Lupi, nuovo piano di conservazione e gestione. Nessun abbattimento controllato - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Italia

Lupi, nuovo piano di conservazione e gestione. Nessun abbattimento controllato

Avatar

Pubblicato

il

Nel piano elaborato dal Ministero dell’Ambiente del lupo in Italia, introdotte 22 misure che puntano alla conservazione della specie minimizzando il suo impatto sulle attività dell’uomo

.

ROMA – Il ministero dell’Ambiente ha elaborato il nuovo ‘piano di conservazione e gestione del Lupo in Italia’ che sostituisce quello del 2002. Dopo un lungo processo di consultazione con Regioni, Province Autonome, ISPRA e portatori di interesse, nei giorni scorsi il piano è stato trasmesso per l’approvazione della Conferenza Stato-Regioni. Il piano prevede 22 azioni che a partire da una rigorosa analisi tecnico-scientifica mirano alla conservazione ed alla risoluzione sostenibile dei conflitti con le attività antropiche. Tra le novità più rilevanti la cancellazione degli “abbattimenti controllati”, contenuti invece nel precedente piano che avevano provocato polemiche e proteste. Restano invece operative tutte le altre misure per permettere la convivenza fra lupi e bestiame.

La presenza dei lupi è quasi triplicata in tre anni. Nel periodo di campionamento 2017-2018, la stima del numero minimo in ciascuna provincia è di 293 individui rispetto ai 100-130 del 2015 . In mancanza di una stima formale basata su un programma nazionale di censimento del lupo (come già previsto dal Piano d’Azione 2002), si legge nel Piano di 55 pagine, la popolazione appenninica è stata stimata attraverso un metodo deduttivo ed è pari a quella del 2015 cioè 1.580 animali in media considerando tra un minimo di 1.070 e un massimo di 2.472.

L’Italia ospita un patrimonio di lupi ragguardevole, circa il 9-10% della consistenza del lupo a livello europeo (tolta la Russia) e il 17-18% a livello comunitario. Il nuovo Piano Lupo rafforza l’impegno del Ministero a sostenere a livello nazionale il monitoraggio di questo animale attraverso il supporto tecnico di ISPRA per avere dati sempre più affidabili. La conservazione del lupo rappresenta una parte importante dello sforzo che deve essere messo in atto per mantenere la biodiversità ed assicurare la funzionalità degli ecosistemi presenti nel nostro Paese. Tra le altre novità del nuovo piano: l’attualizzazione dei dati sulla distribuzione e consistenza del lupo sulle Alpi, l’eliminazione di un’azione specifica dedicata alle deroghe in quanto la materia è già regolata dalla normativa vigente, un rafforzamento delle indicazioni per Ministeri e Regioni per la definizione di documenti, l’inserimento fra i temi oggetto di informazione e comunicazione dell’impatto dei cani vaganti e degli ibridi lupo-cane sulla conservazione della specie.

Anche la Commissione Europea ha espresso apprezzamento per il documento. “Serve una prevenzione attiva e diversificata dei possibili conflitti, per questo abbiamo previsto, tra le altre novità, azioni specifiche di prevenzione con interventi sperimentali che interessino specifici ambiti territoriali, anche ristretti, che vivono problematiche uniche” ha affermato il Ministro dell’ambiente Sergio Costa “con questo piano ribadiamo che non servono gli abbattimenti, ma una strategia, che abbiamo delineato in 22 azioni. Questo non toglie che occorra un continuo aggiornamento delle linee guida del Piano e che altre iniziative verranno prese anche parallelamente, in sinergia col Piano”. Il lupo è una specie protetta dalla normativa comunitaria e da convenzioni internazionali ed è anche molto studiato, in Italia è stato oggetto dello svolgimento di 18 progetti cofinanziati dalla Commissione Europea, alcuni dei quali attualmente in corso.

Italia

Call center ITA: nuovo incontro ‘insoddisfacente’, sindacati pronti alla protesta

Ieri l’incontro a Roma, il terzo presso il Ministero del Lavoro, sul cambio d’appalto delle attività di call center di Alitalia/ITA. Sindacati pronti ad una grande mobilitazione 

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

RENDE – E’ stato ritenuto totalmente insoddisfacente dai sindacati nazionali Slc Cgil, Fister Cisl e Uilcom Uil, l’incontro a Roma al Ministero del Lavoro sulla vertenza che riguarda i call center e il loro passaggio ad ITA che riguarda centinaia di lavoratori di Palermo e Rende. Covisian, la società che si è aggiudicata la gara ha delineato, supportata da ITA, una proposta sui numeri delle persone coinvolte e i tempi di realizzazione e si è detta disponibile ad assumere 240 Fte (circa 380 addetti) entro aprile 2023. “Oltre ad una tempistica considerata eccessivamente lunga – scrivono le sigle sindacali – la proposta lascerebbe fuori 150 Fte dal percorso di assorbimento. Almaviva ha dichiarato che 35 Fte (60 lavoratori circa) non farebbero parte della gara ITA in quanto collegati direttamente a Millemiglia Alitalia e pertanto, potrebbero essere scomputati dal conteggio complessivo”.

