Regioni "25% di spettatori sulla capienza totale, con mascherine e posti a sedere personali" - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Italia

Regioni “25% di spettatori sulla capienza totale, con mascherine e posti a sedere personali”

Avatar

Pubblicato

il

La conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha realizzato un documento per l’adozione delle linee guida, da sottoporre al governo, per il ritorno degli spettatori ad eventi e competizioni sportive con precise regole.

.
COSENZA – “Oggi abbiamo elaborato e approvato un documento di proposta al Governo per l’adozione di linee guida per la partecipazione del pubblico agli eventi ed alle competizioni sportive ed uno per la ripresa degli sport di contatto. Lo annuncia il vicepresidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Giovanni Toti. “La nostra proposta in sintesi prevede – spiega – la partecipazione di spettatori muniti di mascherine, a cui sia stata misurata la temperatura in ingresso, esclusivamente in posti a sedere assegnati personalmente, distanziati e nei limiti massimi del 25 per cento della capienza dell’impianto”.

Toti “riavviamo il settore dello sport”

Si tratta, aggiunge l’esponente della Conferenza delle Regioni, “di testi che rappresentano un importante contributo per la ripresa delle diverse attività sportive. Il mondo dello sport ha sofferto, come altri settori, di un fermo prolungato dovuto alla gestione della pandemia. Ora – sottolinea – occorre riattivare l’intero settore sportivo, puntando su una presenza limitata di pubblico e sul massimo livello di prevenzione”. Per quanto riguarda la proposta di ‘Linee guida per la ripresa degli sport di contatto‘ si tratta – informa la Conferenza delle Regioni – di indicazioni che accompagnano e consolidano la ripresa delle attività e degli allenamenti nelle diverse discipline. Si tratta di “una guida indispensabile per organismi e società sportive, per gli operatori, per i gestori, per i genitori dei minori e per il pubblico degli eventi sportivi”. “Ora come concordato – informa ancora Toti – invieremo i documenti al Governo che si consulterà anche con il Cts e li valuterà anche in base ai dati epidemiologici. L’auspicio è che possano essere recepite in un prossimo Dpcm, sin dai primi giorni di ottobre, anche per consentire la ripresa nel rispetto massimo delle regole di prevenzione, dopo la serie A del calcio, anche negli altri campionati e tornei. A me preme sottolineare infine – conclude il vicepresidente della Conferenza delle Regioni – che ancora una volta le Regioni hanno svolto un’azione corale di concertazione, dimostrando anche in questo caso il valore fondamentale della collaborazione istituzionale per la gestione della ripresa delle diverse attività”.

Italia

Coldiretti, l’Italia spezzata in due: grandine e bufere al Nord, senz’acqua il Sud

A causa dei cambiamenti climatici persi oltre 14 miliardi di euro in un decennio tra cali della produzione agricola nazionale e danni alle strutture

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

Il maltempo spezza l’Italia in due con grandine, vento e nubifragi che devastano campi, vigneti, frutteti e stalle al Nord, mentre al Sud ortaggi e agrumeti sono senza acqua dopo tre mesi senza piogge significative con il caldo che ha favorito il divampare degli incendi dalla Sardegna alla Puglia fino in Sicilia. A rilevarlo è un monitoraggio della Coldiretti sull’ultima ondata di maltempo e caldo tropicale che si è abbattuta sulla penisola con effetti- sottolinea l’organizzazione agricola – opposti ma egualmente distruttivi con milioni di euro di danni.

Coldiretti segnala in Lombardia grandine e tempeste di acqua e vento hanno scoperchiato stalle e fienili, isolando intere zone rurali e devastando i raccolti con perdite fino al 100% su mais e ortaggi fra Como e Lecco, mentre bufere di ghiaccio si sono abbattute a macchia di leopardo sul Bresciano con danni su mais, vigneti e tetti sradicati dalla forza del vento. Il maltempo — fa presente l’organizzazione – ha colpito anche i frutteti della Bergamasca e provocato frane nelle valli della provincia di Sondrio. In Veneto da Montebelluna a Cavaso del Tomba fino a Feltre – aggiunge Coldiretti – la grandine si è abbattuta su campi di mais vigneti, alberi da frutto e ortaggi in pieno campo. Con il monitoraggio dell”organizzazione è inoltre evidenziato che se il Nord è flagellato dalle tempeste, il Sud deve fare i conti con la carenza d’acqua. Coldiretti conclude che “siamo di fronte in Italia alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione e il moltiplicarsi di eventi estremi” che ha fatto perdere oltre 14 miliardi di euro in un decennio tra cali della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne con allagamenti, frane e smottamenti.

