Il corredo del cane: come allestire al meglio la casa - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

Il corredo del cane: come allestire al meglio la casa

Avatar

Pubblicato

il

L’ingresso di un cane in famiglia è sempre motivo di grande gioia.

 

Tuttavia, gli abitanti della casa devono fare i conti anche con una serie di importanti cambiamenti, in modo da trovare un compromesso tra le loro esigenze e quelle dell’animale adottato, in modo da raggiungere una convivenza pacifica e piena di soddisfazioni.

Di fatto, è necessario individuare i punti della casa off limits e quelli di libero accesso, così da insegnare subito al nuovo arrivato dove è consentito andare e dove è meglio non accedere. Inoltre, è importante procurarsi alcune cose fondamentali, in modo da garantire a fido il massimo benessere, che possono essere reperite con facilità anche online, così da riceverle direttamente a casa, senza dover fare code interminabili o girare un’infinità di negozi per individuare tutto l’occorrente.

Accessori per cani di base

Vi sono, di fatto, alcuni accessori per cani davvero indispensabili, di cui non si può proprio fare a meno, sia che si accolga in casa un cucciolo o un cane già adulto. Sicuramente necessarie sono le ciotole per l’acqua e per il cibo. É sempre meglio sceglierle di qualità e possibilmente in acciaio inossidabile, in quanto tale materiale è estremamente resistente e garantisce maggiore igiene.

Indispensabile è anche una cuccia da interno, che deve essere posta in una zona specifica dell’abitazione, possibilmente tranquilla, in modo che l’animale possa trovarvi ristoro e riposare. Di fatto, le soluzioni disponibili in commercio sono davvero numerose. Infatti, si possono reperire brandine per cani, divanetti, cuscini e materassini, realizzati con materiali differenti, pensati per assolvere a qualunque tipo di necessità.

Non sai a chi affidarti per attuare una scelta valida? Prova su www.bauzaar.it. Vedrai che troverai prodotti gli ogni tipo e soprattutto di ottima qualità. Tuttavia, è indispensabile procurarsi anche del cibo per cani, che deve essere bilanciato, una spazzola per cani, in modo da evitare la formazione di nodi ed eliminare il pelo in eccesso, ed un collare o una pettorina, per portarlo in giro al meglio.

Altri accessori importanti

Oltre a quelli elencati poco sopra, tuttavia, vi sono anche altri accessori importanti per garantire il benessere del proprio amico peloso, primi fra tutti i giocattoli, che consentono all’animale di muoversi e di stimolare la sua parte intellettiva. In commercio se ne possono trovare di ogni tipo, l’importante è assicurarsi che non siano pericolosi.

Tuttavia, da non tralasciare sono anche i sacchetti per i bisogni, che devono essere tenuti a portata di mano durante le varie passeggiate diurne e notturne, così da non arrecare danno alle altre persone. Inoltre, importante è la medaglietta di riconoscimento, che deve essere posta sul collare, in cui è bene riportare il nome del padrone ed il numero di telefono, che possono essere utili in caso di smarrimento.

Hai paura che manchi qualcosa all’appello? Chiedi consiglio al tuo veterinario, così da avere la certezza di non tralasciare nulla. E con l’occasione potrai anche effettuare un controllo per scartare eventuali problematiche e programmare appuntamenti o visite da effettuare per monitorare la crescita e lo sviluppo del tuo amico peloso.

Calabria

Violento scontro tra un camion e un’auto, morta una donna di 40 anni

La vittima è stata estratta dalle lamiere dai vigili del fuoco ma vani sono stati i soccorsi

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

MARCELLINARA (CZ) – Ha perso la vita questo pomeriggio A.P., 40 anni, a seguito di un violento incidente stradale a Marcellinara, nel catanzarese, sulla strada Provinciale in direzione Tiriolo. L’impatto si è verificato intorno alle 17 ed ha coinvolto due mezzi, un camion Iveco ed una Peugeot 107 sulla quale viaggiava la donna. I vigili del fuoco intervenuti sul posto hanno lavorato per estrarla dalle lamiere ma nonostante i soccorsi del personale del 118, la donna si è spenta poco dopo. I carabinieri hanno avviato gli accertamenti per stabilire la dinamica dell’impatto.

