Consultori di Cariati e Corigliano senza medici. Le rassicurazioni del commissario dell'Asp - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Ionio

Consultori di Cariati e Corigliano senza medici. Le rassicurazioni del commissario dell’Asp

Il Commissario Straordinario Antonio Graziano risponde alle critiche e assicura «esperite tutte le procedure per sostituire il personale posto in quiescenza»

Avatar

Pubblicato

il

COSENZA – Si continua a dar voce alle criticità dell’ospedale di Cariati, dopo la protesa in cui si è manifestato per il diritto all’aborto. Il Consultorio ha carenza di personale, mentre l’unico Ginecologo è vicino al pensionamento. Il sindacato Nursid ha chiesto con forza alla Direzione Generale di ripristinare una dotazione organica sufficiente per la normale attività di gestione e prevenzione”; ma anche il comitato le Lampare ha lanciato un appello, proprio nei giorni scorsi.

Il Commissario Straordinario Antonio Graziano risponde alle critiche. L’intento è quello di precisare che la funzionalità dei servizi territoriali costituisce una priorità dei servizi strategici dell’Azienda e tra questi i Consultori Familiari e i servizi rivolti alle donne e ai bambini. In un momento di grave criticità per il reclutamento di personale, specie per alcune branche come la pediatria e la ginecologia, sono state esperite tutte le procedure per sostituire il personale posto in quiescenza. Tra queste – sottolinea Graziano –  sono state attivate procedure di mobilità, per la Dirigenza Medica, e sono in corso gli scorrimenti delle graduatorie già in essere per la sostituzione sia del personale del comparto che della Dirigenza. Per tali motivi si rassicura che in corso la procedura per sostituire almeno una delle due unità collocate in pensione (infermiera professionale ed una puericultrice) presso il Consultorio Familiare di Cariati. Tutto il restante personale è, al momento, operativo, e verrà sostituito quando posto in quiescienza”.

“Per ovviare alla carenza di personale – aggiunge – sono inoltre in corso iniziative straordinarie quali l’utilizzo di ore di specialistica ambulatoriale, poste all’attenzione del comitato zonale, o altre misure straordinarie per garantire continuità ai servizi. Infine si rappresenta che l’attività dei Consultori Familiari, per compito istituzionale, non si basa solo ed esclusivamente sulle attività ambulatoriali ginecologiche, bensì vengono garantite attività psicologiche e sociali, di screening e pap test, di assistenza alla donna e di accompagnamento alla nascita. Tutte queste prestazioni vengono comunque garantite. Il presidio ospedaliero di Corigliano Rossano garantisce inoltre un ambulatorio dedicato alla gravidanza. Nell’accogliere la sollecitazione pervenuta, questo Coordinamento ed il managment aziendale, si renderanno promotori di ogni iniziativa utile a risolvere la criticità rappresentata, pur dovendo considerare le difficoltà oggettive e reperire specialisti in alcune branche”.

Ionio

Praia a Mare, gruppo ‘Amare Praia’ al sindaco: «chiarisca su determina irregolare»

“Abbiamo chiesto al sindaco De Lorenzo dettagliati chiarimenti in merito, trasmettendo gli atti agli organi competenti perché verifichino la regolarità della procedura”

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

PRAIA A MARE (CS) – Il gruppo consigliare Amare Praia ha chiesto chiarimenti al sindaco De Lorenzo circa un “atto irregolare dell’Amministrazione comunale”. I consiglieri Anna Maiorana, Carmela Filippelli, Angelo De Presbiteris, Tommaso Morelli spiegano la vicenda: “l’Amministrazione comunale ha emesso una determina (la 1673/2022 Reg. Gen. 11/11/202) con la quale si è deciso l’affidamento diretto ad una ditta locale di una fornitura di beni. La determina è stata emessa l’11 novembre scorso, mentre il parere di regolarità contabile e copertura finanziaria porta la data del 22 novembre. La norma relativa agli affidamenti diretti prevede la verifica dei requisiti di legge, in particolare la verifica del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC), che consentono agli enti locali di utilizzare questa procedura”.

“Nel caso specifico – proseguono i consiglieri – non comprendiamo come la Responsabile dell’Ufficio Servizi Sociale abbia potuto redigere la determina in data 11.11.2022 e prevedere – già in quella data – che la documentazione relativa al DURC sarebbe arrivata al protocollo del Comune di Praia il 22 novembre, vale a dire 11 giorni dopo che l’Amministrazione ha definito il contratto di acquisto rendendolo esecutivo (si legga la determina n. 1673 Reg. Gen. del 11.11.2022 in cui viene riportato: ““verificata la regolarità contributiva della ditta in parola tramite piattaforma dedicata (sito web INPS) – prot. Inps 33660875 pervenuto al protocollo dell’Ente in data 22.11.2022 al n. 39653 con scadenza in data 21/03/2022 (Decreto 30 gennaio 2015 e la Circolare n. 19/2015 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 30 gennaio 2015 afferenti la nuova disciplina in materia di D.U.R.C.)”).

