Turismo, Unc: “bonus vacanze deludente. Azzerare Iva per viaggi, alberghi e pacchetti turistici”

“Il bonus vacanze si è arenato, deludendo le aspettative, arrivando a superare il milione di erogazioni solo dopo un mese dalla sua introduzione, quando al ritmo del primo giorno si sarebbe dovuti arrivare a 4,5 milioni”

 

ROMA  – “La stagione turistica è compromessa e per risollevarla non può certo bastare un maggior numero di  prenotazioni per Ferragosto, né è servito il bonus vacanze”. Lo afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, intervenendo sulla polemica relativa ai dati Enit. “Dopo una buona partenza, quasi 150 mila richieste il primo giorno utile, il bonus vacanze si è arenato, deludendo le aspettative, arrivando a superare il milione di erogazioni solo dopo un mese dalla sua introduzione, quando al ritmo del primo giorno si sarebbe dovuti arrivare a 4,5 milioni” prosegue Dona.

“Per contenere le perdite del settore servono ora misure shock. Fin dal mese di marzo abbiamo chiesto di azzerare l’Iva per viaggi, alberghi e pacchetti turistici, così da scontare i costi dei servizi pagati dai consumatori. Chiediamo che il provvedimento duri fino alla fine dell’anno” conclude Dona.