Vaccini AstraZeneca, Aifa rassicura: "allarme ingiustificato" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Dal mondo

Vaccini AstraZeneca, Aifa rassicura: “allarme ingiustificato”

“Non c’è nessuna relazione diretta e nessun rischio” per il vaccino AstraZeneca. Così il presidente dell’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa), Giorgio Palù. “Rispetto ai vaccini c’è molta emotività e lo ricordo già ai tempi dell’influenza” quando si sospese la vaccinazione “e poi si dimostrò che quelle morti non erano correlate.

Avatar

Pubblicato

il

ROMA – “Non c’è nessuna correlazione sinora dimostrata se non una relazione temporale tra la vaccinazione e l’evento nefasto ma non un nesso causale”, afferma invitando alla cautela. Sia dagli studi validativi che dalle milioni di dosi che sono state somministrate di questo vaccino, non si sono verificati incidenti tromboembolici o mortali correlati. Bisogna essere molto cauti”. Il presidente dell’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa), Giorgio Palù sottolinea spiega che, sulla richiesta di sospensione dell’Irlanda “alcuni Stati stanno cautelandosi in maniera anche molto intensa ma – ribadisce – non c’è nessun rischio”.

“Ovviamente è importante valutare e certificare se i lotti sono prodotti con la stessa qualità ma la sorveglianza è tale che almeno nel mondo occidentale queste cose vengono garantite dalle agenzie regolatorie. Tra sette giorni l’Ema emetterà un nuovo comunicato stampa sulle reazioni avverse. Lo ha fatto anche l’Aifa: 700 casi sono stati riportati e nessuno di questi è grave su decine e decine di migliaia di soggetti vaccinati”. E alla domanda su un’ipotesi di guerra tra aziente Palù risponde: “Basiamoci sui dati della scienza. Effetti più gravi sono molto rari e non tali da porre preoccupazioni”.

L’Aifa dunque, in una nota definisce “ingiustificato l’allarme sulla sicurezza del vaccino AstraZeneca” sottolineando che i casi di decesso verificatisi dopo la somministrazione del vaccino “hanno un legame solo temporale. Nessuna causalità è stata dimostrata tra i due eventi”. Aifa sottolinea “che le attività di farmacovigilanza proseguono sia a livello nazionale che europeo in collaborazione con Ema, monitorando con attenzione possibili effetti avversi legati alla vaccinazione” e “rassicura fortemente i cittadini sulla sicurezza del vaccino AstraZeneca per una ottimale adesione alla campagna vaccinale”.

AstraZeneca: “nessun aumento rischio per embolia o trombosi”

“Un’attenta revisione di tutti i dati di sicurezza disponibili di oltre 17 milioni di persone vaccinate in Ue e UK con il vaccino Covid-19 AstraZeneca non ha mostrato evidenza di un aumento del rischio di embolia polmonare, trombosi venosa profonda (TVP) o trombocitopenia , in qualsiasi fascia di età, sesso, lotto o in un determinato Paese”. Lo afferma AstraZeneca che a seguito della “recente preoccupazione sollevata in merito a eventi trombotici – rileva l’azienda – desidera offrire rassicurazioni sulla sicurezza del proprio vaccino sulla base di chiare prove scientifiche”. L’azienda “monitora continuamente la sicurezza”.

Dal mondo

La cocaina della ‘ndrangheta ad Ibiza, arrestate 32 persone

Il blitz antidroga ribattezzato ‘Operazione Dragon Ball’, è stato eseguito in Spagna. Nel mirino una banda italiana e una albanese

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

MADRID – L’operazione delle forze dell’ordine spagnole e italiane è stata compiuta tra il 13 e il 17 settembre scorsi ma è stata resa nota ieri sera. Nel mirino le attività criminali della ‘ndrangheta in Spagna. Come comunicato dalla Guardia Civil spagnola, l’operazione, eseguita in collaborazione con Carabinieri e Guardia di Finanza, ha colpito un nucleo attivo in particolare a Ibiza, oltre che un’organizzazione criminale albanese con attività correlate sull’isola.

Sono 32 le persone arrestate tra cui cittadini italiani, albanesi e ungheresi, sia a Ibiza sia in altre località spagnole. Secondo gli inquirenti, la principale attività del nucleo italiano smantellato era il narcotraffico, in particolare di cocaina. Il gruppo albanese forniva droga e armi a quello italiano, ha spiegato la Guardia Civil. Il blitz nha coinvolto 400 agenti spagnoli, che hanno ricevuto l’appoggio dell’italiana Direzione investigativa antimafia e sono intervenuti a Ibiza e in altre zone della Spagna. L’operazione ha consentito di confiscare 18 chili di metanfetamine, 4,5 chili di cocaina, 870.000 pastiglie di ecstasy, due armi da fuoco, oltre 300.000 euro in contanti e 23 veicoli di alta gamma.

