ASCOLTA RLB LIVE
Search

Reddito Cittadinanza: oltre 1,2 milioni di domande. Importo medio di 540 euro

I dati forniti dall’Inps. Al 30 maggio sono state 1.252.148 le domande di Reddito di Cittadinanza presentate. Oltre 960.000 quelle lavorate fin’ora, di cui 674.000 accolte. Le domande respinte sono 277.000 (il 26% del totale) mentre 9.000 sono in evidenza per ulteriore attività istruttoria
.

ROMA – Arrivano ulteriori dati sul Reddito di Cittadinanza forniti dall’Inps relativi alla fine di maggio, ultima finestra che si è chiusa per presentare domanda. Secondo i dati le domande al 30 maggio hanno raggiunto quota 1,25 milioni. Sono state già lavorate oltre 960mila domande (su un totale di poco più di un milione e 60mila presentate a marzo ed aprile), di cui 674mila sono state accolte, 277mila respinte e 9mila in evidenza per ulteriore attività istruttoria. Il tasso di rifiuto è dunque attualmente al 26%. L’importo medio del reddito di cittadinanza è di 540 euro. L’importo medio delle pensioni di cittadinanza finora liquidate, che sono circa 81mila, è di 210 euro.

L’Inps sottolinea che a marzo sono state presentate 820.000 domande. Tra queste 554.000 sono state accolte (il 67,5%) e 218.000 circa respinte mentre 41.351 sono da elaborare e 7.322 sospese. Ad aprile sono arrivate 243.481 domande ci cui 120.236 (il 49,38%) accolte e 58.627 respinte. Le domande ancora da elaborare sono 62.881 e quelle sospese 1.737. A maggio sono arrivate 187.723, tutte ancora da elaborare.

Dati Reddito INPS

 

L’Inps ricorda che le domande sono lavorate entro il giorno 15 del mese successivo a quello della presentazione e che, “a partire da tale data, Inps invia le disposizioni di pagamento a Poste, che provvede a ricaricare le carte. Si precisa, inoltre, che sono indicate con 03-2019 tutte le domande presentate a marzo anche se poi trasmesse all’Inps nei mesi successivi, qualora la trasmissione dagli intermediari ad Inps entro i dieci giorni lavorativi dalla presentazione della domanda sia stata impedita da problemi tecnici documentati. In massima parte – conclude l’Istituto – risultano ancora da elaborare le domande in attesa della trasmissione dei modelli Rdc Com previsti sulla base delle dichiarazioni presentate in domanda”.