Napolitano: uniti contro la mafia

ROMA
Trent’anni fa l’uccisione del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, di sua moglie Emanuela e dell’agente di scorta Domenico Russo, un attentato di mafia che Giorgio Napolitano, per primo, ha voluto ricordare. E lo ha fatto mettendo al centro della sua commemorazione un appello al’unità e alla condivisione di valori

- Pubblicità Clikio single-

dopo giorni infuocati di polemiche e conflitti politici e istituzionali. Il capo dello Stato ha inviato al prefetto di Palermo, Umberto Postiglione un messaggio nel quale definisce il generale Dalla Chiesa un «eccezionale servitore dello Stato, di comprovata esperienza operativa e investigativa». E aggiunge un passaggio chiave: «Ricordarne il sacrificio contribuisce a consolidare quella mobilitazione di coscienze e di energie e quell’unione d’intenti fra Istituzioni, comunità locali e categorie economiche e sociali, attraverso cui recidere la capacità pervasiva di un fenomeno criminale insidioso e complesso».
Ecco, il presidente punta dritto sul clima che ha acceso tifoserie e strumentalizzazioni sulle intercettazioni di cui è stato oggetto nell’ambito della trattativa Stato-mafia. Divisioni e polemiche sul Colle che in realtà portano ben lontano da quelli che devono essere i veri obiettivi: le inchieste di mafia e fatti di sangue di cui fu vittima anche Dalla Chiesa. Ma non tutto è stato inutile. «La sua uccisione – scrive Napolitano – provocò un unanime moto d’indignazione, cui seguì un più deciso e convergente impegno delle Istituzioni e della società civile, che ha consentito di infliggere colpi sempre più duri alla criminalità organizzata, ai suoi interessi economici ed ai suoi legami internazionali». Insomma, non ogni pagina della storia italina è oscura, non c’è solo una storia di sconfitte, trattative o rese ma anche di battaglie e alcune vittorie. Questo ha ricordato a tutti Napolitano anche quando, lo scorso maggio, all’aula bunker di Palermo ha commemorato Falcone e Borsellino.
L’impegno contro la mafia è quello che promette Mario Monti, sia pure nella sua breve parentesi da premier. Il sacrificio del generale Dalla Chiesa «rappresenta lo stimolo per costruire un futuro di legalità e giustizia. Il governo, oltre ad onorarne la memoria, per parte sua, si impegna a rafforzare, a tutti i livelli, la consapevolezza che il contrasto ad ogni forma di criminalità organizzata costituisce il punto di partenza per un paese più giusto, prospero e democratico». A rappresentare a Palermo il Governo ieri c’era il ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri che ha seguito celebrazioni svolte senza tanta partecipazione di cittadini. «Il suo sacrifico non fu inutile» ha detto mentre i cronisti la incalzavano sulle polemiche che ruotano sulla Procura di Palermo e il Colle. «Sono qui per ricordare Dalla Chiesa, di altro non parlo».
Non fu solo la mafia, ha sottolineato ieri il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso, a uccidere Dalla Chiesa: «Come in tutti gli omicidi eccellenti, nella strage di via Carini è possibile riconoscere causali complesse». Di Dalla Chiesa – e non solo – ha parlato anche il procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia, che alla presentazione di un libro sul prefetto ucciso ha detto: «Il caso Dalla Chiesa è la dimostrazione del fatto che i tanti uomini dello Stato uccisi per mano mafiosa hanno pagato per un’idea distorta di Stato, abituato più a convivere che a essere intransigente con i poteri criminali. Al di là dei possibili mandanti esterni e dei moventi convergenti, il punto è che i responsabili morali dell’isolamento di queste persone stavano dentro uno Stato imbelle». Ingroia ha anche risposto ai giornalisti che gli chiedevano ancora delle intercettazioni. Devono essere distrutte? «Aspettiamo la decisione della Corte costituzionale», ha risposto mentre in mattinata aveva parlato di «una eccessiva enfatizzazione mediatica» sulle intercettazuioni al capo dello Stato. «Si tratta – ha detto Ingroia – di intercettazioni che non hanno tra l’altro alcuna rilevanza penale e sulle quali ci si sta esercitando sui possibili risvolti». Un esercizio che non finirà presto.

