ASCOLTA RLB LIVE
Search

Monticelli (Anci), paghiamo debolezza del governo

ROMA – ”Spiace per questa dichiarazione del portavoce del commissario Ue, a me sembra che l’Unione europea

non conosca perfettamente la situazione relativa alle spiagge italiane, anche se, mi spiace constatarlo, ma in questo percorso paghiamo, in maniera forte, la debolezza del governo italiano”. E’ quanto sottolinea al sito dell’Anci Luciano Monticelli, sindaco di Pineto e delegato al demanio marittimo, dopo che ”La Stampa’, nell’edizione odierna, ha sottolineato le dichiarazioni del portavoce di Barnier (commissario Ue al mercato interno), per il quale ”un rinnovo automatico di 30 anni non sarebbe compatibile con quanto previsto dal diritto comunitario” e sempre secondo il quale ”la direttiva Bolkeistein vieta la concessione di privilegi ai gestori storici”.

In Parlamento in giornata, prima la Commissione Bilancio del Senato, poi la commissione Industria ha approvato la mini proroga di 5 anni per la concessione delle spiagge, mandando sotto il governo che aveva espresso parere contrario. Ora la palla passa all’esecutivo che in sede di maxiemendamento valutera’ se modificare o meno il testo.

”Siamo contrarissimi ad entrambe le ipotesi – commenta Monticelli – l’unica cosa positiva e’ relativa al fatto che almeno nel breve periodo i concessionari sono salvi. La proroga e’ un fatto positivo, ma deve cambiare l’impostazione della direttiva Bolkeistein, o 2020 o 2045 non va bene, perche’ comporterebbe un senso di precarieta’ notevole per gli investitori e poi perche’ sarebbe un modo per svendere il nostro patrimonio marittimo”.

Per il sindaco di Pineto ”si e’ arrivati a questo tipo di dinamiche complesse e che non fanno il bene del nostro Paese per la debolezza del nostro governo, che in sede di trattativa con l’Europa non si e’ mai presentato al tavolo, tant’e’ che quando siamo andati noi a Bruxelles ci siamo dovuti assorbire le lamentele dei commissari”.

(Fonte ASCA)