Prostitute in sala: chiuso cinema porno

Genova – Fino a qualche giorno fa nella sala del cinema Centrale, vicino alla stazione Brignole, venivano mandate in onda le “gesta” di attori e attrici porno e sulle poltroncine si faceva il possibile per imitare il grande schermo: sesso con gay, prostitute e trans.

Il costo del biglietto? Quello di un semplice film!

Un vero e proprio giro di prostituzione organizzato nei minimi dettagli e che coinvolgeva anche Milano, oltre alla città ligure.

L’indagine è partita dalla procura lombarda, ha portato all’arresto di tre persone e alla chiusura di tre cinema, due dei quali milanesi.
Nella relazione scritta del Pm che ha condotto le indagini si legge: “Le prestazioni sessuali potevano svolgersi liberamente in ogni luogo (sala proiezione, bagni o atrio) o comunque nelle toilette. E tutti i presenti all’interno delle sale, a conoscenza degli atti di prostituzione liberamente compiuti, svolgevano la mansione ‘cartolarmente’ attribuita al fine di far ordinatamente realizzare lo svolgimento della prostituzione“.