- Pubblicità sky-

Correlati

Violenza di genere on line, prende il via la campagna ‘Lo hai mai fatto?’

ROMA - Parte la campagna di sensibilizzazione "Lo hai mai fatto?" contro la violenza di genere on-line tra adolescenti, ideata e realizzata dalle ragazze...

Attacco hacker in Italia e nel mondo, decine di sistemi nazionali compromessi

ROMA - Un "massiccio attacco tramite un ransomware già in circolazione" è stato rilevato dal Computer security incident response team Italia dell'Agenzia per la...

Energia, stangata da un miliardo per i Comuni. Nel 2022 aumentate le tariffe dei...

Senza interventi i cittadini pagheranno di più in questo 2023. L'indagine di Demoskopika. Il presiedente Raffaele Rio: «questi rincari rischiano di scatenare una "guerra tra poveri"»

L’evoluzione umana continua, scoperti altri 155 geni

I geni sono in parte premonitori della nostra salute e un gene può cambiare la vita umana
- Pubblicità -
- Pubblicità adsense 1-

Ultimi Articoli

Il procuratore Spagnuolo lancia l’allarme: «è emergenza droga a Cosenza»

COSENZA - "La droga e la sua diffusione tra i giovani, e non solo, è la prima emergenza che c'è a Cosenza". Lo ha...

Volo d’urgenza dalla Calabria per salvare un 44enne in pericolo di vita

ROMA -  Si è concluso nel primo pomeriggio il volo salva-vita effettuato da un velivolo Falcon 50 del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare, decollato dall’aeroporto...

Cosenza, in arrivo 4 finanziamenti di oltre 2milioni per le politiche sociali

COSENZA - "Abbiamo ottenuto 4 nuovi importanti finanziamenti, per un importo complessivo pari a circa 2milioni e 700mila euro, dal PNRR per progetti a...

In Calabria medici del 118 esclusi dai ‘ristori covid’: cresce la rabbia

COSENZA - Per Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti-Fismu l'esclusione dai ristori covid dei sanitari del 118, nella Regione Calabria, è inaccettabile dal punto di...

Montalto Uffugo, ristrutturato un edificio destinato alle associazioni di volontariato

MONTALTO UFFUGO - A Santa Maria La Castagna di Montalto Uffugo, un vecchio edificio scolastico in disuso è stato riefficientato dall’amministrazione comunale guidata dal...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti
- Pubblicità Cickio sidebar-
- Pubblicità adsense 2-

Categorie

Leggi ancora

Te verde, i benefici. Aiuta a combattere l’obesità

Un ottimo tonico per la pelle. Grazie alle sue proprietà naturali permette di accelerare il metabolismo e combattere l'obesità   Il tè verde può essere un...

Il World Wide Web compie 30 anni: ma Internet non è...

Il World Wide Web, dai più conosciuto più semplicemente – anche se erroneamente – come Internet, compie oggi 30 anni. Tre decenni trascorsi tra...

Meteo Cosenza, weekend con il sole ma senza caldo. Da domenica...

Fine settimana caratterizzato ancora dal sole ma senza l'afa insopportabile degli ultimi giorni. Deciso calo termico da domenica con massime sotto 30°C. Le previsioni...

Nel centro storico di Cosenza fino al 17 dicembre, la 7^...

E' partita ufficialmente stamattina la settima edizione della kermesse “Musica contro le mafie” che sarà concentrata nel centro storico di Cosenza con tanti appuntamenti,...

Anas chiude il ‘Cannavino’ per i monitoraggi. Tansi: “verificare anche la...

Continuano i programmati monitoraggi strumentali di Anas sul viadotto ‘Cannavino’. Nelle notti tra il 24, 25 e 26 novembre infatti, sono previste limitazioni al...

Festa della Polizia a Cosenza, il questore: “La sicurezza non ha...

La cerimonia si è svolta in piazza XV Marzo tra la sede storica del palazzo del Governo e il teatro Rendano.   COSENZA – Si è...