Continua a leggere

Italia

Green pass, Lamorgese “controlli saranno rafforzati. No vax? Le regole si rispettano”

Il Ministro dell’Interno “il governo non può che essere per le regole, diversamente ci saranno identificazioni e denunce anche per rispetto delle regole sanitarie”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

VENEZIA – “Le regole vanno rispettate“. E’ la risposta secca e diretta che il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha dato ai cronisti in merito alle manifestazioni non autorizzate dei no-vax previste in questi giorni. “Il governo – ha precisato il ministro, a margine del Comitato sicurezza e ordine pubblico cui ha partecipato a Venezia, presente il capo della Polizia Lamberto Giannini – non può che essere per le regole e per le manifestazioni autorizzate, anche per gestire piazze che possono creare problemi di ordine pubblico. Ovvio che, diversamente, i manifestanti vengono identificati e denunciati, anche per il rispetto delle regole sanitarie”. Qui – ha aggiunto Lamorgese – parliamo di manifestazioni estemporanee e non organizzate, quindi non c’è protocollo che tenga. Non ci sono stati grandi problemi di ordine pubblico per ora, anzi in alcuni casi abbiamo visto partecipazioni minori del previsto. Ma noi e le forze dell’ordine seguiamo con attenzione la situazione, sperando anche che si tenga conto anche della libertà degli altri”.

Domani nuove manifestazioni

Domani, infatti, in piazza il popolo del “no” al Green Pass tornerà a protestare. Dopo le manifestazioni dei giorni scorsi, le fiaccolate e i sit-in , sono in programma eventi in una ventina di città. Anche in questo caso il tam tam è partito dalla rete, attraverso i social network, per dare appuntamento a chi vuole contestare le decisioni del governo che dal 6 agosto prossimo ha reso obbligatorio il lasciapassare verde per una serie di attività. Manifestazioni sono previste a Roma, a piazza del Popolo alle 17.30, Genova in piazza De Ferrari sempre nel pomeriggio, così come a Milano in piazza Fontana, Napoli in piazza Dante e Torino in piazza Castello. Previste iniziative, tra le altre città, anche a Perugia, Catania, Bergamo, Cagliari e Palermo.

 

Controlli su green pass saranno rafforzati

I controlli ci sono sempre stati ma ora verranno implementati” ha detto ancora il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, sul tema green pass. “Stamane alle 9.30 – ha spiegato- abbiamo organizzato un incontro a livello di gabinetti dei vari ministeri, Interno, Salute e Difesa, proprio per capire come organizzare controlli più precisi del green pass, specie negli aeroporti. Verranno rafforzati tenendo conto dei diversi casi legati ai paesi di provenienza, ma anche delle quarantene”.

Costa “Governo disponibile ad azioni correttive”

Il green pass “è lo strumento che ci permette di evitare nuove chiusure o passi indietro, è chiaro che stiamo chiedendo un ulteriore sforzo ai cittadini e agli operatori e credo che ci sia la diponibilità da parte del governo di comprendere in questi giorni che tipo di azioni correttive possiamo apportare per renderne l’applicabilità più fluida e più corretta” ha affermato invece il sottosegretario alla Salute Andrera Costa. “Comprendo le difficoltà, ci sono situazioni da approfondire ma la disponibilità da parte del governo è totale”, ha aggiunto. (ANSA).

Ipotesi ‘no green pass’ a ristoranti dentro alberghi’

“Credo – ha aggiunto – che si possa valutare l’ipotesi ‘no green pass’ ai ristoranti dentro gli alberghi quando i ristoranti fanno un servizio esclusivo alla clientela dell’albergo. Questo è un tema che è stato posto con forza anche dalle associazioni di categoria e credo sia un tema sul quale valga la pena fare una riflessione. Abbiamo qualche giorno di tempo per comprendere se possiamo dare questo tipo di risposta”.

Continua a leggere

Italia

Prodotti bio: dove acquistare frutta e verdura online

Grazie a piattaforme specializzate sul Web è possibile comprare frutta e verdura biologiche fresche e riceverle a casa

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

I prodotti biologici sono indispensabili per supportare l’agricoltura sostenibile, inoltre consentono di acquistare alimenti di alta qualità per proteggere la propria salute. Allo stesso tempo il biologico rappresenta una scelta di consumo responsabile, in quanto permette di tutelare i produttori locali, contribuendo alla preservazione delle piccole aziende e alla valorizzazione delle filiere corte.

