ASCOLTA RLB LIVE
Search

Serie B e il possibile ritorno a 22 squadre, Guarascio “una pagina nera per il nostro calcio”

In attesa della decisione del Collegio di Garanzia del Coni che potrebbe riportare la serie B a 22 squadre, interviene il presidente del Cosenza Calcio “19 squadre all’unanimit√† hanno preso una decisione. Operiamo contro i nostri interessi perch√© contrariamente a quello che viene detto diminuendo di tre unit√† il numero di club, il rischio di retrocessione aumenta considerevolmente”

.

COSENZA –¬†Tra questa stasera, massimo domani mattina, arriver√† l’attesa sentenza del collegio di Garanzia del Coni¬†che in via definitiva dovr√† esprimersi sui ricorsi di sei club di C che ambiscono al ripescaggio¬†contro il formato del campionato a 19 squadre imposto dalla Lega di B e dalla Figc che ha dato il via ad un vero e proprio scontro tra club, vertici della Lega e commissario della FIGC. Venerd√¨ sera il presidente Frattini aveva annunciato lo slittamento della decisione motivando la necessit√† con “una riflessione attenta sugli argomenti che tutte le parti hanno presentato in tre ore e mezza di discussione. Non sarebbe stato serio decidere in un’ora. Ognuno di noi √® preso su punti e argomenti che erano davvero importanti“. Ma la sensazione, da quanto trapela, √® che lo stesso Frattini sia orientato a spingere per un ripristino del format a 22 squadre che stravolgerebbe il campionato con la riformulazione dei calendari.

In attesa della sentenza arrivano le dichiarazioni del Presidente del Cosenza Calcio Eugenio Guarascio in merito alla questione legata proprio al format del campionato: “Credo sia arrivato il momento della responsabilit√† piena e ognuno deve assumersi le proprie: noi presidenti lo stiamo facendo anche contro il nostro interesse. In verit√† lo abbiamo fatto gi√† con 19 societ√† che all’unanimit√† hanno preso una decisione, senza una sola voce contraria e di questo vorrei che ci si rendesse conto. Sulla nostra pelle stiamo sopportando una pagina nera per il nostro calcio. Noi presidenti investiamo soldi, risorse e tempo. Ripeto: stiamo operando contro i nostri interessi perch√© contrariamente a quello che viene detto (con la serie B a 19 squadre avremmo preso pi√Ļ soldi) diminuendo di tre unit√† il numero di club partecipanti, il rischio di retrocessione aumenta considerevolmente”.