Coronavirus, Conte “subito 4,3 miliardi ai comuni e 400 milioni in buoni spesa per i bisognosi”

Per venire incontro alle migliaia di persone e famiglie in difficoltà con la crisi acuita dal coronavirus subito disponibili 4,3 miliardi per dare ossigeno ai comuni e 400 milioni di euro per l’erogazione di buoni spesa e la distribuzione di generi alimentari e prodotti di prima necessità

.

COSENZA – Serviva un intervento immediato per frenare il rischio di una vera e propria emergenza sociale che rischiava di esplodere in Italia a causa dell’emergenza coronavirus con tantissime persone in difficoltà economica, senza un euro in tasca per poter fare la spesa e acquistare beni di prima necessità. La risposta del Governo è arrivata questa sera con l’immediata liquidità di denaro da mettere nelle casse dei comuni, già in vigore a partire da domani, con un DCPM che stanzia 4,3 miliardi di euro ma sopratutto con 400 milioni di euro di cibo e buoni spesa da distribuire gratis per acquistare generi alimentari e prodotti di prima necessità.

Bonus spesa gratis, erogazione Cig entro il 15 aprile

“Sappiamo che ci sono tante persone che soffrono – ha detto il premier Conte durante la conferenza stampa – oltre al dramma delle vittime c’è chi addirittura ha difficoltà a comprare generi alimentari. Ma vi avevo detto nei giorni scorsi che il Governo c’è e ci sarà. Ci confronteremo a inizio settimana con gli esperti e confidiamo che ci portino buone notizie per quanto riguarda il decorso del virus. Vi chiedo di comprendere questo sforzo: la macchina statale prevede procedimenti complessi, stiamo facendo l’impossibile per azzerarli. Vogliamo dare un segnale concreto della presenza dello Stato e per questo ho firmato Dpcm dove giriamo 4,3 miliardi ai Comuni e aggiungiamo a questo fondo 400 milioni, un ulteriore anticipo che destiniamo ai comuni col vincolo di destinarlo alle persone che non hanno i soldi per non fare la spesa. Da qui nasceranno buoni spesa ed erogazioni di generi alimentari. Li destiniamo agli 8.000 comuni del nostro territorio per erogarli alle famiglie e ai volontari. Confidiamo che già dalla settimana prossima si potranno erogare concretamente questi buoni e generi alimentari direttamente alle persone. Non vogliamo lasciare nessuno abbandonato. La ministra Catalfo e l’Inps stanno lavorando senza sosta – ha aggiunto Conte – e vogliamo mettere tutti i beneficiari della Cassa integrazione di accedervi subito, entro il 15 aprile e se possibile anche prima. Nessuno sarà lasciato solo. Siamo al lavoro per azzerare la burocrazia, stiamo facendo l’impossibile”.