VIDEO – Così dall’impianto di Coda di Volpe i liquami arrivavano nel fiume Crati

Il procuratore della Repubblica di Cosenza, Mario Spagnuolo in conferenza stampa è stato chiaro: “non si voleva depurare”

RENDE – Un impianto deputato alla depurazione e utilizzato per inquinare. Un disastro ambientale e uno scempio al quale stamattina è stata messa, almeno per ora, la parola fine con l’operazione Cloaca Maxima. Perchè le indagini proseguono. I sei soggetti raggiunti dalle misure interdittive sono accusati di diversi reati ambientali. Contro i gestori depuratore consortile Valle Crati ci sono prove mirate, ha dichiarato Spagnuolo: “Abbiamo fatto un’indagine complessa, difficile che ci ha portato ad un primo step estremamente significativo: contestiamo per la prima volta volta, e con ordinanze cautelari e sequestri, il 452 bis cioè il reato di inquinamento ambientale“.

“Un impianto di depurazione… usato per inquinare”

- Pubblicità Clikio single-

cloaca operazione depuratore 02“Siamo di fronte ad un fenomeno che ci lascia basiti. Un impianto per la depurazione veniva invece utilizzato per inquinare. Il lavoro dei carabinieri forestali è stato ottimo ed abbiamo una base probatoria forte”. Secondo le indagini “attraverso una serie di indicazioni del responsabile della struttura, veniva aperto un bypass che consentiva ai reflui di finire nel Crati senza essere trattati – ha spiegato il procuratore di Cosenza -. Tutto è stato ricostruito con intercettazioni, servizi video, servizi di analisi e la filiera della prova è stata ricostruita in termini precisi. C’è sicuramente altro che dovrà essere valutato in altra sede”.

Spagnuolo ha spiegato che “tutti gli impianti di depurazione hanno dei bypass, per i casi di piogge intense e per avere la possibilità come nelle dighe di attivarli in caso di emergenza, ma l’utilizzo è regolamentato in termini precisi, da norme tecniche, e non è a discrezione delle persone. Qui alimentare il bypass significava non depurare, non si voleva depurare“. Sul piano delle misure adottate nei confronti degli indagati Spagnuolo ha commentato: “E’ stato comunque impedito a questi soggetti di continuare a delinquere”.

ASCOLTA le dichiarazioni del procuratore di Cosenza

[audio_mp3 url=”https://www.quicosenza.it/news/wp-content/uploads/2018/02/Spagnuolo-conferenza-stampa-coda-di-volpe.mp3″]

Le indagini avviate dopo un esposto

Le sei misure eseguite nell’ambito del blitz al depuratore consortile Valle Crati sito in c.da Coda di Volpe in Rende hanno riguardato gli operai e il loro coordinatore, raggiunti dalla misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria; per il direttore dell’impianto eseguita la misura interdittiva per 12 mesi di esercitare direzione tecnica di persone giuridiche e imprese per il delitto di inquinamento ambientale, depurati nel Fiume Crati.

FOTO 

L’operazione frutto dell’attività investigativa del Nucleo Investigativo dei Carabinieri Forestali, scaturita nei mesi scorsi da un esposto presentato alla Procura di Cosenza. Poi mediante intercettazioni telefoniche è stato accertato che gli indagati, in concorso tra loro, dipendenti della Geko Spa, società incaricata della gestione dell’impianto di depurazione, scaricavano illegalmente un ingente quantitativo di liquami direttamente nel fiume usando due bypass, uno generale in testa all’impianto e uno posto a monte della sezione ossidativa. Da qui venivano sversati ripetutamente quantitativi di liquami, senza effettuare alcun tipo di trattamento depurativo.

cloaca operazione depuratore 01Lo sversamento ha provocato una compromissione e un deterioramento, significativo e misurabile, delle acque del Fiume Crati e del relativo ecosistema alterandone composizione chimica, fisica e batteriologica nonché l’aspetto e l’odore. Durante alcuni controlli, gli stessi operanti nell’impianto, hanno nascosto la modalità illecita della gestione del depuratore, simulando il normale funzionamento della linea depurativa, per poi, una volta terminato il controllo, azionando il sistema illecito, ritornare a scaricare direttamente nel fiume consapevoli che alcune sostanze non fossero in linea con i valori tabellari previsti dalla normativa e falsificando inoltre gli esiti delle analisi inviate alla Provincia di Cosenza.

