Reddito di cittadinanza, Forza Italia raccoglierà le firme per abolirlo. L’ira dei 5 Stelle

Non si è fatta attendere la reazione del movimento 5 Stelle all’annuncio di Forza Italia che vuole cancellare il provvedimento bandiera dei grillini che attaccano il partito di Silvio Berlusconi “la loro proposta è una vergogna nazionale: abolire il Reddito di Cittadinanza e ripristinare i vitalizi e i privilegi della Casta”

.
COSENZA –  Forza Italia sarebbe pronta a raccogliere le firme nelle piazze italiane per proporre un referendum abrogativo della misura cardine del Movimento 5 stelle, ovvero il reddito di Cittadinanza definito dal partito di Silvio berlusconi come una mera misura assistenzialista, estremamente costosa che non crea occupazione, ma fa solo aumentare la spesa pubblica e di conseguenza la pressione fiscale sugli italiani togliendo risorse alla crescita e prospettive di nuova occupazione. A stabilirlo il comitato di presidenza dei azzurri che si è svolto ieri a Palazzo Grazioli e confermato anche dalle parole di Sesto Giacomoni, membro del Comitato di presidenza di Forza Italia “In parallelo al tour per la libertà, che avrà come slogan ‘con Forza Italia riparte l’Italia’, raccoglieremo le firme per abolire il reddito di cittadinanza, per abolire le leggi che cancellano la prescrizione e continueremo a raccogliere le firme per introdurre in Costituzione un tetto massimo alle percentuale di tasse che possono essere chieste ai cittadini”.

 

Annuncio che ha trovato l’immediata e durissima la reazione del Movimento 5 Stelle “Arriva la nuova trovata di Forza Italia: abolire il Reddito di Cittadinanza e ripristinare i vitalizi e i privilegi della Casta. Complimenti! Il partito di Berlusconi  – si legge sul blog delle stelle – ha annunciato una nuova campagna per la raccolta firme per l’abolizione del Reddito di Cittadinanza. Nessun problema se due milioni e mezzo di beneficiari tra cui 200mila persone con disabilità e 400mila bambini perderanno il sussidio e rischieranno ancora una volta di avere difficoltà ad avere un pasto caldo o a pagare un affitto. Perché i parlamentari di Forza Italia sostengono che in queste famiglie ci siano solo disonesti che rubano allo Stato e non persone cadute in disgrazia che grazie al Reddito hanno avuto la possibilità di guardare al futuro con maggiore serenità”.

“Forza Italia  – si legge nella nota del movimento 5 Stelle – se ne frega di quei nonni che grazie alla Pensione di Cittadinanza hanno potuto accendere il riscaldamento questo inverno. Se ne fregano di quelle mamme che grazie al Reddito hanno potuto comprare le medicine e curare i propri figli. Se ne fregano di quei padri di famiglia che con i soldi del Reddito hanno potuto mettere il piatto in tavola per i propri bambini. Ci attaccano perché il programma del Reddito di Cittadinanza ha creato in pochi mesi solo 29mila posti di lavoro. Come se una riforma epocale come questa, che in Germania ha avuto bisogno di 10 anni per andare a regime, possa realizzarsi e svilupparsi in meno di un anno!”

“Possiamo dirlo con forza – si legge ancora  – questa raccolta firme è una vergogna nazionale, un insulto a tutte quelle famiglie che le politiche scellerate portate avanti anche dai Governi Berlusconi hanno lasciato per strada, senza uno straccio di futuro e senza prospettiva! Nel frattempo, prelevano 16 milioni di euro dalle tasche degli italiani per rimetterli sui conti in banca dei politici ripristinando i vitalizi grazie ad un giochino di palazzo al Senato. Perché il loro motto è togliere ai poveri per dare ai ricchi. Vergognatevi!”