voto Basilicata

L’inarrestabile ascesa di Salvini al Sud. Stravince anche in Basilicata “saluti alla sinistra”

Dopo 24 anni ininterrotti di governo della sinistra, la regione passa al centrodestra. Ma il vero vincitore è ancora una volta Matteo Salvini. La Lega in un solo anno ha triplicato i voti arrivando al 19,14%. Lui “vittoria anche in Basilicata e 7 a 0 alla sinistra. Ora si cambia l’Europa” 

.
POTENZA – Il voto amministrativo in Basilicata, quando lo spoglio è pressoché terminato, ha sancito la netta vittoria del candidato del centrodestra Vito Bardi (Generale della Guardia di finanza in pensione voluto da Berlusconi) in testa con quasi il 42% delle preferenze davanti a Carlo Trerotola, esponente del centrosinistra, che si ferma al 33,27% e cede il governo della regione alla destra dopo 24 anni di ininterrotto monopolio. In terza posizione il candidato del Movimento 5 Stelle Antonio Mattia, che si assesta poco sopra il 20.40%. Sebbene i grillini abbiano più che dimezzato le loro preferenze rispetto alle politiche di un anno fa, si confermano comunque il primo partito, anche se d’un soffio sulla Lega che si attesta poco sopra il 19%  e portando la colazione al successo. Il Ministro dell’Interno ha commentato con soddisfazione enorme il successo “Grazie! ‪La Lega in un anno triplica i voti e abbiamo ottenuto la vittoria anche in Basilicata. ‪7 a 0, saluti alla sinistra e ora si cambia l’Europa“.

voto basilicata

Nessun riferimento all’alleato di Governo Di Maio che dal canto suo non appare preoccupato dall’esito del voto in Basilicata e affida a Facebook la sua analisi “M5s è la prima forza politica in Basilicata. Gran parte della stampa parla di ‘voti dimezzati in un anno’ e di ‘crollo’, ma la verità è che abbiamo battuto tutte le liste, anche quelle con gli impresentabili dentro, anche quelle con i portavoti di Pittella. A Matera siamo oltre il 30%! ed è un risultato che conserviamo con grande senso di responsabilità verso il paese, senza esultanze da stadio. Noi abbiamo un simbolo, una lista. Considerando il vero tracollo di PD (che perde ben 16 punti rispetto al 2013) e Forza Italia, se andassimo al voto alle elezioni politiche domani potremmo anche rivincere in quella regione, visto che non esisterebbero le miriadi di liste civetta che hanno assorbito centinaia di voti soprattutto nei Comuni di provincia. I giornali sono dunque liberi di scrivere ciò che credono. Quel che conta è che il MoVimento, oggi, è più forte di prima in Basilicata: passa dall’8% delle regionali 2013 a oltre il 20% di oggi. E questa non è la nostra storia, è la realtà! Grazie ad Antonio Mattia M5S per la bellissima campagna che ha portato avanti. Auguri ai nuovi consiglieri regionali.  Al lavoro sempre per l’Italia“!.

Continuando nell’analisi dei risultati appare evidente, come più volte dichiarato anche da Berlusconi, che il centrodestra riesce a vincere solo se resta unito, anche perché Forza Italia continua a perdere consensi (è sceso dal 12.40% delle politiche all’8,84% delle regionali), sia rispetto a Fratelli d’Italia che di punti percentuali ne guadagna quasi 2, ma sopratutto rispetto al vero trascinatore e vincitore che è nuovamente Matteo Salvini. la Lega ha praticamente triplicando i voti arrivando ad un incredibile 19%, considerando che parliamo di una regione dell’estremo sud, nel quale ha sempre (o quasi) governato la sinistra. Il movimento 5 Stelle rischia di rimanere schiacciato dall’avanzata inesorabile della Lega nelle regioni del sud, proprio quelle che avevano lanciato il Movimento e bocciato sonoramente la vecchia politica.