CTS rafforza la "raccomandazione ad usare AstraZeneca agli over 60" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Italia

CTS rafforza la “raccomandazione ad usare AstraZeneca agli over 60”

A chi ha meno di 60 anni ed ha avuto la prima dose, richiamo con Pfizer e Moderna

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Dopo il decesso della 18enne di Genova e i nuovi dubbi sollevati sull’utilizzo del vaccino anglo-svedese ai giovani, il Comitato Tecnico Scientifico si è riunito per fornire le nuove raccomandazioni sull’uso del vaccino AstraZeneca agli over 60, dopo che in tantissime regioni sono state somministrate le dosi non solo sotto quella soglia, ma anche ai giovanissimi utilizzando gli Open Vax Day. In Calabria, ad esempio, la metà delle dosi di AstraZeneca inoculate sono andate a persone sotto i 60 anni di età. Ieri, dopo la notizia del decesso della giovane, è arrivato lo stop immediato in diverse regioni come la Sicilia e negli open day di Lazio, Emilia-Romagna e Valle d’Aosta oltre che Liguria.

Le regioni “non è stata una nostra invenzione”

Oggi il CTS rafforzerà quanto già era stato stabilito dal Ministero della Salute e dall’Ema, raccomandando la somministrazione solo agli over 60. “La possibilità di utilizzare AstraZeneca per tutti su base volontaria non è un’invenzione delle Regioni” ha detto il presidente della Liguria, Giovanni Toti, riferendosi alla morte della 18enne Camilla Canepa, avvenuta dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino AstraZeneca. A dimostrazione delle proprie dichiarazioni, Toti ha reso nota una lettera del Cts, datata 14 maggio, in cui si legge: “Il Comitato non rileva motivi ostativi a che vengano organizzate iniziative, quali i Vaccination day, mirate a offrire i vaccini a vettore adenovirale a tutti i soggetti over 18“. Dai primi documenti acquisiti dalla Procura di Genova, emerge che la 18enne era affetta da piastrinopenia autoimmune familiare, che comporta una cronaca carenza di piastrine e stava effettuando una terapia ormonale.

Pronto il parere del CTS

Il miglioramento della situazione epidemiologica e la maggiore disponibilità dei vaccini a Mrna, tenuto conto del principio di massima cautela, consentono di “rafforzare la raccomandazione” di utilizzare il vaccino di AstraZeneca per i soggetti con più di 60 anni. Sarebbe dunque questo, secondo quanto si apprende, l’orientamento del Comitato tecnico scientifico riunito e che dovrebbe essere contenuto nel parere che arriverà nelle prossime ore. Gli esperti ribadiranno, inoltre, che nei soggetti di età inferiore ai 60 anni è raccomandata la somministrazione dei vaccini a Mrna.

Seconda dose con vaccini Mrna sotto i 60 anni

Chi ha meno di 60 anni e ha avuto la prima dose di AstraZeneca, farà il richiamo con il vaccino a Mrna. Anche se al momento gli esperti stanno ancora discutendo sulla soglia di età sotto la quale il richiamo sarà con Pfizer e Moderna e che potrebbe essere tra i 40 e i 60 anni. Per la seconda dose, sottolineano infatti i tecnici, è raccomandato continuare a usare AstraZeneca per chi ha più di 60 anni. Sotto questa soglia, per un principio di massima cautela, è invece raccomandabile l’utilizzo di un vaccino a Mrna.

Alle 16 conferenza stampa con Speranza e Figliuolo

Oggi, alle ore 16.00 si terrà una conferenza stampa sulla campagna vaccinale e sull’andamento epidemiologico a cui parteciperanno il Ministro della Salute, Roberto Speranza, il Commissario straordinario Gen. Francesco Paolo Figliuolo, il Coordinatore del Cts, Prof. Franco Locatelli e il portavoce del Cts, Prof. Silvio Brusaferro. Intanto il comitato per la sicurezza dell’Ema ha concluso chele persone che in precedenza hanno avuto la sindrome da aumentata permeabilità capillare non devono essere vaccinate col siero di AstraZeneca. La sindrome, spiega Ema, è una condizione molto rara e grave che causa perdita di liquidi dai piccoli vasi sanguigni (capillari), con conseguente gonfiore principalmente alle braccia e alle gambe, bassa pressione sanguigna, ispessimento del sangue e bassi livelli di albumina nel sangue. Ema continua l’analisi sulle segnalazioni di miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco) e pericardite (infiammazione della membrana intorno al cuore) in un piccolo numero di persone dopo la vaccinazione con sieri Covid-19. Infine, raccomanda di aggiornare le informazioni sul trattamento Veklury (remdesivir) per includere la bradicardia come reazione avversa di frequenza sconosciuta per questo medicinale.

