Decine di morti a Genova per il crollo del ponte Morandi, il ‘gemello’ di Catanzaro

Il viadotto era stato progettato dallo stesso architetto del ponte di Catanzaro. Morandi fu uno studioso del cemento armato che ne esaltò la sua economicità. Auto precipitate nel vuoto e palazzi implosi sotto le macerie

 

GENOVA – Tragedia a Genova questa mattina intorno a mezzogiorno. Il ponte autostradale dell’A10 è crollato all’improvviso su uno dei popolosi quartieri del capoluogo ligure. Le macerie, schiantatesi al suolo da un’altezza di cinquanta metri, si sono abbattute tra i quartieri di Sampierdarena e Cornigliano su un’area che ospita centri commerciali, abitazioni, capannoni industriali e la ferrovia.

Al momento non è stato stilato un bilancio ufficiale delle vittime, ma pare siano almeno 11, tra cui anche un bambino, fra quelle in auto precipitate dal viadotto e quelle che si trovavano sotto al ponte. Circa 100 metri della Genova – Ventimiglia si sono letteralmente sbriciolati durante un violento nubifragio a causa, secondo i primi riscontri, di un cedimento strutturale dopo che il viadotto è stato colpito da un fulmine. Il progettista dell’opera era Riccardo Morandi, ingegnere e architetto che realizzò il ponte Bisantis che porta alla città di Catanzaro. I due viadotti furono inaugurati a distanza di pochi anni: 1962 quello catanzarese, 1967 quello genovese. Morandi era uno studioso del cemento armato che ne promosse l’utilizzo esaltandone l’economicità. I tre maggiori ospedali di Genova, S.Martino, Villa Scassi e Galliera, hanno aperto le unità di crisi previste dal protocollo di emergenza per i grandi disastri. Circa venti i mezzi coinvolti a detta dei Vigili del Fuoco mentre alcuni feriti estratti dalle macerie sono stati già trasportati in elisoccorso nei locali ospedali. Sul ponte erano in corso lavori di consolidamento.

La Protezione civile di Genova ha istituito un numero verde 800.640.771 per informazioni e notizie.

VIDEO 

Il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Danilo Toninelli si sta recando a Genova e su twitter ha scritto: “sto seguendo con la massima apprensione ciò che è accaduto e che si profila come un’ immane tragedia. Siamo in stretto contatto con Autostrade e stiamo andando sul luogo con il viceministro Rixi. La mia totale vicinanza in queste ore alla città”.