Ricerca Sole 24 Ore ‘Qualità della vita’: eterno divario tra Nord e Sud, ultima classificata Vibo Valentia

Nella ricerca del Sole 24 Ore, edizione 2016 della Qualità della vita, all’ultimo gradino troviamo Vibo Valentia. La precedono, di poco, Reggio Calabria e Crotone, che occupano sempre nella classifica gli ultimi cinque posti. Cosenza al 101 posto

ITALIA –  Continua a confermarsi l’eterno e perenne divario tra Nord e Sud. La Calabria si aggiudica un altro ‘primato’ in termini di negatività: nella ricerca del Sole 24 Ore, edizione 2016 della Qualità della vita, all’ultimo gradino troviamo Vibo Valentia. La precedono, di poco, Reggio Calabria e Crotone, che occupano sempre nella classifica gli ultimi cinque posti.

Sul podio, invece, Aosta che, per la terza volta in 27 anni d’indagine, si classifica al “top”. Al contrario Vibo, compie il suo terzo compleanno come la città “peggiore” (ultima già nel 1997 e nel 2005).

classifica-sole24ore

La ricerca del Sole 24 Ore analizza la vivibilità sul territorio, con attenzione particolare alle esigenze e problematiche della cittadinanza: lavoro, casa, integrazione stranieri, partecipazione civile, offerta di welfare, capacità d’innovare. Quest’anno, questi sei punti analizzati, hanno acquisito denominazione più inclusiva e i parametri da 36 sono passati a 42. Quindi un’ampia scala d’indicatori che mette a confronto le varie province italiane.

E come di consuetudine, nel confronto, ne esce “sconfitta” la Calabria. Analizzando i dati della prima classificata Aosta, con l’ultima Vibo Valentia – come scrive la giornalista del Sole 24 Ore, Rossella Cadeo – “basta qualche esempio per dare conto della distanza non solo geografica tra le due realtà: il valore del patrimonio immobiliare residenziale supera ad Aosta i 100mila euro pro capite, il triplo rispetto a quello di Vibo; la disoccupazione giovanile è al 32% sotto il Monte Bianco e quasi il doppio nella provincia calabrese; il 9% degli stranieri residenti ha acquisito la cittadinanza nel 2015 ad Aosta, meno dell’1% a Vibo; nel territorio in testa per la Qualità si contano 7 rapine ogni 100mila abitanti e per il fanalino di coda si arriva a 44.

Questi alcuni dei tristi particolari forniti dalla giornalista. Ma se per Vibo la situazione non è rosea, non va certo meglio per le altre province calabresi e del Sud in generale, che si classificano tutte in fondo. Bisogna risalire alle posizioni tra il 70° e 80° posto per uscire dal gruppo del Sud.

cosenza-classificaAnche Cosenza occupa gli ultimi posti: si classifica alla posizione 101, sotto la media.