma – spiega infine la parlamentare – consente un congedo di paternità obbligatorio, della durata di dieci giorni lavorativi, fruibile dal padre lavoratore nell’arco temporale che va dai due mesi precedenti ai cinque successivi al parto. Con la nuova norma, dunque, viene superata una evidente sperequazione nei confronti dei dipendenti pubblici ed è stato compiuto un ulteriore importante passo in avanti in tema di diritti civili”.

Continua a leggere

Italia

Elezioni, Berlusconi promette “per il Sud alta velocità e Ponte sullo Stretto”

Lo dice il Presidente di Forza Italia in una intervista “È incredibile che a oltre 150 anni dall’unità nazionale ancora ci sia una questione meridionale”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ROMA  – “Grazie a noi l’alta velocità è arrivata a Salerno. Ma ora deve arrivare a tutto il Sud ed estendersi fino alla Sicilia, con la realizzazione finalmente del Ponte sullo Stretto di Messina, un’opera che noi avevamo già progettato, finanziato e appaltato e che oggi, se la sinistra non avesse bloccato tutto, sarebbe in funzione già da tempo”. Lo dice il Presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in una intervista a Radio Norba che verrà trasmessa stasera.

“L’ attenzione per il Sud per noi è una priorità da sempre: i miei governi sono stati quelli che nella storia della Repubblica hanno investito più in risorse nel Mezzogiorno. E’ davvero incredibile che a oltre 150 anni dall’unità nazionale ancora ci sia una questione meridionale. Non possiamo sprecare le grandi opportunità offerte dal Pnrr: si tratta di ingenti risorse e il nostro obiettivo è prima di tutto colmare il deficit di infrastrutture che rende così difficile al Sud fare impresa e creare posti di lavoro”.

Continua a leggere

Italia

Ryanair, addio alle tariffe da 10 euro superscontate. Un macigno il caro-energia

I voli a 0,99 o a 9,99 destinati a scomparire per il caro energia scoppiato con la guerra in Ucraina e che pesa anche sul settore aereo

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ROMA – Una delle più famose e utilizzate compagnie low cost dice addio alle tariffe superscontate che hanno consentito a milioni di passeggeri di volare in tutta Italia ed Europa con appena 10 euro. I voli a 0,99 o a 9,99 euro, infatti, sono destinati a scomparire per il caro energia scoppiato con la guerra in Ucraina e che pesa anche sul settore aereo. Ad annunciarlo l’amministratore delegato del gruppo, Michael O’Leary intervistato da BBC Radio 4. In un discorso molto ampio sull’inflazione, O’Leary ha spiegato che il settore delle low cost – che pure resisterà perché le persone continueranno a volare “frequentemente” – è inevitabilmente influenzato dagli aumenti del petrolio. “Non credo che ci saranno più voli a 10 euro. La nostra tariffa media è stata l’anno scorso di 40 euro, andremo verso i 50 nei prossimi cinque anni. Le nostre tariffe promozionali superscontate, quelle a 1 euro, a 0,99 o anche a 9,99, penso che non si vedranno per un certo numero di anni”. Ryanair continuerà comunque ad avere “milioni di posti a 19,99 euro, 24,99 e 29,99”.

Continua a leggere

Di tendenza