Figliuolo: "54,3 mln italiani vaccinati a settembre, possibile la 3^ dose" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Italia

Figliuolo: “54,3 mln italiani vaccinati a settembre, possibile la 3^ dose”

Secondo le previsioni del commissario per l’Emergenza, 54,3 milioni di italiani saranno vaccinati a settembre: “Per raggiungere l’obiettivo non dobbiamo sprecare niente”. Per la Calabria ulteriore personale sanitario e militare per la vaccinazione

Avatar

Pubblicato

il

ROMA – L’obiettivo è di arrivare a vaccinare l’80% popolazione entro settembre compresi i 12-15enni per arrivare ad un totale di oltre 54 milioni di italiani”. Lo ha detto il commissario per l’Emergenza Francesco Figliuolo in audizione alla Camera sottolineando che il compito della struttura è quello di “tutelare la salute e la vita dei nostri concittadini, ristabilendo le condizioni per favorire la ripartenza del paese”. Per farlo, ha aggiunto Figliuolo “non dobbiamo sprecare niente in termini di risorse, uomini, tempo e mezzi. L’Italia ha tutto, bisogna solo saperlo mettere insieme e in maniera coordinata”.

A questo punto della campagna vaccinale serve “un graduale ma necessario passaggio da vaccinazioni effettuate in maniera centralizzata presso gli hub ad un sistema di ‘vaccinazioni delocalizzate‘, molto più capillare e prossimo ai cittadini”. L’indicazione del commissario ha l’obiettivo di completare l’immunizzazione delle categorie più fragili e degli over 80. Figliulo ha poi definito il “punto di svolta” della campagna vaccinale proprio l’aver accelerato sulle dosi a queste categorie: è “ciò che ha permesso il repentino calo di ricoveri e morti”.

Possibile la terza dose

Considerati gli attuali scenari della pandemia “potrebbe essere prevista la necessità di almeno un’ulteriore dose”. Il Commissario Figliuolo ha dunque sottolineato la necessità che si passi, “gradualmente nei prossimi mesi”, dalla gestione commissariale dell’emergenza ad una gestione ordinaria “delle attività sanitarie da parte delle amministrazioni centrali e locali competenti”.

La “poderosa e complessa” macchina della Struttura commissariale, ha spiegato Figliuolo, si è rivelata e si sta rilevando uno strumento “efficace e straordinario”. Nei prossimi mesi, però, questa macchina “deve condurre, contestualmente e gradualmente, a un binario di ordinaria gestione delle attività sanitarie da parte delle amministrazioni centrali e locali competenti”.

Infatti “l’ordinarietà della gestione dell’attività vaccinale futura che, stante gli attuali scenari, potrebbe prevedere la necessità di almeno un’ulteriore dose, così come gli interventi di supporto al sistema sanitario nazionale, agli istituti scolastici e ad ogni altra articolazione del Paese supportata dalla Struttura del commissario, dovrà tornare ad essere governata dalle strutture dello Stato preposte”. Si tratta di un passaggio fondamentale, ha aggiunto ancora Figliulo, che non può prescindere dal coinvolgimento di tutte le realtà del Paese a partire dalla Regioni e dalle province autonome con le quali il “confronto è stato e continua ad essere di vitale importanza per la creazione delle condizioni necessarie a mettere in sicurezza” l’Italia.

La scuola a settembre

Figliuolo ha risposto anche sui comportamenti a settembre per il ritorno a scuola: “i presidi dovranno rendere sicura la permanenza a scuola dei bambini e dei ragazzi che sceglieranno di non vaccinarsi”. “Il vaccino è uno dei pilastri della lotta al virus – ha detto – ma nessuno deve essere discriminato: finché ci sono le leggi che permettono la non obbligatorietà, chi organizza l’attività scolastica deve mettere in campo tutto quello che è possibile” per garantire a “coloro i quali, per scelta personale o dei propri genitori, abbiano pensato legittimamente di non vaccinarsi, di rendere sicura la loro permanenza negli istituti scolastici”. “Il mio auspicio – ha concluso il commissario – è che ci possa essere il massimo coinvolgimento nella campagna, poi sono scelte di coscienza e personali che io rispetto”.

Italia

Frode fiscale, confisca da 200mila euro ad un imprenditore

Il provvedimento scaturisce da una verifica fiscale nei confronti di una società che gestiva un bar ristorante a Ravenna. Le Fiamme gialle ravennati avvisate dai colleghi di Cosenza

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RAVENNA – La Guardia di Finanza di Ravenna, eseguendo la sentenza di patteggiamento a un anno, pena sospesa, per frode fiscale, ha confiscato beni per circa 200mila euro a un imprenditore di 60 anni di Cervia ma originario di Agrigento. La somma è pari al profitto ottenuto a suo tempo grazie all’illecito risparmio di imposte. Il provvedimento è scaturito da una verifica fiscale avviata a febbraio 2019 nei confronti di una società che gestiva un bar ristorante a Ravenna da parte delle Fiamme gialle ravennati, avvisate dai colleghi di Cosenza che indagavano su un gruppo criminale con sede in Calabria, che emetteva fatture false a favore di imprese in altre regioni.

La successiva ispezione contabile ha permesso di accertare la contabilizzazione negli anni 2015-2016 di numerose fatture false emesse da sei diverse società cartiere con oggetto fittizie vendite di stoviglie, arredi, tovaglie, macchinari e prestazioni di servizi vari, per un imponibile complessivo di 650.000 euro. Grazie alla dichiarazione di questi costi, la società verificata ha evaso 200mila euro di tasse, tra imposte dirette e Iva.