Continua a leggere

Calabria

Fuoco incrociato tra Spirlì e Bruni. La scienziata “avete affossato la Regione”

Il governatore della Calabria definisce la candidata del centrosinistra “becchina del Pd”. E lei replica alle invettive

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – Dibattito politico al vetriolo in vista di una campagna elettorale ormai agli sgoccioli. Fuoco incrociato tra Spirlì – che definisce Amalia Bruni “becchina del Pd”- e la candidata di centrosinistra che cerca di schivare i colpi (intrisi della solita ‘ironia’) del governatore ff della Calabria attaccando chi ha “affossato la Regione”.

“Basta con chi guadagnando una barca di soldi, grazie a consistenti indennità e stipendi, ha contribuito ad affossare la Calabria. Nella nuova Regione non c’è posto per Spirli, che ha responsabilità morali e materiali, per Occhiuto e per tutti quelli che non hanno fatto niente per migliorare la situazione”. Lo afferma, in una dichiarazione, Amalia Bruni, candidata per il Centrosinistra alla guida della Regione, “che annuncia la sua volontà – é detto in un comunicato diffuso dal suo ufficio stampa – di rimettere le cose a posto se dovesse essere eletta alla presidenza della Regione”.

“Nessuna ‘lista nera’ – afferma la candidata – ma privilegeremo competenze, professionalità e attenzione alle esigenze dei cittadini. A tutti gli altri troveremo compiti adeguati, ma basta con le lungaggini burocratiche infinite mentre si continua a percepire lo stipendio a fine mese. Deve cambiare la musica. La Regione dovrà essere al servizio dei cittadini, per i quali bisognerà avere rispetto e grande considerazione. È un mio impegno preciso. Metteremo in campo forze nuove e competenti. Il 3 e il 4 ottobre togliamo la Regione dalle mani di Spirlì e Occhiuto e costruiamo insieme la ‘Nuova Calabria’”.

Continua a leggere

Calabria

Processo contro i clan Iozzo-Chiefari. 14 condanne, assolto l’ex sindaco Pitaro

Accusati di esercitare nelle Preserre Catanzaresi il monopolio dello spaccio di droga, e le estorsioni, con ingerenze anche negli appalti pubblici

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – Quattordici condanne e 9 assoluzioni, tra cui quella di un ex sindaco. E’ il verdetto emesso dal Gup di Catanzaro a conclusione del processo, con rito abbreviato, contro la cosca Iozzo-Chiefari della ‘ndrangheta, attiva nei territori di Torre di Ruggiero, Chiaravalle Centrale e zone limitrofe. La cosca Iozzo-Chiefari risulta essere federata con i Gallace di Guardavalle e in contrasto con i Procopio-Sia-Tripodi di Soverato. L’ex primo cittadino assolto “perché il fatto non sussiste” é Giuseppe Pitaro, già sindaco di Torre di Ruggiero, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. E’ stato condannato, invece, a 4 mesi l’imprenditore edile Giuseppe Gareri, mentre è stato assolto il fratello Mario Salvatore.

L’inchiesta della Dda di Catanzaro che ha portato al processo, denominata Orthrus, con un richiamo al cane a due teste della mitologia greca, coordinata dalla Dda di Catanzaro, e le relative indagini condotte dai carabinieri del Comando provinciale del capoluogo, risalgono all’ottobre del 2019 e portarono all’arresto di 17 persone tra presunti capi e gregari della cosca, accusata di esercitare nel territorio delle Preserre Catanzaresi, tra Guardavalle e Torre di Ruggiero, il monopolio dello spaccio di droga, e le estorsioni, con ingerenze anche negli appalti pubblici, ed in particolare su quelli riguardanti la “Trasversale delle Serre” la strada di collegamento tra le coste ionica e tirrenica della provincia di Catanzaro.

Continua a leggere

Di tendenza