Derby brutto, falloso e senza acuti. Tra Cosenza e Catanzaro è l’ennesimo pareggio

Il Cosenza non riesce a sfatare il tabù “Marulla” e colleziona contro il Catanzaro il solito deludente pareggio. Partita maschia e molto nervosa con 7 ammoniti e un espulso.

.

COSENZA – Ancora un pareggio amaro, il solito verrebbe da dire, contro  il “nemico” Catanzaro che da 33 anni riesce ad uscire imbattuto dal San Vito Marulla. Anche questa volta il Cosenza non è riuscito a regalare la gioia dei tre punti ai quasi 7.000 tifosi accorsi ad incitare Perez e compagni che hanno trovato nei giallorossi, autori di una gara totalmente difensiva, un muro insuperabile mostrando in casa la solita sterilità offensiva. E nonostante Braglia nella ripresa abbia totalmente stravolto l’attacco provandole tutte per scardinare la retroguardia del Catanzaro, il goal non è arrivato. Nell’interno girone di ritorno i rossoblu al Marulla hanno vinto una sola gara (2 a 1 al Matera) e segnato 1 solo goal nella ultime 5 gare disputate davanti i propri tifosi… davvero una miseria.

cosenzacatanzaro401

E’ stato un derby brutto, sonnacchioso, nervoso, molto falloso e continuamente interrotto dal signor Volpi di Arezzo che alla fine ha avuto il suo bel da fare per tenere in pugno la gara. Alla fine si contano 7 calciatori ammoniti, un espulso (Onescu nel finale di gara per un brutto calcio a Baclet) e 5 componenti delle due panchine allontanati per proteste. Emozioni? Nessuna. Gli unici acuti di tutta la gara sono del Cosenza che nel primo tempo sfiora il vantaggio con un destro al volo di Pascali su cross di Bruccini e deviato con il piede da un miracoloso intervento di Nordi e un mezzo “liscio” di Calamai nel secondo tempo che dal dischetto del rigore cicca un pallone servito da Baclet. Per il resto tanta noia e la solita bellissima festa sugli spalti. Ancora una volta a vincere il derby sono stati i tifosi

 


                                                              

                           Cosenza  –   Catanzaro 0 – 0

                    Marcatori

.
.
.

SECONDO TEMPO

96′ – FINALE DI GARA
94′ – 
Okereke in corsa da buona posizione, tiro debole tra le braccia di Nordi
Espulsione 93′  – 
Espulso Onescu, per calcione inutile a Baclet
90′ – 
Concessi 4′ minuti di recupero
Sostituzione84′ – 
Braglia le sta provando tutte. In campo anche Ramos al posto di D’Orazio
82′ – 
Si gioca solo nella metà campo del Catanzaro, ma i rossoblu nonostante il gran possesso palla non riescono a costruire azioni fluide  
Sostituzione78′ – 
Sostituzione Catanzaro. Fuori De Giorgi e dentro Falcone
75′ –
 Destro di controbalzo di Corsi dalla sua mattonella preferita. Pallone però che si alza sulla traversa

Ammonizione 72′  – 
Ammonito Maita
71′ – 
Occasione goal per il Cosenza. Okereke di forza se ne va a destra e crossa rasoterra per Baclet che dopo aver colpito male riesce comunque a servire un pallone d’oro a Calamai appostato quasi sul dischetto del rigore. Ma il centrocampista rossoblu cicca incredibilmente la sfera e l’azione sfuma
68′ – 
Replica il Cosenza con un diagonale di Okereke che dopo aver dribblato un difensore calcia dal limite. Tiro ciabattato che finisce sul fondo
67′ – 
Corado vede Saracco fuori dai pali e prova la conclusione a sorpresa dai 35 metri, pallone fuori
Sostituzione64′ – 
Doppio cambio ordinato da Braglia che sostituisce Perez con Baclet e Mungo con Okereke
62′ –
 Cosenza che ha decisamente alzato il proprio baricentro, ma il Catanzaro si difende bene chiudendo tutti i varchi
Sostituzione56′ – 
Seconda sostituzione nel Catanzaro. Fuori Infantino e dentro Corado
55′ – 
Bruccini a giro su punizione, pallone deviato dalla barriera che si alza sopra la traversa
48′ – 
Angolo battuto da Zanini, il pallone finisce sui piedi di Infantino che stoppa e calcia di destro, pallone altissimo sulla traversa

Sostituzione45′ –
Riparte la gara al Marulla. C’è un cambio effettuato dal Cosenza che sostituisce Palmiero con Tutino. 