Continua a leggere

Italia

Tragedia del Mottarone: sciacalli sul luogo del disastro, denunciati

Due soggetti di vent’anni hanno violato la zona sotto sequestro sul Mottarone dove il 23 maggio scorso è avvenuta la strage della funivia. Volevano portare via un ‘macabro souvenir’

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

STRESA – Hanno 19 e 21 anni i due fratelli di Arona (F.C. e M.C.) che domenica scorsa si sono recati, violando i sigilli, nel luogo in cui il 23 maggio scorso, morirono 14 persone tra cui Serena Cosentino, giovane di Diamante (Cs). Volevano curiosare dentro i resti della cabina precipitata e fare un giro intorno, tra i cavi e i frammenti del disastro di 4 mesi fa. L’area però, è assolutamente interdetta visto che, tra quei rottami potrebbero esserci altre prove.

I due ragazzi hanno pensato di fare un macabro tour turistico, insieme alle fidanzate che però non hanno partecipato alla loro iniziativa, e superati i nastri biancorossi, hanno varcato il limite e ignorato gli avvisi sonori che vietano di avvicinarsi, per poi scoprire la carcassa della cabina. Una telecamera di sorveglianza dei carabinieri di Verbania però li ha immortalati. Poi i due, sono stati identificati e denunciati, in concorso, per violazione di sigilli e tentativo di rimozione di cose sottoposte a sequestro. Solo in un secondo momento hanno ammesso che avrebbero voluto portare via un (macabro) souvenir della funivia.

Continua a leggere

Italia

Una drammatica scia di sangue: 83 donne uccise nel 2021. L’ultima oggi, una 21enne

Una 21enne, sposate e madre di due bimbi uccisa a colpi di pistola. Da gennaio ad oggi una media di 3 donne uccise al giorno

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – Sette donne uccise negli ultimi dieci giorni. Sono i drammatici dati di un 2021 che conta, fino ad oggi, 83 femminicidi, 3 al giorno, quasi tutti avvenuti in ambito familiare. Il report del Viminale, che il 12 settembre scorso contava 81 vittime si aggiorna con altri due omicidi, l’ultimo dei quali avvenuto oggi nel Vicentino. Dei 199 delitti commessi da gennaio ad oggi, 83 sono donne e oltre la metà sono state uccise dal partner o da un ex. Il 13 settembre Giuseppina Di Luca, 47 anni originaria di Morano Calabro, è stata uccisa a coltellate dal marito che non voleva accettare la separazione. Il corpo della donna è stato trovato in una pozza di sangue sulle scale di casa ad Agnosine, paese della Valsabbia in provincia di Brescia. Lo stesso giorno a Fagnano Castello, Sonia Lattari di 42 anni, è stata uccisa dal compagno e marito Giuseppe Servidio di 52 anni, che l’ha aggredita colpendola con una serie di coltellate al culmine di una furiosa lite. Oggi, invece, una 21 enne, sposata e con una figlia di due anni, è stata uccisa a colpi di pistola nel suo appartamento a Montecchio Maggiore, nel Vicentino da un amico che, attualmente, è in fuga ed è ricercato dalle forze dell’ordine.

Con questi ultimi tre efferati delitti, il numero dei femminicidi in Italia da gennaio ad oggi si appresta a raggiungere quello dello stesso peridio del 2020 quando si erano registrate 84 vittime e 116 in tutto l’anno. Il fenomeno della violenza di genere è ormai da tempo un’emergenza sociale. Nel 2020 le chiamate al 1522, il numero di pubblica utilità contro la violenza e lo stalking, sono aumentate del 79,5% rispetto all’anno precedente, sia per telefono, sia via chat (+71%). Con un boom da fine marzo, in corrispondenza del lockdown scattato per la pandemia. Guardando più indietro, il 2018 si è chiuso con 141 donne vittime di omicidio volontario, e il 2019 con 111, l’88,3% delle quali uccise da una persona conosciuta: quasi metà dal partner, l’11,7%, da un uomo con cui erano state in passato, il 22,5% da un familiare (inclusi i figli e i genitori) e il 4,5% da un conoscente, un amico o un collega.

A Cosenza nel 2021 denunce in netto aumento

Nel 2021 sono cresciute anche le denunce di maltrattamenti e violenze come ha evidenziato il procuratore capo di Cosenza Mario Spagnuolo dopo l’uccisione di Sonia Lattari “in questo momento in Procura abbiamo un numero elevatissimo di denunce per reati di violenza di genere ed è un trend che è in crescita, e noi provvediamo in tempi rapidi per avere le giuste misure contro gli autori e anche processi e sentenze. “Vuol dire che la struttura repressiva contro questi reati funziona, ma non è sufficiente questo – dice ancora il procuratore – perché resta fuori da questo contesto lo spettro di situazioni in cui, troppe volte, il soggetto debole non intende denunciare. Troppe volte ematomi e ferite vengono giustificati in termini non credibili, quando arriva la polizia sul luogo delle violenze. E allora invitiamo a denunciare, perché abbiamo tutta una struttura di supporto per affrontare i drammi di queste persone, se si affidano a noi. La persona violenta – aggiunge Spagnuolo – è in fondo una persona fragile, debole, che cerca di sopperire con la violenza alla mancanza di credibilità, di carisma, al fatto che non riesce più a portare avanti positivamente il suo rapporto di coppia, ma sono temi che devono affrontare i professionisti deputati allo scopo. Noi invece dobbiamo tutelare le persone offese, impedire che si verifichino fatti di violenza fisica o psichica, ma questo si può fare solo dopo che ci arriva una denuncia, altrimenti abbiamo le mani legate”.

 

Continua a leggere

Di tendenza