Discriminazioni - Guariti dal cancro, ma non possono adottare né chiedere un mutuo - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Italia

Discriminazioni – Guariti dal cancro, ma non possono adottare né chiedere un mutuo

Storie di discriminazioni e di progetti di vita infranti dinanzi al ‘no’ delle istituzioni. Il motivo? Aver avuto un cancro

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Francesco oggi ha 33 anni e quindici anni fa ha avuto un tumore dal quale, grazie alle cure, è guarito. Il suo sogno, insieme alla compagna, è adottare un bambino. Un progetto di vita che si è però infranto dinanzi al ‘no’ delle istituzioni. “Sono un uomo di 33 anni che ha avuto un tumore e per questo ha vissuto una vera ingiustizia. Questa è la mia storia: qualche settimana dopo aver compiuto la maggiore età – racconta Francesco – mi hanno trovato un tumore alla tiroide. Sono stato in cura per 26 mesi. Lo scorso anno io e la mia ragazza abbiamo provato ad avere un figlio, che non è arrivato. Allora abbiamo deciso di prendere la strada dell’adozione. A me, però, non è ancora stato permesso diventare papà. Non pensano – spiega, riportando la risposta che gli è stata data al momento della richiesta di avvio delle pratiche – che potrei crescere un bambino”. Una situazione “ingiusta, sono guarito da tanti anni. Tutti – commenta Francesco – dovremmo poter vivere senza sentirci come se potessimo morire da un momento all’altro. Per me è importante raccontare la mia storia perché credo che altri come me si siano trovati in situazioni spiacevoli come questa. Vorrei chiedere aiuto per risolvere questo problema”.

Ma Francesco purtroppo non è un caso isolato e tante sono le segnalazioni di discriminazioni giunte alla Fondazione Aiom (Associazione italiana di oncologia medica). Un altro esempio di diritti negati arriva da Laura, ex paziente oncologica di 45 anni. “Vent’anni fa ho avuto un tumore al seno, curato in cinque anni. Faccio la ballerina da sempre e qualche tempo fa – racconta – ho deciso di lasciare il mio lavoro in ufficio per aprire una scuola di ballo. Ho scelto il nome, ho trovato la struttura giusta, poi ho preso appuntamento in banca per capire che tipo di mutuo potevano concedermi. Mi hanno illustrato le possibili opzioni e ho dovuto compilare alcuni documenti. Mi è stato chiesto delle mie condizioni di salute passate e attuali. Quando ho chiesto spiegazioni all’impiegato, mi ha anticipato che probabilmente un mutuo a lungo termine non mi sarebbe stato concesso per via del tumore“. Una doccia fredda: “L’ho vissuta come una vera ingiustizia, il ritorno della malattia a quindici anni dalla guarigione. Vorrei si potesse fare qualcosa per risolvere questa situazione, per me e per tutte le altre persone – conclude Laura – che si trovano a viverla”.

Una richiesta di aiuto arriva anche da Ettore, 35 anni: “A 20 anni mi hanno diagnosticato un tumore al testicolo. Dopo un pò mi hanno detto che ero guarito ed ho ripreso la mia vita, e infatti sto benissimo, faccio sport e ho una vita normale. Ma ho chiesto un mutuo e mi hanno detto che dato che sono stato malato è difficile darmi un mutuo di 25 anni, perché è troppo lungo. Eppure i medici mi hanno assicurato che sono sano. Non si può – afferma – vivere così”.

Italia

Massimo Ferrero torna libero: rinviato a giudizio e revocati i domiciliari

Rinviati a giudizio anche gli altri otto imputati coinvolti nell’inchiesta sul fallimento di alcune società del gruppo Ferrero che avevano sede in Calabria

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

PAOLA (CS) – Massimo Ferrero torna libero. L’ex presidente della Sampdoria, accusato di bancarotta fraudolenta e diversi reati societari, è stato rinviato a giudizio ma ha ottenuto la revoca degli arresti domiciliari. Lo ha deciso il gup del Tribunale di Paola al termine dell’udienza preliminare svoltasi stamani. Rinviati a giudizio anche gli altri otto imputati coinvolti nell’inchiesta sul fallimento di alcune società del gruppo Ferrero che avevano sede in Calabria. Al centro delle indagini condotte dalla Guardia di finanza di Cosenza, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Paola, il fallimento di 4 società nel settore alberghiero, turistico e cinematografico, dichiarate fallite tra il 2017 e il 2020.

Resta attiva, invece, l’interdizione dall’attività imprenditoriale. L’arresto era stato disposto lo scorso 6 dicembre. Successivamente era stato scarcerato e messo ai domiciliari. Il processo, con rito ordinario, è stato fissato per il 21 settembre prossimo.

 

Continua a leggere

Italia

“Gli uomini passano le idee restano”. Giovanni Falcone, 30anni dalla strage di Capaci

Un’ora e sette minuti dopo l’attentato, Giovanni Falcone muore dopo alcuni disperati tentativi di rianimazione. Francesca Morvillo, sua moglie, morirà verso le 22:00

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CAPACI – Sono passati 30 anni da quel 23 maggio 1992 quando a Capaci, sulla strada del ritorno da Roma, il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, e gli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro vengono uccisi dalla mafia in un attentato che segnerà per sempre la storia del Paese. Alle 17:58, al passaggio con la scorta per Capaci, 1000 kg di tritolo sistemati all’interno di fustini in un cunicolo di drenaggio sotto l’autostrada esplodono investendo in pieno il corteo di auto e uccidendo sul colpo gli agenti Montinaro, Schifani e Dicillo. Un’ora e sette minuti dopo l’attentato, Giovanni Falcone muore dopo alcuni disperati tentativi di rianimazione. Francesca Morvillo, sua moglie, morirà verso le 22:00.

