Droga dal Sud America, un altro latitante di 'ndrangheta scovato in Spagna - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Italia

Droga dal Sud America, un altro latitante di ‘ndrangheta scovato in Spagna

Rintracciato lo scorso dicembre a Fuengirola in Spagna, è stato estradato oggi in Italia un 32enne affiliato e intermediario di un clan di ‘ndrangheta

Avatar

Pubblicato

il

ROMA – Rintracciato lo scorso dicembre a Fuengirola in Spagna, è stato estradato oggi in Italia un latitante di 32 anni affiliato e intermediario di un’organizzazione criminale, operante nel traffico internazionale di stupefacenti dal Sud America all’Italia. L’uomo si era reso irreperibile subito dopo l’emissione del provvedimento cautelare emesso dalla Procura di Roma.

I carabinieri del Ros, a seguito degli sviluppi delle ricerche del latitante, hanno richiesto all’Autorità giudiziaria di emettere anche un mandato d’arresto europeo, che ha consentito l’attivazione delle ricerche, anche oltreconfine, tramite l’unità I-Can dell’omonimo progetto del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia (Scip) della Direzione Centrale della Polizia Criminale, attraverso il quale si è giunti alla localizzazione e all’arresto del latitante da parte della polizia spagnola.

Italia

“Gli uomini passano le idee restano”. Giovanni Falcone, 30anni dalla strage di Capaci

Un’ora e sette minuti dopo l’attentato, Giovanni Falcone muore dopo alcuni disperati tentativi di rianimazione. Francesca Morvillo, sua moglie, morirà verso le 22:00

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CAPACI – Sono passati 30 anni da quel 23 maggio 1992 quando a Capaci, sulla strada del ritorno da Roma, il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, e gli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro vengono uccisi dalla mafia in un attentato che segnerà per sempre la storia del Paese. Alle 17:58, al passaggio con la scorta per Capaci, 1000 kg di tritolo sistemati all’interno di fustini in un cunicolo di drenaggio sotto l’autostrada esplodono investendo in pieno il corteo di auto e uccidendo sul colpo gli agenti Montinaro, Schifani e Dicillo. Un’ora e sette minuti dopo l’attentato, Giovanni Falcone muore dopo alcuni disperati tentativi di rianimazione. Francesca Morvillo, sua moglie, morirà verso le 22:00.

La prima, una Croma marrone, fu investita in pieno, completamente distrutta e sbalzata in un campo di ulivi lontano decine di metri. Morirono i tre agenti della scorta: Antonio Montinaro e Rocco Dicillo, entrambi trentenni, e Vito Schifani, di 27 anni. La seconda auto, una Croma bianca su cui viaggiavano Falcone, Morvillo e l’autista Giuseppe Costanza, si schiantò violentemente contro l’asfalto che si era alzato. Falcone, che stava guidando, e Morvillo, seduta al suo fianco, furono scaraventati contro il parabrezza. Morirono poche ore dopo in ospedale. Costanza sopravvisse, così come gli uomini della scorta nella terza auto, una Croma azzurra, Paolo Capuzza, Gaspare Cervello e Angelo Corbo.

L’attentato era stato pianificato da settimane, ordinato da alcuni mesi, deciso da anni.

Molti collaboratori di giustizia, tra cui Giovanni Brusca, organizzatore ed esecutore della strage di Capaci, negli anni Novanta raccontarono che Falcone era obiettivo della mafia fin dal 1983, da quando cioè fu costituito il pool antimafia di Palermo, la squadra di magistrati che indagò sistematicamente su Cosa Nostra e istruì il celebre maxiprocesso. Dopo l’assassinio del giudice istruttore Rocco Chinnici, che quel pool l’aveva pensato, l’obiettivo principale rimasto era proprio Falcone.

Il proposito di ucciderlo divenne ancora più concreto dopo che l’ex mafioso Tommaso Buscetta iniziò a collaborare con il pool antimafia. Secondo i mafiosi pentiti, l’attentato a Falcone fu rimandato più volte per vari motivi e poi fallì quando venne organizzato il 21 giugno 1989 nei pressi di una villa sul mare che aveva preso in affitto in una località palermitana chiamata Addaura.