PRIMO TEMPO

49′ – FINALE DI PRIMO TEMPO
45′ – 
Saranno 4 i minuti di recupero in questo brutto e nervoso primo tempo
43′ – 
Catanzaro in attacco. Infantino protegge palla di fisico e serve l’accorrente Marin che calcia da posizione decentrata mandando il pallone fuori
36′ – 
Troppa tensione. Il signor Volpi allontana dalla panchina 3 componenti dello staff tecnico del Cosenza
Ammonizione 34′  – 
Incredibile ancora uno schiaffo di Infantino a Dermaku che manda su tutte le furie panchina rossoblu che chiedeva il rosso 
Ammonizione 32′  – 
De Giorgi si “vendica” rifilando un buffetto a D’Orazio. Ammonito anche il difensore del Catanzaro 

Ammonizione 28′  – Ammonito Idda per gioco falloso
Ammonizione 25′  –
 Partita nervosissima. D’Orazio “smanaccia” Zanini e viene ammonito
20′ – 
Lampo del Cosenza che va vicinissimo al vantaggio con Pascali che sfrutta un rimbalzo in area del pallone dopo una mischia a seguito di una punizione, per calciare quasi a botta sicura, Nordi è prodigioso e riesce quasi d’istinto a deviare la sfera
Sostituzione19′ –
Primo cambio della gara per il Catanzaro. Si fa male Sabato costretto ad abbandonare il campo. Al suo posto Riggio 

16′ –
Partita maschia e molto fallosa continuamente interrotta dal signor Volpi di Arezzo
10′ – 
Come prevedibile per ora gara praticamente bloccata con le due squadre racchiuse in un fazzoletto di campo
Ammonizione 6′  – Ammoniti Nordi e Mungo per reciproche scorrettezze. Partita subito calda
5′ – 
Nel frattempo sono arrivati i 500 tifosi del Catanzaro
3′ –
Prima conclusione in porta della gara per il Catanzaro. Spighi prova dai 30 metri, tiro centrale che Saracco blocca a terra

1′ –
E’ iniziato il derby. Cosenza che in questo primo tempo attaccherà verso la curva nord

Cosenza con la classica divisa con maglia rossoblu e pantaloncini blu. Catanzaro in completo bianco

Ecco le due squadre fare il loro ingresso in campo davanti ad oltre 7.500 tifosi. Bellissime le coreografia della Tribuna A e della Curva Sud, grande atmosfera al Marulla

 

 

———————————————————————————————————————————-

COSENZA CALCIO (3-5-2):  Saracco, Corsi, Idda, Palmiero (45′ Tutino), Mungo (64′ Okereke), Perez (64′ Baclet), Bruccini, Calamai, Pascali, D’Orazio (84′ Ramos), Dermaku
Panchina:
 Zommers, Ramos, Pasqualoni, Okereke, Boniotti, Baclet, Collocolo, Tutino, Camigliano, Braglia
Allenatore: Piero Braglia

US CATANZARO 1929 (3-5-1-1): Nordi, Sabato (19′ Riggio), Maita, Zanini, Infantino (55′ Corado), Marin, Gamberetti, Di Nunzio, Onescu, Spighi, De Giorgi (78′ Falcone)
Panchina: Marcantagnini, Nicoletti, Cascon, Van Ransbeeck, Cunzi, Rigio, Letizia, Badje, Puntoriere, Falcone, Sepe, Corado
Allenatore: Giuseppe Pancaro

Arbitro: Signor Manuel Volpi di Arezzo

Assistenti: Signor Marcello Rossi di Novara e signor Verbano Cusio Ossola

Ammoniti: Nordi (CZ), Mungo (CS), D’Orazio (CS), Idda (CS), De Giorgi (CZ), Infantino (CZ), Maita (CZ)

Espulsi: Onescu (CZ)

Angoli: 2-2

Recupero: 4′ – 6′

Note: Pomeriggio soleggiato e primaverile su Cosenza. Terreno del Marulla notevolmente migliorato dopo gli ultimi interventi al manto erboso effettuati dalla società. Presenti 6.452 spettatori (5.357 paganti + 672 abbonati +460 ospiti) per un incasso di 47.212 €. Nel settore ospite anche 500 tifosi giallorossi. Sulle gradinate del Marulla anche 100 studenti dell’istituto “Pascoli” di Catanzaro e quelli dell’Istituto “Zumbini” di Cosenza

Tutte le foto del match realizzate da Marco Belmonte