A questo si aggiunge che i beni oggetto della fornitura risultano essere stati acquistati una settimana prima della emissione del parere di regolarità contabile, dunque senza la necessaria copertura finanziaria certificata dal responsabile dell’ufficio comunale interessato. Abbiamo chiesto al sindaco De Lorenzo dettagliati chiarimenti in merito, trasmettendo gli atti agli organi competenti perché verifichino la regolarità della procedura.

Continua a leggere

Ionio

Wiki Loves Monuments Calabria 2022: premiati vincitori, al via la mostra fotografica

Premiati al Museo Nazionale Archeologico di Sibari gli scatti vincitori di Wiki Loves Monuments Calabria 2022

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CASSANO ALLO IONIO (CS) – Scatti dedicati ai monumenti della Regione Calabria che sono andati ad arricchire Wikipedia, l’enciclopedia online più grande al mondo, e i progetti Wikimedia Italia, favorendo così la diffusione della cultura calabrese e italiana nel mondo. Fotografie tutte raccolte nel corso del contest regionale il cui tema scelto per quest’anno ha riguardato castelli e fortificazioni. A Sibari premiati gli scatti vincitori di Wiki Loves Monuments Calabria 2022, edizione regionale di Wiki Loves Monuments, versione italiana del più grande concorso fotografico del mondo.

La cerimonia s’è tenuta sabato nel modulo multimediale del museo sibarita e si è conclusa con la premiazione di Cesare Barillà (primo classificato con Melito di Porto Salvo – Castello di Pentedattilo), Teodoro Corbo (secondo classificato con Scilla in mare), e Francesco Bini (con Pinax con preparazione della sposa, dal santuario di Locri), terzo classificato ma vincitore del premio speciale istituito dalla Direzione regionale Musei Calabria per la miglior foto scattata in un museo.

Riconoscimento, questo, reso possibile grazie all’accordo siglato tra la Direzione regionale Musei Calabria, il Parco archeologico di Sibari e il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, che avevano inviato a Wikimedia Italia l’autorizzazione per fotografare nei 19 musei della regione arrivando, così, all’istituzione di un premio specifico.

Ad introdurre la cerimonia, alla quale erano presenti, oltre ai finalisti, anche autorità e giornalisti, sono stati il Direttore del Parco di Sibari e della Direzione regionale Musei Calabria Filippo Demma e Marco Chemello dello staff di Wikimedia Italia.

Dalle due relazioni sono emersi i numeri del prezioso lavoro svolto in questi mesi: in Calabria oltre 50 tra enti locali, altre istituzioni e privati hanno aderito al concorso consentendo di fotografare i 704 monumenti presenti sul territorio e che hanno, di riflesso, preso parte alla selezione. Di questi, grazie anche al contest appena concluso, ben 345 ora hanno una foto mentre ne rimangono da fotografare 359. Ragion per cui sono oltre 60 i monumenti che in questi mesi hanno ricevuto uno scatto che rispetti la legislazione vigente in materia di diritto di autore e, quindi, adatta a comparire sulla più famosa enciclopedia online gratuita. In totale sono state 1609 le foto inviate dai fotografi che si sono iscritti al concorso.

Dal confronto è emerso come i tre concetti alla base di tutto il contest siano stati quelli di valorizzare, illustrare e riflettere. Tra parole chiave tra esse concatenate perché il patrimonio monumentale e paesaggistico della Calabria merita di essere documentato, valorizzato, tramandato e goduto da tutti i cittadini del mondo riflettendo, allo stesso tempo, sull’importanza della libertà di panorama.

In chiusura, il Direttore Demma ha aperto ufficialmente la mostra “Wiki Loves Monuments Calabria 2022”: i visitatori potranno ammirare le foto vinciitrici dal vivo, insieme alle altre sette finaliste, al Parco archeologico di Sibari, esposte nella sala multimediale del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, fino a lunedì 9 gennaio. Poi gli scatti saranno in tour per essere esposti in tutti (o quasi) i musei della Calabria. In chiusura, Chemello, a nome di Wikimedia italia, ha voluto ringraziare il Direttore Demma, la Direzione regionale dei Musei della Calabria, il Parco Archeologico di Sibari, il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria e tutti i volontari che hanno reso possibile il concorso.

Continua a leggere

Ionio

Sequestrato un lido nella Sibaritide per occupazione abusiva, una denuncia

Oltre al sequestro dell’area il gestore dello stabilimento balneare è stato denunciato per occupazione abusiva di suolo demaniale marittimo

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CORIGLIANO ROSSANO (CS) – La Guardia Costiera nell’ambito di un’operazione di polizia demaniale marittima presso uno stabilimento balneare ubicato sul lungomare di un Comune della bassa Sibaritide, ha accertato l’occupazione abusiva di parte del litorale di giurisdizione, in violazione degli articoli 54 e 1161 del Codice della navigazione.

Sotto la direzione investigativa della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Castrovillari, la struttura occupante una superficie di circa 1.100 mq con annesse attrezzature, è stata sottoposta a sequestro penale ed il responsabile è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria. Inoltre l’attività della Guardia Costiera, consentirà alle competenti Autorità amministrative di recuperare gli indennizzi risarcitori dovuti all’erario dello Stato in ragione dell’illecita occupazione.

 

Continua a leggere

Di tendenza