Oggi è possibile comprare frutta e verdura biologiche online, grazie a piattaforme specializzate che permettono di ordinare su internet i prodotti freschi e riceverli in casa, una soluzione efficiente per rendere più agevole l’acquisto di prodotti con un alto valore nutrizionale. Ovviamente è importante rivolgersi a servizi affidabili, in grado di fornire la massima trasparenza, prezzi chiari e tutte le certificazioni bio previste dalle normative di legge.

A chi rivolgersi per comprare verdura e frutta bio online

Tra le migliori proposte del settore una delle opzioni più apprezzate è quella disponibile sul sito panierebio.com, una piattaforma specializzata dove è possibile acquistare verdura e frutta online rigorosamente biologiche.

Paniere Bio è il marchio che si occupa della vendita diretta dei prodotti certificati bio di Natura Iblea, azienda agricola biologica che dal 1988 opera in Sicilia garantendo la filiera corta dal produttore al consumatore.

All’interno del portale si possono ordinare frutta bio di qualità, con la possibilità di acquistare prodotti locali di stagione come le pesche nettarine bio, le susine bio Goccia d’Oro e il melone Gialletto bio. Nel catalogo sono presenti anche diversi tipi di verdura biologica certificata, tra cui le patate novelle bio, l’insalata romana biologica e le zucchine bio. Sono disponibili anche gli immancabili odori, indispensabili per arricchire il sapore dei piatti, come rosmarino e basilico freschi coltivati secondo i principi dell’agricoltura biologica.

Comprando online è possibile usufruire della consegna a domicilio con trasporto refrigerato, per assicurare la massima freschezza degli alimenti deperibili. La spedizione dei prodotti biologici è disponibile in tutta Italia, per fare la spesa biologica online e ricevere frutta e verdura bio comodamente nella propria abitazione. Inoltre si possono sottoscrivere vari tipi di abbonamento per avere prodotti bio ogni una o due settimane, beneficiando della consegna gratuita con disdetta del servizio in qualsiasi momento.

Tutti i vantaggi del cibo biologico e dell’acquisto online di verdura e frutta

Basare la dieta sulla frutta e la verdura bio garantisce numerosi vantaggi. Innanzitutto è possibile consumare alimenti naturali con proprietà organolettiche elevate, superiori a qualsiasi prodotto offerto dall’agricoltura convenzionale non biologica. Gli alimenti certificati bio assicurano un apporto significativo di vitamine, minerali e antiossidanti, per mantenersi in salute e aiutare l’organismo a prevenire disturbi e patologie.

Un altro vantaggio è legato alla freschezza degli alimenti, poiché le filiere biologiche sono in grado di rimuovere i passaggi presso gli intermediari, mettendo a disposizione frutta e verdura che arrivano rapidamente dai produttori locali ai consumatori.

Questo sistema non solo garantisce la massima freschezza dei prodotti, per conservarne tutte le proprietà nutrizionali, ma permette di risparmiare e pagare un giusto prezzo per l’acquisto di prodotti bio di qualità.

Gli alimenti biologici sono anche privi di sostanze nocive per l’organismo, in quanto i principi dell’agricoltura bio non prevedono l’uso intensivo di fitofarmaci e fertilizzanti chimici, ma una serie di pratiche agricole sostenibili per la tutela della salute. Comprare bio aiuta a proteggere la biodiversità degli ecosistemi, preservando le risorse naturali e diminuendo l’impronta ecologica. Si tratta di una scelta responsabile in termini ambientali, economici e sociali, che fa bene a se stessi e agli altri incentivando modelli zero waste a basso impatto ecologico.

Quando si sceglie di acquistare online frutta e verdura bio si uniscono i vantaggi del biologico con quelli del commercio elettronico, per ricevere prodotti di alta qualità a prezzi competitivi. In più è possibile effettuare l’ordine in qualsiasi momento, tracciando la spedizione in tempo reale e risparmiando tempo. In questo modo anche il biologico può diventare smart e digitale, semplificando il mantenimento di un’alimentazione sana, equilibrata e sostenibile.

 

Continua a leggere

Di tendenza