La prima, una Croma marrone, fu investita in pieno, completamente distrutta e sbalzata in un campo di ulivi lontano decine di metri. Morirono i tre agenti della scorta: Antonio Montinaro e Rocco Dicillo, entrambi trentenni, e Vito Schifani, di 27 anni. La seconda auto, una Croma bianca su cui viaggiavano Falcone, Morvillo e l’autista Giuseppe Costanza, si schiantò violentemente contro l’asfalto che si era alzato. Falcone, che stava guidando, e Morvillo, seduta al suo fianco, furono scaraventati contro il parabrezza. Morirono poche ore dopo in ospedale. Costanza sopravvisse, così come gli uomini della scorta nella terza auto, una Croma azzurra, Paolo Capuzza, Gaspare Cervello e Angelo Corbo.

L’attentato era stato pianificato da settimane, ordinato da alcuni mesi, deciso da anni.

Molti collaboratori di giustizia, tra cui Giovanni Brusca, organizzatore ed esecutore della strage di Capaci, negli anni Novanta raccontarono che Falcone era obiettivo della mafia fin dal 1983, da quando cioè fu costituito il pool antimafia di Palermo, la squadra di magistrati che indagò sistematicamente su Cosa Nostra e istruì il celebre maxiprocesso. Dopo l’assassinio del giudice istruttore Rocco Chinnici, che quel pool l’aveva pensato, l’obiettivo principale rimasto era proprio Falcone.

Il proposito di ucciderlo divenne ancora più concreto dopo che l’ex mafioso Tommaso Buscetta iniziò a collaborare con il pool antimafia. Secondo i mafiosi pentiti, l’attentato a Falcone fu rimandato più volte per vari motivi e poi fallì quando venne organizzato il 21 giugno 1989 nei pressi di una villa sul mare che aveva preso in affitto in una località palermitana chiamata Addaura.

Draghi

“A trent’anni dalla Strage di Capaci, il Governo ricorda con profonda commozione Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. La loro memoria è forte, viva, universale”. Così il premier Mario Draghi. “Grazie al coraggio, alla professionalità, alla determinazione di Falcone, l’Italia è diventato un Paese più libero e più giusto – ricorda il presidente del Consiglio – . Falcone e i suoi colleghi del pool antimafia di Palermo non hanno soltanto inferto colpi decisivi alla mafia. Il loro eroismo ha radicato i valori dell’antimafia nella società, nelle nuove generazioni, nelle istituzioni repubblicane”.

Occhiuto sulla strage di Capaci 

“30 anni dalla strage di Capaci in cui persero la vita Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Il ricordo di quella tragedia non si spegne. Sia sempre un monito contro le mafie e per la legalità”. Scrive su Twitter Roberto Occhiuto.

Strage di Capaci, riflessione del prof Giap Parini – Università della Calabria

Sono trascorsi trent’anni dalla strage di Capaci, costata la vita al giudice Giovanni Falcone, alla moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, agli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Nel video un intervento del professor Ercole Giap Parini, direttore del Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Unical, che spiega in che modo quella strage ha cambiato l’antimafia sociale e quale ruolo assegnare alla memoria.

Continua a leggere

Italia

Un anno fa la tragedia del Mottarone, tra le vittime Serena Cosentino

Oggi a Stresa il ricordo delle vittime nel primo anniversario della strage del Mottarone, la caduta di una cabina della funivia che costò la vita a 14 persone tra cui la giovane di Diamante di 27 anni

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

STRESA – Una giornata di commemorazione quella di oggi per celebrare il primo anniversario dal cedimento della funivia costato la vita a 14 persone. A Stresa sarà posata una lapide con i nomi delle 14 vittime e in latino la frase “A perenne ricordo”, nel punto esatto in cui la cabina numero 3 concluse la sua mortale corsa.

L’amministrazione comunale di Stresa ha invitato tutti i parenti delle vittime a partecipare e dopo la messa, un piccolo corteo dei soli parenti delle vittime, scenderà fino alla radura nel bosco per la benedizione del memoriale. Sarà una cerimonia sobria e in forma privata, per consentire ai partecipanti di vivere in modo intimo il proprio dolore.

Lo scorso anno, il 23 maggio 2021, era una domenica di sole e alle 12.30 la cabina numero 3 della funivia del Mottarone, dal versante piemontese del lago Maggiore sale fino ai 1.491 metri del monte che le dà il nome, si trasformò in una trappola mortale. A pochi metri dalla stazione di arrivo, il cavo trainante si spezzò e dopo essere scarrucolata indietro ad alta velocità, la cabina andò a sbattere contro un pilone, precipitando infine in un bosco. Morirono in 14. Si salvò solo un bimbo, il piccolo Eitan.

I nomi delle vittime incisi sulla stele di pietra

Oggi sarà collocata una stele di pietra nel punto esatto in cui la cabina numero 3 della funivia del Mottarone ha finito la sua corsa, il 23 maggio dello scorso anno. Su quella maledetta cabina era salita Serena Cosentino, 27 anni, di Diamante, in provincia di Cosenza. Aveva vinto una borsa di studio all’istituto di Idrobiologia del Cnr, a Verbania, e si era trasferita, per lavorare a un progetto sulla presenza di microplastiche nel Lago Maggiore. Insieme al suo fidanzato Mohammed Reza Shahisavandi, di trent’anni, iraniano di origine, che viveva, lavorava e studiava a Roma, si erano ritrovati per una gita sul Mottarone. I loro sogni e il loro futuro si è tragicamente interrotto nel bosco del Mottarone.

 

Continua a leggere

Di tendenza