ASCOLTA RLB LIVE
Search

Marcia in rosa a Cariati per dire no al cancro

“Sensibilizzare è di vitale importanza. Lo è ancor di più in territori come il nostro dove la risposta sanitariaè sempre più a rischio”

 

 

CARIATI – Prevenzione tumori, promuovere controlli periodici in tutte le fasi della vita, comportamenti attenti e stili di vita sani per ridurre rischi. Sensibilizzare è di vitale importanza. Lo è ancor di più in territori come il nostro dove la risposta sanitaria è sempre più a rischio. È compito imprescindibile delle istituzioni locali, delle associazioni di volontariato e degli operatori del settore educare e condividere iniziative che ne facciano comprendere l’importanza.

È quanto dichiara il consigliere comunale delegato alle politiche sanitarie Maria Elena Ciccopiedi esprimendo soddisfazione, anche a nome del Sindaco Filomena Greco, per l’importate partecipazione fatta registrare nei giorni scorsi dalla marcia in rosa PreveniAmo.

La Ciccopiedi ha aggiunto come “obiettivo di tutti deve essere quello di far aumentare il numero delle persone che fanno prevenzione, rispetto a quelle costrette a curarsi. Nell’ambito delle politiche sociali e politiche sanitarie saranno organizzati altri eventi volti per promuovere screening e momenti informativi sul tema prevenzione”.

Il corteo è partito dall’ex Ospedale Vittorio Cosentino e, attraversando la SS 10,6 ha raggiunto la cittadella medioevale fortificata che, con le sue otto torri, per tutto il mese di ottobre resterà illuminato di rosa per tenere alta l’attenzione verso questa tematica così importante.

Nel corso dell’iniziativa a sostegno dell’AIRC e della LILT sono state vendute le spillette simbolo della lotta al tumore, il fiocco rosa. Il ricavato sarà devoluto in beneficienza a favore della ricerca.