Covid 19, sì al rimborso del biglietto aereo comprato prima del lockdown - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Italia

Covid 19, sì al rimborso del biglietto aereo comprato prima del lockdown

Se c’è obbligo di quarantena in arrivo o al rientro, il passeggero può rinunciare al volo e ottenere il rimborso dalla compagnia del biglietto aereo comprato prima del lockdown e poi non utilizzato

Avatar

Pubblicato

il

ROMA – La sentenza 858/21, pubblicata dalla quarta sezione civile del giudice di pace di Palermo (magistrato onorario Raffaella Piro): se c’è obbligo di quarantena in arrivo o al rientro, il passeggero può rinunciare al volo e ottenere il rimborso dalla compagnia, dei soldi del biglietto aereo comprato prima del lockdown e poi non utilizzato per le misure anti Covid. Questo perché l’unica normativa applicabile è il regolamento eurounitario 261/04 che riconosce al passeggero il diritto di scegliere fra la ripetizione dell’importo in denaro e altre forme di rimborso: come ad esempio i voucher, previsti nel nostro Paese dal decreto Cura Italia approvato durante l’emergenza epidemiologica. Il principio stabilito dal giudice si estende, infatti, a quanti sarebbero dovuti partire durante l’emergenza Covid e si sono visti negare il rimborso dalle compagnie, con la motivazione che il volo era comunque operativo, anche se nel Paese di destinazione o rientrando dal viaggio era previsto un periodo di quarantena.

Il fatto

Il consumatore programma con largo anticipo le vacanze e durante l’inverno acquista per sé e la famiglia i ticket per il volo Punta Raisi-Tunisi programmato per il 13 agosto. Ma nel frattempo scoppia l’emergenza epidemiologica con il blocco degli spostamenti. E l’acquirente già il 17 marzo 2020 chiede al vettore l’accredito dei soldi sulla carta di credito con cui ha saldato l’importo. In sede stragiudiziale la compagnia si limita a offrire il voucher al posto della ripetizione della somma, ma poi non procede alla corresponsione e dunque resta inadempiente anche sotto questo profilo del contratto di trasporto. Al consumatore non resta che rivolgersi al giudice: trova ingresso la censura secondo cui con l’insorgenza della pandemia sopravvengono gravi motivi di impossibilità della prestazione, determinati dalla cancellazione dei voli o comunque dalla necessità di osservare le misure di contenimento. Secondo il giudice di pace, dunque, non resta che applicare gli articoli 5 e 8 del regolamento 261/04 che implica il rimborso del prezzo per il volo non fruito per causa non imputabile al passeggero. Vittoria per il consumatore per il quale scatta il rimborso di oltre 1.100 euro. In buona sostanza, se c’è obbligo di quarantena in arrivo o al rientro, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, il passeggero può rinunciare al volo e ottenere il rimborso dalla compagnia aerea.

Italia

Via le mascherine anche in classe. Sileri “consentire mix di vaccini anche agli over 60”

Costa “con i numeri e la campagna di vaccinazione ci sono tutte le condizioni per assumersi questa responsabilità”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

COSENZA – “Con i numeri e il ritmo della campagna vaccinale in corso e l’obiettivo dell’immunità di gregge per fine settembre è logico pensare che i ragazzi possano tornare in classe senza le mascherine, pur mantenendo la distanza tra di loro. E intanto per settembre tanti adolescenti saranno vaccinati”. Lo ha detto all’ANSA il sottosegretario alla Salute Andrea Costa. “E’ importante che la politica dia dei traguardi, delle prospettive, altrimenti rischiamo di non essere credibili – ha aggiunto – dobbiamo alimentare un clima di fiducia verso i vaccini e con le vaccinazioni si può dire che si torna a una quasi normalità”. Il sottosegretario Costa ha poi affermato: “Il mio è un ragionamento di buon senso. Se ci diamo degli obiettivi, poi dobbiamo anche prenderci la responsabilità di decidere. Dobbiamo dare credibilità a quello che diciamo tutti i giorni, altrimenti i cittadini avrebbero ragione a chiedersi “perchè mi vaccino se non vedo un traguardo? E anche togliere le mascherine a scuola fa parte di questo ragionamento“. E ha concluso: “Ci sono tutte le condizioni per assumersi questa responsabilità offrendo così consapevolezza alle persone sulla bontà della vaccinazione”.

Sileri “proposta eterologa anche per gli over 60”

E a proposito di vaccinazioni, il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri ha annunciato che questa mattina ha chiesto “alla Direzione generale della prevenzione sanitaria di cercare una soluzione normativa che consenta in maniera inequivocabile e chiara l’utilizzo della vaccinazione eterologa anche al di sopra dei 60 anni. Credo sia giusto dare a tutti la possibilità di cambiare tipologia di vaccino, anche se per gli over 60 il vaccino a vettore virale, come AstraZeneca – ha precisato – rimane sicuro e non gravato da quelle complicanze rarissime che si sono invece osservate nei soggetti più giovani”. Andando avanti con le vaccinazioni si arriverà progressivamente anche a togliere le mascherine all’interno. Non può essere data una data oggi, né può essere fatta a dire il vero una previsione. Aspettiamo almeno l’autunno” ha aggiunto Sileri “vedremo come saranno i contagi. Una eventuale ripresa dei contagi francamente ci sarà e a quel punto si deciderà quando togliere definitivamente la mascherina”, ha concluso.