Quanto emerso comunque, per i sindacati, non garantisce la totale continuità occupazionale ed è inaccettabile. Le ipotesi di condizioni contrattuali sono tutte da discutere. Per questo motivo le segreterie nazionali di Slc Cgil, Fister Cisl e Uilcom Uil hanno dichiarato ‘irricevibile’ la proposta formulata, richiamando alla responsabilità tutte le parti in causa: Ministeri coinvolti, la committenza ITA e l’azienda aggiudicataria Covisian. “La vertenza, come dimostrato anche dai fatti accaduti a Palermo, sta assumendo contorni drammatici e non è più rinviabile l’avvio di un percorso concreto e reale che dia certezza occupazionale e salariale a tutte le 613 persone coinvolte. Tenuto conto della situazione prospettata – concludono i sindacati – saranno avviate a breve iniziative di mobilitazione a tutela dell’intero settore dei call center in outsourcing messo in crisi da committenze pubbliche che minano ad eludere le Leggi dello Stato e le norme contrattuali conquistate in anni di lotta e sacrificio dai lavoratori”.

Continua a leggere

Calabria

Ok del Cts all’aumento della capienza in teatri, cinema e stadi

Ieri sera al termine di una riunione durata quasi tre ore, è arrivato il via libera alle aperture del Cts per lo sport e lo spettacolo con un aumento della capienza negli stadi e nei luoghi all’aperto

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

 

ROMA – Con il Green pass obbligatorio gli stadi al 75%, i teatri e cinema al 100% all’aperto e all’80% al chiuso. Nei palazzetti e nei luoghi al chiuso si sale al 50% dall’attuale 25%. Nessuna restrizione per i musei. Tutti dovranno essere ovviamente muniti di Green pass. Il Comitato ha così risposto ai quesiti posti dal ministro della Cultura Dario Franceschini e dal sottosegretari con delega allo Sport, Valentina Vezzali. Sarà ora il Governo a decidere in che modi e tempi tradurre le indicazioni degli esperti in un provvedimento di legge. Il Consiglio dei ministri dovrebbe riunirsi già domani.

Slittano le decisioni sulle discoteche

Non è stata invece esaminata la richiesta arrivata dal ministero dello Sviluppo economico di verificare la possibilità di riaprire le discoteche. Il Comitato ha ritenuto possibile un allentamento delle misure “sulla base dell’attuale evoluzione positiva del quadro epidemiologico e dell’andamento della campagna vaccinale”. Ma, sottolinea il portavoce Silvio Brusaferro, è opportuna “una progressione graduale nelle riaperture, basata sul costante monitoraggio dell’andamento dell’epidemia combinato con la progressione delle coperture vaccinali nonché degli effetti delle riaperture stesse”.

Per quanto riguarda gli eventi sportivi, il Cts raccomanda che “la capienza negli impianti debba essere rispettata utilizzando tutti i settori e non solo una parte al fine di evitare il verificarsi di assembramenti in alcune zone e che siano rispettate le indicazioni all’uso delle mascherine chirurgiche e ci sia la vigilanza sul rispetto delle prescrizioni”.

L’indicazione per teatri, cinema e sale concerti potrà essere rivista nell’arco del prossimo mese. Il Comitato invita anche in questo caso a “rispettare le indicazioni all’uso delle mascherine durante tutte le fasi degli eventi”, nonchè a porre “massima attenzione alla qualità degli impianti di aereazione”, con la vigilanza sul rispetto delle indicazioni.

Il decreto sul Green pass prevedeva all’articolo 8 che il Cts licenziasse entro il 30 settembre un parere “sulle misure di distanziamento, capienza e protezione nei luoghi nei quali si svolgono attività culturali, sportive, sociali e ricreative” in vista “dell’adozione di successivi provvedimenti normativi e tenuto conto dell’andamento dell’epidemia, dell’estensione dell’obbligo di certificazione verde Covid-19 e dell’evoluzione della campagna vaccinale”.