Draghi

“A trent’anni dalla Strage di Capaci, il Governo ricorda con profonda commozione Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. La loro memoria è forte, viva, universale”. Così il premier Mario Draghi. “Grazie al coraggio, alla professionalità, alla determinazione di Falcone, l’Italia è diventato un Paese più libero e più giusto – ricorda il presidente del Consiglio – . Falcone e i suoi colleghi del pool antimafia di Palermo non hanno soltanto inferto colpi decisivi alla mafia. Il loro eroismo ha radicato i valori dell’antimafia nella società, nelle nuove generazioni, nelle istituzioni repubblicane”.

Occhiuto sulla strage di Capaci 

“30 anni dalla strage di Capaci in cui persero la vita Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Il ricordo di quella tragedia non si spegne. Sia sempre un monito contro le mafie e per la legalità”. Scrive su Twitter Roberto Occhiuto.

Strage di Capaci, riflessione del prof Giap Parini – Università della Calabria

Sono trascorsi trent’anni dalla strage di Capaci, costata la vita al giudice Giovanni Falcone, alla moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, agli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Nel video un intervento del professor Ercole Giap Parini, direttore del Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Unical, che spiega in che modo quella strage ha cambiato l’antimafia sociale e quale ruolo assegnare alla memoria.

Continua a leggere

Italia

Un anno fa la tragedia del Mottarone, tra le vittime Serena Cosentino

Oggi a Stresa il ricordo delle vittime nel primo anniversario della strage del Mottarone, la caduta di una cabina della funivia che costò la vita a 14 persone tra cui la giovane di Diamante di 27 anni

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

STRESA – Una giornata di commemorazione quella di oggi per celebrare il primo anniversario dal cedimento della funivia costato la vita a 14 persone. A Stresa sarà posata una lapide con i nomi delle 14 vittime e in latino la frase “A perenne ricordo”, nel punto esatto in cui la cabina numero 3 concluse la sua mortale corsa.

L’amministrazione comunale di Stresa ha invitato tutti i parenti delle vittime a partecipare e dopo la messa, un piccolo corteo dei soli parenti delle vittime, scenderà fino alla radura nel bosco per la benedizione del memoriale. Sarà una cerimonia sobria e in forma privata, per consentire ai partecipanti di vivere in modo intimo il proprio dolore.

Lo scorso anno, il 23 maggio 2021, era una domenica di sole e alle 12.30 la cabina numero 3 della funivia del Mottarone, dal versante piemontese del lago Maggiore sale fino ai 1.491 metri del monte che le dà il nome, si trasformò in una trappola mortale. A pochi metri dalla stazione di arrivo, il cavo trainante si spezzò e dopo essere scarrucolata indietro ad alta velocità, la cabina andò a sbattere contro un pilone, precipitando infine in un bosco. Morirono in 14. Si salvò solo un bimbo, il piccolo Eitan.

I nomi delle vittime incisi sulla stele di pietra

Oggi sarà collocata una stele di pietra nel punto esatto in cui la cabina numero 3 della funivia del Mottarone ha finito la sua corsa, il 23 maggio dello scorso anno. Su quella maledetta cabina era salita Serena Cosentino, 27 anni, di Diamante, in provincia di Cosenza. Aveva vinto una borsa di studio all’istituto di Idrobiologia del Cnr, a Verbania, e si era trasferita, per lavorare a un progetto sulla presenza di microplastiche nel Lago Maggiore. Insieme al suo fidanzato Mohammed Reza Shahisavandi, di trent’anni, iraniano di origine, che viveva, lavorava e studiava a Roma, si erano ritrovati per una gita sul Mottarone. I loro sogni e il loro futuro si è tragicamente interrotto nel bosco del Mottarone.

