ASCOLTA RLB LIVE
Search

Tra casinò online e reali a quanto ammontano gli introiti per il primo trimestre 2019?       

Il portale Gioconews, specializzato in tutte le notizie riguardanti il gioco in Italia, ha di recente analizzato l’andamento dei casinò italiani, in relazione con quelli online dei primi mesi del 2019.

 

Nonostante l’imponente mercato del settore dei giochi da casinò possa far ritenere che l’interesse si sia spostato verso questi ultimi, gli incassi di quelli reali hanno raggiunto risultati più che positivi. Se questi si confrontano con le percentuali di gioco online, noteremo come la distribuzione delle preferenze di gioco virtuale segua fedelmente quelle del gioco reale. Le slot machine, infatti, sono sempre al primo posto.

Un nuovo quadro economico incoraggiante

Solo nel mese di marzo 2019 il segno positivo riguarda tutti i casinò italiani, tendenza forse provocata dalla chiusura del quarto casinò italiano e di cui hanno positivamente guadagnato gli altri tre. Le tendenze e gli incassi dei fatturati ci dicono molto del quadro economico italiano, perché riguardano quel target di popolazione che ha una buona capacità di spesa e un livello di reddito medio alto. Non tutti i giocatori sono italiani, è vero. Molto spesso i casinò accolgono turisti stranieri provenienti da tutto il mondo. Tuttavia la loro crescita è un dato che gli osservatori tendono ad analizzare con attenzione e costanza perché ci dicono molto del tessuto sociale, dei cicli economici e della crescita del Paese.

La classifica per incassi dei Casinò italiani

Il primo ad aver beneficiato enormemente del quadro economico è il Casinò di Sanremo che han incassato una crescita pari quasi all’8% rispetto allo scorso anno. Il maggior punto di rendita proviene dal gioco delle slot che hanno fatto guadagnare oltre due miliardi di euro e costituiscono da sole quasi il 10% degli incassi. Quello delle slot è un settore di gioco che non conosce rivali e che non ha quasi mai subìto arresti nel tempo o cali fisiologici come è avvenuto per il Poker.

Il Saint Vincent e il Casinò di Venezia

Il Saint Vincent valdostano, invece, si è collocato al secondo posto con incassi stimati a marzo 2019 che hanno visto una crescita pari quasi all’8%. Il Casinò di Venezia ha subìto qualche rallentamento, in quanto affaticato da un’incombenza sindacale riguardante la ricontrattazione con i dipendenti. Esso non è stato interessato da imponenti crescite. Resta comunque in classifica grazie a costanti e lievi crescite pari allo 0,22% costante. Gli incassi migliori derivano dalle slot sia per incassi che per ingressi, rispettivamente in crescita del 7,95% e del 8,87%.  La particolarità del Casinò di Venezia riguarda anche il buon andamento della roulette francese con un 11,7% in più rispetto ai dati dello scorso anno. Segnali positivi provengono anche dal Poker cash, con lievi flessioni verso la formula tornei. Sale, infine, definitivamente il Blak Jack con un incremento piò che positivo che sfiora il 15%.

Il settore del gioco, in conclusione, non conosce crisi neanche quest’anno, i cui primi mesi hanno segnato entrate pari a 2.581 milioni di euro (+4,1 percento), stando al report sulle entrate tributarie relative al primo bimestre del 2019 pubblicato dal Mef, il Ministero dell’Economia e delle Finanze.