Si valuta la riduzione della quarantena per i vaccinati

Altro punto su cui potrebbe esserci a breve una valutazione da parte degli esperti del Comitato è la riduzione della quarantena per i vaccinati. “Credo – ha spiegato il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri – che arriveremo a togliere la quarantena ai vaccinati passando per una ulteriore riduzione. E’ un momento di transizione questo, le cose stanno andando molto bene, osserviamo ciò che accadrà nelle prossime settimane come i contagi dopo aver riaperto tutto, comprese le scuole. Poi penso che sia auspicabile e di buonsenso liberare chi è vaccinato dalle quarantene”. Se non si fa subito, ha sottolineato, “è perché vi è sempre il rischio di varianti”. Infine, iniziativa della diocesi di Prato.

Con una disposizione contenuta in un decreto firmato dal vescovo Giovanni Nerbini si chiede a sacerdoti, diaconi e operatori pastorali che svolgono un servizio stabile e continuativo come catechisti, sacrestani, animatori e volontari di sottoscrivere una autodichiarazione nella quale si esplicita di aver ricevuto il vaccino contro il Covid (con una dose da almeno 14 giorni o con entrambe le dosi), oppure di essere guariti dall’infezione da Covid da non oltre 180 giorni oppure di aver conseguito l’esito negativo di un tampone molecolare effettuato entro le 72 ore o antigenico o salivare entro le 48 ore.

Continua a leggere

Italia

Terza dose a over 80, Rsa e sanitari a rischio. Per tutti gli altri si valuteranno i dati

In base all’andamento della pandemia si valuterà, dunque, se estendere le vaccinazioni a tutta la popolazione

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

ROMA – “Partiamo con la terza dose per ottantenni, ospiti delle rsa e personale sanitario. Diamo subito più protezione ai più fragili e a chi lavora nei presidi sanitar”. Lo ha detto il Ministro Roberto Speranza commentando la nuova circolare del ministero della Salute sulla somministrazione della terza dose di vaccino anti Covid. Soggetti dagli 80 anni di età, personale e ospiti dei presidi residenziali per anziani e, in un momento successivo, gli esercenti le professioni sanitarie e operatori di interesse sanitario che svolgono le loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi, a partire dai 60 anni o con patologia concomitante tale da renderli vulnerabili a forme di COVID-19 grave o con elevato livello di esposizione a infezione. Sono le categorie cui verrà somministrata la terza dose di vaccino anti-Covid. Lo indica la nuova circolare del ministero.

Fermo restando la priorità del “raggiungimento di un’elevata copertura vaccinale con il completamento dei cicli attualmente autorizzati, sarà possibile procedere con la somministrazione di dosi “booster” di vaccino anti SARS-CoV-2/COVID-19 (come richiamo dopo un ciclo vaccinale primario) a favore” di categorie indicate, si spiega nella circolare ‘Avvio della somministrazione di dosi “booster” nell’ambito della campagna di vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19’ firmata dal direttore della Prevenzione Gianni Rezza. Si tratta dunque di: “soggetti di età over 80; personale e ospiti dei presidi residenziali per anziani”.

In un “momento successivo, una dose booster potrà essere altresì offerta agli esercenti le professioni sanitarie e operatori di interesse sanitario che svolgono le loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi professionali, a partire dai soggetti di età sopra i 60 anni o con patologia concomitante tale da renderli vulnerabili a forme di COVID-19 grave”.

Terza dose in base all’andamento della pandemia

La strategia di offerta vaccinale a favore di ulteriori gruppi target o della popolazione generale “verrà invece decisa sulla base dell’acquisizione di nuove evidenze scientifiche e dell’andamento epidemiologico”. E’ quanto si legge nella circolare del ministero della Salute sulla terza dose di richiamo della vaccinazione anti-Covid ‘Avvio della somministrazione di dosi “booster” nell’ambito della campagna di vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19’.

Terza dose anche ai molto fragili con patologie pregresse

In linea con quanto evidenziato dal CTS, la strategia di somministrazione di una dose “booster” “potrà includere anche i soggetti con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti/pre-esistenti, previo parere delle agenzie regolatorie“. Lo precisa la nuova circolare del ministero della Salute. Indipendentemente dal vaccino utilizzato per il ciclo primario, “sarà per ora possibile utilizzare come dose booster – si sottolinea – uno qualsiasi dei due vaccini a m-RNA autorizzati in Italia (Pfizer e Moderna). La dose “booster” va somministrata dopo almeno 6 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario.

Continua a leggere

Di tendenza