 

 

 

Italia

Variante Delta, ordinanza di Speranza “quarantena e tampone per chi viene da Gb”

Ok agli ingressi da Unione Europea, Usa, Canada e Giappone con green pass. Resta lo stop da India, Bangladesh e Sri Lanka

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – La variante Delta, diventata oramai predominante nel Regno Unito, preoccupa non solo l’Europa ma anche l’Italia che da lundì si appresta a diventare tutta bianca. Per questo il Ministro della Salute Roberto Speranza annuncia nuove restrizioni per chi arriva dalla Gran Bretagna ed ha appena firmato un’ordinanza “che introduce una quarantena di 5 giorni con obbligo di tampone per chi proviene dalla Gran Bretagna“. L’ordinanza con le restrizioni dal Regno Unito saranno in vigore da lunedì 21 giugno e non da domani come aveva annunciato il Ministero in un primo momento.

Al contempo il Ministro ha annunciato il via libera agli ingressi in Italia dai Paesi dell’Unione Europea e da Stati Uniti, Canada e Giappone con i requisiti del Certificato Verde. La nuova ordinanza firmata dal ministro della Salute, inoltre, “prolunga le misure di divieto di ingresso da India, Bangladesh e Sri Lanka”.

Continua a leggere

Italia

La storia di nonna Anna. A 100 anni ha sconfitto il covid “non sono vecchia”

Nessun sintomo o quasi e dopo poche settimana torna negativa senza alcuno strascico della terribile infezione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Anna Striano a febbraio prende il Covid, nessun sintomo o quasi e dopo poche settimana torna negativa senza alcuno strascico della terribile infezione che ha attanagliato l’Italia ed il mondo intero. Fino qui una storia normale, anche se il Covid di normale ha ben poco, ma che si è comunque risolta con un lieto fine. Se non fosse per il fatto che Anna a febbraio ha compiuto 100 anni, 5 febbraio 1921. Un traguardo straordinario che rende ancora più straordinaria una storia di Covid.

Il figlio di Anna torna a casa da alcuni controlli ospedalieri e porta, purtroppo, il coronavirus in famiglia proprio mentre, seppure in pochi, i quattro figli di Anna festeggiavano i suoi 100 anni insieme a 2 cognati ed un nipote. La famiglia si contagia tutta, il figlio di Anna passa 74 giorni in ospedale dove vede morire amici giovani e meno giovani. Il resto della famiglia, con pochi danni ma qualche strascico postumo, esce dal Covid, ma nonna Anna è sempre lì, la più forte di tutti. Anna è’ accudita amorevolmente dalla figlia Caterina di anni 73 che la tiene con sè a San Giorgio a Cremano da quattro anni. ” I napoletani hanno un cuore grande ed io – dice Caterina – sono orgogliosa di esserlo e per questo, seppure tra mille difficoltà, non ha mai pensato di mandare mia madre altrove”. Una donna – racconta dal canto suo l’altra figlia Fiorenza – che ha sempre gestito tutto in prima persona un ‘gendarme gentile’ che ancora oggi ci tiene ad essere sempre in ordine: mani, piedi, vestiti e capelli. Solo su quest’ultimo aspetto nonna Anna ha avuto recentemente qualche perplessità. “Sono sempre stata bionda – ha detto a sua figlia una volta tornata a casa dopo il ricovero – perché’ ora mi state facendo crescere i miei capelli bianchi? Mica sono vecchia io”.

Continua a leggere

Italia

La variante Delta potrebbe essere dominante in tutta Italia a fine agosto

La variante Delta, più contagiosa di circa il 60% rispetto alla variante inglese. Potrebbe diventare dominante in Italia a fine agosto

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Di oggi la notizia del primo caso conclamato anche in Calabria mentre sono già diversi i contagi riscontrati in diverse regioni italiane. In Italia al momento i numeri dei contagi sono rassicuranti, ma Gimbe avverte: attenzione alla variante Delta, la più diffusa nel Lazio. Nell’ultima settimana la variante Delta è stata isolata in due focolai a Milano e Brindisi, segno di una sua maggiore diffusione sul territorio nazionale che si rileva anche dal database internazionale Gisaid: rispetto ai sequenziamenti su campioni raccolti dal 19 maggio al 16 giugno, su 881 sequenze depositate 57 (6,5%) corrispondono alla variante Delta .Secondo l’ultima indagine di prevalenza delle varianti pubblicata dall’Istituto Superiore di Sanità il 18 maggio, la variante Delta, più contagiosa di circa il 60% rispetto alla variante inglese, è all’1% con differenze regionali e un range che va dallo 0 al 3,4%: in particolare, la diffusione maggiore si registra nel Lazio (3,4%), in Sardegna (2,9%) e in Lombardia (2,5%).