Continua a leggere

Dal mondo

Intelligenza Artificiale, un’app per rilevare il Covid dalla voce

I ricercatori dell’Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, definiscono il sistema accurato nell’89% dei casi, più dei test rapidi

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

L’intelligenza artificiale (AI) può essere utilizzata per rilevare l’infezione da Covid-19 nella voce attraverso un’app. Ad affermarlo sono i ricercatori dell’Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, che hanno presentato uno studio al Congresso internazionale della European Respiratory Society a Barcellona, i quali affermano che il modello di intelligenza artificiale utilizzato, è più accurato dei test antigenici rapidi, l’89% delle volte, nonché più rapido e facile da usare.

Il team ha lavorato sui dati dell’app Covid-19 Sounds dell’Università di Cambridge che contiene 893 campioni audio di 4.352 partecipanti sani e malati, di cui 308 sono risultati positivi al virus. Agli utenti veniva chiesto di tossire tre volte, respirare profondamente attraverso la bocca da tre a cinque volte e leggere una breve frase sullo schermo tre volte. I ricercatori hanno utilizzato una tecnica di analisi vocale chiamata “Spettrogramma Mel” per identificare diverse caratteristiche della voce come il volume, la variazione e la potenza.

“Questi risultati suggeriscono che registrazioni vocali e algoritmi di intelligenza artificiale perfezionati possono potenzialmente raggiungere un’elevata precisione nel determinare quali pazienti hanno l’infezione. Potrebbero essere utilizzati, ad esempio, nei punti di ingresso per grandi assembramenti, consentendo uno screening rapido”, spiega Wafaa Aljbawi dell’Institute of Data Science dell’Università di Maastricht. In Italia, l’Università di Ferrara, ha messo a punto un anno fa un sistema che si basa sempre su colpi di tosse e onde sonore, arrivando così a identificare “la voce” della malattia. Il metodo di riconoscimento si basa su una tecnica chiamata modal learning con supervisione.

Continua a leggere

Dal mondo

Inghilterra in lutto: è morta a 96 anni la Regina Elisabetta. Il figlio Carlo nuovo Re

La Regina di Inghilterra si trovava nella residenza scozzese di Balmoral. Tutti e 4 i figli della regina Elisabetta sono stati al suo capezzale

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

LONDRA – È morta questo pomeriggio Elisabetta, la Regina di Inghilterra che si trovava nella residenza scozzese di Balmoral. Tutti e 4 i figli sono stati al suo capezzale dopo che nella mattinata si era diffusa la notizia di “condizioni mediche critiche”. Dopo l’erede al trono Carlo, giunto per primo assieme alla consorte Camilla – sono arrivati anche i principi Anna, Andrea ed Edoardo, seconda, terzo e quartogenito della sovrana e del defunto principe Filippo. Edoardo è accompagnato dalla consorte Sophie, nuora assai vicina ad Elisabetta II in questi ultimi anni. Confermato inoltre l’arrivo del principe William, nipote della regina e secondo in linea di successione dopo suo padre Carlo. Elisabetta, ultima Regina d’Inghilterra e con il il regno più lungo della storia aveva superato crisi, liti familiari, scandali e anche il Covid.

Elisabetta II se ne è andata a 96 anni, dopo 70 anni di regno: era infatti salita sul trono nel 1952: se ne è andata nel castello di Balmoral dove aveva trascorso l’estate e ricevuto, solo martedì, il premier uscente, Boris Johnson, e la nuova, Liz Truss. La sovrana, mostratasi in pubblico in piedi ma fragile due giorni fa nella residenza scozzese di Balmoral per il passaggio di consegne alla testa del governo britannico fra Boris Johnson e Liz Truss, premier numero 15 dei suoi 70 anni di regno era stata già costretta ieri a rinunciare a una riunione virtuale. “In seguito a una nuova valutazione del suo stato questa mattina, i dottori della Regina hanno espresso preoccupazione e raccomandato che ella rimanga sotto sorveglianza medica”, si leggeva nella nota di palazzo. La corte precisa che Sua Maestà resta “a riposo a Balmoral” e che i suoi familiari più stretti, a partire evidentemente dall’erede al trono Carlo, sono stati informati.

Continua a leggere

Di tendenza