Coronavirus, il bilancio della Protezione Civile: 650 contagiati, 17 morti e 45 guariti

Secondo il bilancio giornaliero del commissario Borrelli alla protezione civile sono 650 le persone contagiate da Coronavirus in Italia. Al contempo si registrano 45 persone guarite. Registrati anche 3 decessi di persone con patologie pregresse che portano il numero totale a 17. Isolato il ceppo italiano del virus

.

ROMA – Secondo il bilancio giornaliero comunicato dal commissario della protezione civile Angelo Borrelli ad oggi in Italia sono 650 le persone contagiate da Coronavirus (200 in più rispetto a ieri). In Lombardia le persone guarite sono 40 per un totale di 45 in tutta Italia. Altro dato aggiornato è quello dei deceduti: ci sono 3 nuovi casi di decessi di ultraottantenni, due uomini di 88 anni e una donna di 82 anni. “Persone – sottolinea Borrelli – che avevano un quadro clinico delicato e importante”. In Lombardia, epicentro del focolaio, sono 403 i contagiati (di cui 40 dimessi perchè guariti e 14 morti); 111 in Veneto (2 morti), 97 in Emilia Romagna (1 morto), 19 in Liguria, 4 in Sicilia (2 guariti), 3 ciascuna in Lazio (tutti e 3 guariti), Campania, Marche, 2 in Toscana e Piemonte, 1 in Alto Adige, Abruzzo e Puglia. I ricoverati con sintomi sono 248, 56 sono in terapia intensiva e 284 in isolamento domiciliare. I tamponi somministrati sono stati 12.014 (la metà solo in Veneto).

Tutto è nella norma, non c’è nessuna criticità nella zona rossa – ha detto Borrelli – e ringrazio la popolazione che ordinatamente sta rispettando le indicazioni delle autorità in quelle zone, ringrazio le strutture e i volontari, assistono chi ha bisogno, facendo anche la spesa, gestiscono il montaggio delle tende all’esterno degli ospedali per le attività del pretriage”. Il Dipartimento ha reso disponibile e stanno arrivando oltre 35 mila mascherine in Emilia Romagna Piemonte, Lombardia e Veneto. Stiamo procedendo con acquisti importanti, stiamo gestendo l’operazione dal punto di vista amministrativo. Ringrazio l’Eni e la Farmac Zabban di Casalecchio di Reno che hanno messo a disposizione mascherine. Li ringrazio per la loro generosità è una donazione importante – ha concluso il capo della protezione civile Angelo Borrelli –  facendo il punto sull’emergenza.

Contagiati senza sintomi possono rimanere a casa

Alla conferenza della protezione civile che ha aggiornato i numeri dell’epidemia era presente anche Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità che ha parlato dei campioni “il tema dei campioni parte da alcune raccomandazioni che indicano l’opportunità di usare questi test laddove ci siano persone positive con dei sintomi. Nella fase iniziale immagino che nelle aree colpite ci sia stato un ricorso al test. Dobbiamo ricordare un dato molto positivo: la capacità del nostro Ssn di individuare i contatti stretti in una ramificazione diffusa del focolaio iniziale. I contratti stretti è bene rimangano quarantenati, il periodo di incubazione è 14 giorni, bisogna evitare che si sviluppi l’infezione e che si trasmetta. I contatti asintomatici possono stare a domicilio“.

 

Isolato il ceppo italiano del virus

I ricercatori dell’Ospedale Sacco di Milano hanno isolato il ceppo italiano del coronavirus. Lo ha annunciato all’ANSA il professor Massimo Galli, direttore dell’Istituto di scienze biomediche, che ha illustrato i risultati del lavoro di ricerca che procede ininterrottamente da domenica scorsa, coordinato dalla professoressa Claudia Balotta. Fanno parte della squadra le ricercatrici Alessia Loi, Annalisa Bergna e Arianna Gabrieli, precarie, insieme al collega polacco Maciej Tarkowski e al professor Gianguglielmo Zehender.

Di Maio “coinvolto solo 0,1% dei Comuni”

In Italia è coinvolto dall’epidemia del coronavirus lo 0,1% dei comuni, le persone in quarantena sono lo 0,089% della popolazione totale e il territorio italiano in isolamento è lo 0,01%: sono i numeri diffusi dal ministro degli Esteri Di Maio. Lo staff della Farnesina ha diffuso ai cronisti in sala una mappa con questi numeri. “Siamo passati da un rischio epidemia a una ‘infodemia‘ acclarata e in questo momento il rapporto con la stampa estera è preziosissimo”, ha detto Di Maio in conferenza all’Associazione Stampa Estera sull’emergenza coronavirus. “L’Italia – ha aggiunto – è un paese affidabile. C’è una buona notizia: tutti i pazienti allo Spallanzani sono guariti”, mentre proprio dalla coppia cinese uscita dall’ospedale romano arriva il ringraziamento ai medici italiani: ‘Ci hanno salvato la vita’. “Condanniamo tutte le speculazioni che qualche sciacallo sta facendo su gel e mascherine queste persone saranno punite“, ha assicurato il ministro Di Maio.

L’antitrust interviene su igienizzanti e mascherine

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha trasmesso in data odierna una richiesta di informazioni alle principali piattaforme di vendita e di altri siti di vendita on-line in riferimento alle modalità di commercializzazione di prodotti igienizzanti per le mani e di mascherine monouso di protezione delle vie respiratorie. L’intervento è scaturito da numerose segnalazioni da parte di consumatori e associazioni i quali lamentavano, da un lato, la presenza di claim relativi all’asserita efficacia dei suddetti prodotti in termini di protezione e/o di contrasto nei confronti del Coronavirus e, dall’altro, l’ingiustificato e consistente aumento dei prezzi dei medesimi prodotti registrato negli ultimi giorni. Le imprese dovranno comunicare entro tre giorni quali misure hanno posto in essere per eliminare slogan pubblicitari che possano ingannare i consumatori sull’efficacia dei prodotti per evitare/curare le patologie da COVID 19 e quali misure abbiano adottato al fine di evitare ingiustificati e sproporzionati aumenti di prezzo.