 

Continua a leggere

Italia

Dal 28 giugno stop alle mascherine all’aperto, firmata l’ordinanza

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza che prevede lo stop all’uso delle mascherine all’aperto ma “non dobbiamo considerare chiusa la partita”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ROMA – “Ho appena firmato un’ordinanza che permette di non usare la mascherina all’aperto” dal 28 giugno. Lo ha annunciato il ministro della Salute, Roberto Speranza ieri sera su Rai3. “La mascherina è, e resta, uno strumento fondamentale. Ho appena firmato un’ordinanza dove si dispone che cade l’obbligo di usarla sempre all’aperto. Va indossata necessariamente solo quando non si può rispettare il distanziamento ma resta un punto fondamentale della nostra strategia”. “E’ vero che i nostri numeri sono migliori rispetto a un mese fa, ma – ha avvertito il ministro – non dobbiamo considerare chiusa la partita”. L’ordinanza è valida dal 28 giugno 2021 e fino al 31 luglio 2021.

“Fermo restando quanto previsto dall’articolo I del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 2 marzo 2021, che prevede, tra l’altro, l’obbligo sull’intero territorio nazionale di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, a partire dal 28 giugno 2021 – si legge nell’ordinanza firmata dal ministro Speranza – nelle ‘zone bianche’ cessa l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie negli spazi all’aperto, fatta eccezione per le situazioni in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o si configurino assembramenti o affollamenti, per gli spazi all’aperto delle strutture sanitarie, nonché in presenza di soggetti con conosciuta connotazione di alterata funzionalità del sistema immunitario”.

Continua a leggere

Italia

Zero contagi in discoteca con 2.700 persone. Ok a riapertura a luglio con green pass

2.700 persone con green pass per ballare e nessun contagio “abbiamo dimostrato che si può riaprire anche in Italia”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

SAN MARINO – Un esperimento in Riviera ma non in territorio italiano che, almeno secondo gli organizzatori, può rappresentare un modello per garantire l’apertura in sicurezza delle discoteche nel nostro Paese il prima possibile. L’evento di sabato scorso a San Marino, con 2.700 persone entrate con green pass per ballare nel maxi parcheggio del club del tiro al volo, avrebbe portato a “risultati rassicuranti”, spiegano gli ideatori. Dopo l’appello lanciato nel vuoto per la sperimentazione italiana in due discoteche di Gallipoli e Milano, i gestori delle discoteche rilanciano la proposta per ripartire, stavolta alla luce dell’esperienza sammarinese. A organizzarla è stato il titolare del ‘Musica’ di Riccione e di altri due locali, Tito Pinton: “quello che abbiamo fatto dimostra che si può riaprire anche in Italia. Al momento non mi risultano contagi dopo quell’evento e nessuno dei miei dipendenti ora è positivo“.

Costa “entro il 10 riaprono in Italia ma con green pass”

Entro i primi dieci giorni di luglio le discoteche potranno aprire e penso che il criterio del green pass possa essere applicato anche alle discoteche”. Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, su RTL 102.5 durante il programma Non Stop News che ne ha diffuso il testo. “Ho appena avuto un colloquio su questo con il ministro Speranza. Questa settimana – ha precisato – indicheremo una data in cui le discoteche potranno tornare a fare le loro attività, perché questo settore è ad oggi, rimasto l’unico senza avere una prospettiva e credo sia dovere della politica dare una risposta anche a questo”.

L’esperimento di San Marino

I 2.700 ragazzi arrivati a San marino da tutta Italia, che sabato scorso hanno ballato dalle 22 alle 5, hanno pagato un biglietto ma per poter entrare era anche necessario esibire il certificato vaccinale, in alternativa quello di tampone negativo nelle ultime 48 ore o infine quello di avvenuta guarigione dal Covid: in pratica il green pass, rispettando la regola invocata per l’apertura delle discoteche anche in Italia. A fare i controlli, chiedendo di utilizzare la mascherina -“ma era solo vivamente raccomandata, non obbligatoria”, precisa Pinton – erano decine di steward e all’esterno, a vista, anche uomini della gendarmeria sammarinese. “Alcuni la indossavano, altri no. E quasi tutti ballavano serenamente”, aggiunge soddisfatto il gestore. Ora la prima data utile per la ripartenza è il 4 luglio, secondo quanto auspica Maurizio Pasca, presidente del Silb, associazione di categoria dei locali con sale da ballo: “andare oltre sarebbe insostenibile – dice – ci aspettiamo buonsenso. Il Governo non ci faccia perdere il primo week end di luglio perché le nostre attività sono aperte al massimo due volte a settimana. Per il Paese quella data non cambierebbe nulla, ma a noi tanto. Anche perché la gente già va lo stesso a ballare in decine di locali che, tra l’altro, sono aperti senza green pass. Quindi ci facciano riaprire e il ministero dell’Interno vigili sull’abusivismo”.

Continua a leggere

Di tendenza