ASCOLTA RLB LIVE
Search

E’ morto l’ultrà del Napoli ferito in Coppa Italia. La Questura teme nuovi scontri

ROMA РScampia piange. Ciro Esposito, ferito a Roma negli scontri della finale di Coppa Italia, ̬ morto oggi pomeriggio.

Ricoverato al policlinico Gemelli, dopo essere stato colpito da alcune revolverate il 3 maggio allo stadio Olimpico, le sue condizioni si erano aggravate nelle ultime ore. Subito dopo il ferimento, fu sottoposto a diversi interventi chirurgici ma il suo fisico sembrava avere reagito in positivo. Invece un’ora fa il suo cuore ha smesso di battere. Vicino al ragazzo i genitori, la fidanzata e i parenti più stretti. Il corpo sarà sottoposto ad autopsia. Per gli scontri, senza precedenti, in Italia, del 3 maggio, la polizia ha arrestato Daniele De Santis, l’ultrà romanista che all’altezza di viale Tor di Quinto aggredì alcuni tifosi del Napoli. Sono incorso indagini da parte della polizia per individuare eventuali complici di De Santis.

 

Ora si teme che la morte del tifoso napoletano, possa creare tensioni ed episodi di violenza per vendetta. Uno scenario che le Questure di Napoli e Roma stanno monitorando proprio in queste ore. Uomini della Digos sono già “appostati” al Gemelli, dove Ciro era ricoverato dallo scorso 3 maggio. La Questura di Roma ha inviato preventivamente delle pattuglie di controllo anche alla barriera autostradale di Roma sud. Qui gli agenti controlleranno le auto sospette e verificheranno l’entità delle notizie che circolano negli ambienti del tifo organizzato partenopeo: qualora dovessero esserci avvisaglie di pericolo le forze dell’ordine appronterebbero un piano d’emergenza per contrastare ogni forma di violenza nella Capitale. Massima allerta anche alle stazioni ferroviarie di Napoli e Roma: qui la Polfer avrà il compito di controllare ogni treno in partenza da Napoli per la Capitale. Il messaggio che filtra dagli ambienti investigativi non lascia spazio a interpretazioni: “tolleranza zero contro i facinorosi”.

 

Intanto esplode la rabbia tra amici e parenti di Ciro Esposito. «Neanche l’acqua ci ha portato il sindaco di Roma. Ci ha abbandonato, non è mai venuto a trovare Ciro – dice Gino Di Resta del Napoli Club Roma – Il questore di Roma dovrebbe dimettersi per aver consentito il passaggio dei tifosi vicino al covo ultra». Piange Antonella Leardi, la mamma di Ciro, ha gli occhi affogati nelle lacrime. Abbraccia il marito e la fidanzata del giovane, Simona. La famiglia è sempre rimasta accanto al ragazzo, la mamma non ha mai perso la speranza. Per oltre un mese è rimasta nei corridoi del Gemelli: una pausa caffè, mille telefonate dagli amici e poi in auto a riposare. L’albergo, inizialmente pagato dai tifosi della Lazio, è stato offerto dalla squadra del Napoli.




Impostazioni sulla privacy

Statistiche

Google Analytics - I cookie statistici aiutano i proprietari del sito Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gat, _gid

Necessario

Meteogiuliacci.it - I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito Web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito Web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

_cfduid

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti Web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

d, IDE, r/collect, test_cookie

Non classificati

I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.

_app_sess, afsu, google_experiment_mod, google_pub_config