Potrebbe diventare predominante a fine agosto

La variante Delta, che ha i riflettori degli esperti puntati, potrebbe diventare dominante in Italia a fine agosto: è la stima del fisico Giorgio Parisi, dell’Università Sapienza e dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) che, in mancanza di dati certi da parte del nostro Paese, si basa sui dati di un Paese dall’organizzazione confrontabile a quella italiana, la Germania. “In Italia si fanno poche sequenze” e “non ci sono attualmente elementi che permettano, per esempio, di capire che cosa è successo nell’ultimo mese”, dice Parisi. “La Germania fa un po’ più di sequenze rispetto a noi e pubblica i suoi dati una volta a settimana” e i più recenti indicano che “la variante Delta è arrivata al 6%, con un tempo di raddoppio di 18-20 giorni rispetto alle altre varianti. Vale a dire – osserva Parisi – che arriva quasi a raddoppiare in due settimane e quasi a quadruplicarsi in un mese“. Alla luce di questi dati e considerando che “l’organizzazione tedesca è simile alla nostra, è ragionevole pensare che la variante Delta stia quadruplicando anche da noi, ma sarebbe meglio saperlo piuttosto che dedurlo da dati di altri Paesi”. Vale a dire che, alla luce dei dati dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) che davano una circolazione della variante Delta dell’1% in maggio, “con un aumento di quattro volte in un mese potremmo aspettarci che in Italia diventi dominante per fine agosto”.

In Inghilterra 11.000 contagi in un giorno

Prosegue il rimbalzo dei contagi da Covid alimentato nel Regno Unito dalla variante Delta, importata dall’India: nelle ultime 24 ore ne sono stati registrati 11.007, picco giornaliero da metà febbraio, su 1,1 milione di tamponi. Resta per ora più contenuto – grazie all’effetto dei vaccini – l’aumento dei morti, 19 oggi contro i 9 di ieri, e dei ricoveri in ospedali, il cui totale è ora di 1.227. Ma gli esperti rimangono inquieti e predicano cautela, anche se le vaccinazioni fatte sfiorano ora quota 73 milioni, con oltre 42,2 milioni di prime dosi (l’80,1% della popolazione adulta nazionale) e quasi 30,7 milioni di richiami.

“In Gran Bretagna, dove è ormai dominante, la variante Delta raddoppia ogni 15-20 giorni“, ma dati incoraggianti arrivano da una recente ricerca sui ricoveri nel Paese: “sembrerebbe che i vaccini siano efficaci in quanto i dati indicano un livello alto di protezione. Tuttavia – rileva Parisi – si tratta di capire se i vaccini proteggano solo dalla malattia o anche dall’infezione asintomatica. In quest’ultimo caso la circolazione del virus aumenterebbe”. Alla luce di questa situazione, secondo Parisi “si dovrebbe cominciare a riflettere su una campagna d’autunno con richiami contro tutte le varianti”. E’ infine chiaro che “è sempre più urgente vaccinare il resto del mondo perché le varianti si sviluppano dove il virus circola tantissimo”. Per fare questo è necessario “togliere il blocco dell’export sui vaccini e che i Paesi più ricchi tirino fuori un assegno da 20 miliardi perché ci siano le dosi per vaccinare il resto del mondo.

Emiliano “la variate ci preoccupa molto”

“La variante Delta ci preoccupa molto, facendo tutti gli scongiuri l’abbiamo, credo, cinturata dalle parti di Brindisi, speriamo non scappi da altre parti perché è un po’ meno sensibile ai vaccini, o potrebbe esserlo, quindi per ora cerchiamo di bloccarla”. Lo ha detto il presidente della regione Puglia Michele Emiliano a margine di un incontro ad Andria per presentare due nuove strumentazioni sanitarie. “In Inghilterra – ha aggiunto Emiliano – dove avevano fatto una scelta diversa dalla nostra, e tutti glorificavano il fatto che Londra fosse piena di gente, perché si erano giocati le prime dosi di vaccini in larga scala, hanno ritardato le seconde e il ritardo delle seconde dosi sta scatenando una nuova ondata”. “Quindi come vedete – ha concluso il governatore pugliese – l’Italia, ancora una volta, che siamo abituati a flagellarci, fa le cose meglio degli altri, l’importante è che ogni tanto ce ne vantiamo anche noi”.

Ema “possibile accorciare due dosi AstraZeneca”

“Riguardo alla seconda dose del vaccino Astrazeneca abbiamo dei dati preliminari del Regno Unito che dimostrano che questo vaccino protegge dalla variante Delta e che una seconda dose aumenta la protezione in modo abbastanza significativo. La protezione dopo la prima dose è di poco inferiore rispetto a quanto abbiamo visto sulla variante Alpha che ora circola nella maggior parte dell’Europa. Per cui è importante dire che l’intervallo tra le due dosi potrebbe essere accorciata” ha detto il responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici dell’Ema, Marco Cavaleri.

Continua a leggere

Di tendenza