ASCOLTA RLB LIVE
Search

Disagi e code per andare in Sila, Greco: “Anas intervenga sulla Statale 107”

Orlandino Greco ha presentato un’interrogazione al Presidente della Giunta regionale e all’assessore alle infrastrutture Musmanno per capire quali siano i tempi comunicati dall’Anas per il completamento dei lavori sul tratto della 107

 

COSENZA – Nelle ultime settimane, la massiccia affluenza di turisti, verso le mete silane (in particolare verso Camigliatello e Lorica) ha fatto emergere l’inadeguata gestione dell’Anas relativamente ai lavori in corso lunga la ss107 silana-crotonese. A scriverlo è il consigliere regionale Orlandino Greco, che sottolinea come “da oltre due mesi, all’altezza di Spezzano Sila, in prossimità di un senso unico alternato regolato da un impianto semaforico, si sono verificate code chilometriche e ingiustificate; soprattutto perché sarebbe bastato gestire con degli operatori sul posto lo scorrimento del traffico senza lasciare il problema ad un impianto elettronico incapace di gestire la congestione stradale”.

“Tutto questo danneggia fortemente i nostri territori, le attività economiche della Sila, il potenziale attrattivo della nostra regione e l’immagine della Calabria come meta turistica per ogni stagione. Oltretutto i sindaci, le associazioni e le attività produttive dell’area pre-silana e silana stanno organizzando in segno di protesta un sit-in vicino ai semafori sulla super strada. Una manifestazione giustificata e inevitabile alla quale parteciperò personalmente, qualora il problema non venisse risolto immediatamente”.

“In ragione di ciò ho presentato un’interrogazione al Presidente della Giunta regionale e all’assessore alle infrastrutture Musmanno – scrive Orlandino Greco – per capire quali siano i tempi comunicati dall’Anas per il completamento dei lavori e quali provvedimenti si intenda adottare per evitare che si ripeta quanto accaduto nelle scorse settimane. È indispensabile che Anas dia risposte immediate e operative garantendo tempi certi e impegnando uomini e risorse per il superamento dell’emergenza.

 

Immagine di repertorio