 

Continua a leggere

Italia

Confartigianato, difficile trovare 635mila da assumere: manca il 52% di competenze digitali e green

Secondo la rilevazione di Confartigianato “la distanza dei ragazzi italiani dal mondo del lavoro colloca il nostro Paese al primo posto nella Ue per la maggiore percentuale di Neet”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ROMA – “Le aziende (dati 2021) hanno difficoltà a trovare 295mila under 30 con competenze digitali e 341mila under 30 con competenze green”. La convention dei Giovani Imprenditori di Confartigianato rilancia “l’allarme gap scuola-lavoro” con un rapporto sui paradossi del mercato del lavoro: “Le imprese italiane faticano a trovare il 52% della necessaria manodopera qualificata. Nel frattempo (dati 2020) 1,1 milione di giovani under 35 non studia e non cerca occupazione e 40mila giovani tra 25 e 34 anni sono espatriati”. E’ “urgente cambiare passo nelle politiche giovanili”, avverte il presidente dei giovani di Confartigianato, Davide Peli. Confartigianato, difficile trovare 635mila da assumere.

Secondo la rilevazione di Confartigianato “la distanza dei ragazzi italiani dal mondo del lavoro colloca il nostro Paese al primo posto nella Ue per la maggiore percentuale di Neet, pari al 23,1%, sul totale dei giovani tra 15 e 29 anni. La media europea si attesta, invece, al 13,1%. Addirittura, nel 2020, abbiamo toccato il numero più alto nell’ultimo decennio di under 35 inattivi che non studiano e non sono disponibili a lavorare: ben 1.114.000″. I “paradossi del mercato del lavoro italiano” sono analizzati da Confartigianato in un rapporto presentato oggi a Roma, alla Convention dei Giovani Imprenditori della confederazione di artigiani e piccole imprese, dal titolo ‘2022. Tocca a noi’, alla presenza del ministro per le Politiche Giovanili, Fabiana Dadone. “A livello regionale, la percentuale più alta di Neet si riscontra in Sicilia con il 36,3% sul totale dei giovani tra 15 e 29 anni. Seguono la Campania (34,1%), la Calabria (33,5%), la Puglia (30,6%) e il Molise (27,7%). All’altro capo della classifica la Provincia autonoma di Bolzano (13,3%), il Veneto (13,9%), l’Emilia Romagna (15,1%)”. Confartgianato avverte che “non brilliamo nemmeno per l’integrazione tra scuola e lavoro: siamo infatti al ventiduesimo posto in Europa per la quota di occupati under 30 impegnati in percorsi formativi, con appena il 5,2% dei giovani di questa fascia di età, mentre in Europa si arriva ad una media del 15,2% e in Germania addirittura si sale al 24,4%. Contemporaneamente cresce il fenomeno della fuga all’estero dei nostri giovani; tra il 2016 e il 2020, tra i giovani italiani under 40 laureati, gli espatri superano i ritorni in Italia di 65 mila unità”.

Il rapporto mette anche in evidenza “la voglia di fare impresa dei giovani italiani che ci fa guadagnare il record positivo di Paese europeo con il maggior numero di imprenditori e lavoratori autonomi under 35: ben 694mila e sono 123.321 le imprese artigiane con a capo un under 35.” Ma “i giovani imprenditori, che per reagire alla crisi puntano anche sulla qualità del personale, devono fare i conti con le difficoltà a reperire manodopera specializzata e qualificata soprattutto tra i loro coetanei”. “Vogliamo un’Italia a misura di giovani e di piccola impresa – commenta il Presidente di Confartigianato Marco Granelli – con riforme che liberino energie e talenti, accrescano le competenze, migliorino l’efficienza dei servizi pubblici, eliminino ostacoli e oneri fiscali e burocratici. Solo investendo sulle nuove generazioni e sulla loro formazione possiamo garantire futuro al made in Italy”. “Il nostro rapporto – dice Davide Peli, presidente dei Giovani Imprenditori di Confartigianato – mette in luce l’urgenza di cambiare passo nelle politiche giovanili. Il futuro è già oggi. Quindi servono interventi immediati per ridurre il gap tra scuola, sistema della formazione e mondo del lavoro, investimenti per favorire il passaggio generazionale nelle imprese, sostegni per i giovani che si mettono in proprio soprattutto sul fronte dell’innovazione, della ricerca e dell’internazionalizzazione”. 

Continua a leggere

Di tendenza