LE INTERCETTAZIONI – VIDEO

Il livello di compromissione ambientale è stato confermato dai dati dell’Arpacal che evidenziano come il livello di escherichia coli nel punto di sversamento è superiore di quasi cento volte rispetto a quello misurato più a monte. Molto alti anche i paramenti relativi all’azoto ammoniacale, tensioattivi anionici B.O.D. e C.O.D. L’impianto dopo il sequestro è stato affidato ad un custode giudiziario nominato dal Gip, il quale ha ricevuto incarico di gestirlo senza causare alcuna interruzione del servizio. I particolari di tale operazione sono stati questa mattina resi noti durante una conferenza stampa tenuta presso la Procura della Repubblica dal Procuratore della Repubblica, Dott. Mario Spagnuolo.

 

GUARDA IL VIDEO

LEGGI ANCHE
Blitz dei carabinieri all’alba all’impianto di Coda di Volpe, sei indagati (FOTO)

- Pubblicità sky-

Correlati

Rende, approvata dalla giunta la pista ciclopedonale: unirà Quattromiglia a Cosenza

La pista ciclopedonale, per la quale è stato stanziato un finanziamento pari a 814.000,00 euro, attraverserà tutta la città dell’oltre Campagnano con percorsi integrativi che da Quattromiglia arriveranno all’area del Parco Robinson

Unical, occupato il residence di Contrada Rocchi «alloggi abbandonati e studenti dimenticati»

Coordinamento universario composto da Fgc Unical e Aula studio liberata «Un progetto da 20 milioni di cui 15 verranno spesi i lavori mai ultimati»

Manna, l’avvocato Carratelli “il Riesame ha escluso la grave ipotesi corruttiva”

Il legale di Manna "Risultato pienamente positivo per le tesi difensive. Siamo fiducuiosi che cadrà anche l'ipotesi di accusa sulla turbativa d’asta"

A Rende in 500 sfilano per dire no a tutte le mafie

Per Mimmo Talarico, il corteo ha rappresentato un buon segno, perchè vuol dire che la città reagisce e vuole guardare avanti
- Pubblicità -
- Pubblicità adsense 1-

Ultimi Articoli

‘Ndrangheta, assassinio dell’avvocato Pagliuso: chiesta la conferma degli ergastoli

LAMEZIA TERME (CZ) - - Il sostituto procuratore generale Marisa Manzini ha chiesto la conferma dell'ergastolo per i presunti boss Pino e Luciano Scalise,...

In arrivo venti forti e neve a bassa quota. Scatta l’allerta gialla in Calabria

COSENZA - Masse d'aria fredde provenienti dai Balcani investiranno l'Italia portando nevicate fino a quote basse su Meridione e regioni del medio adriatico. Contemporaneamente...

La scuola entra al Parlamento europeo: c’è anche il Pezzullo di Cosenza

COSENZA - Continua il progetto "La scuola entra al Parlamento" promosso dall'eurodeputata Laura Ferrara e che ha permesso agli studenti di quattro istituti d'Istruzione...

Fermato in auto con un fucile clandestino: arrestato

REGGIO CALABRIA - La Polizia Metropolitana di Reggio Calabria, nel corso di controlli anti bracconaggio tra Palizzi e Bova, ha arresto un soggetto già...

Freddo e senza riscaldamento, chiuso il tribunale di Castrovillari: udienze sospese

CASTROVILLARI (CS) - Udienze sospese fino al prossimo 18 febbraio nel Tribunale di Castrovillari a causa del freddo. L'impianto di riscaldamento nel Palazzo di...

Social

80,052FansMi piace
3,585FollowerSegui
2,768FollowerSegui
2,040IscrittiIscriviti
- Pubblicità Cickio sidebar-
- Pubblicità adsense 2-

Categorie

Leggi ancora

Meteo Cosenza, sabato instabile con piogge sparse. Ma carnevale sarà bello...

Una perturbazione nord Atlantica scivolerà velocemente verso sud, provocando per oggi rovesci sparsi un pò ovunque. Ma domenica si rafforzerà nuovamente l'anticiclone che garantirà...

Primarie PD 2019 si vota domani. Gazebo, liste e candidati nei...

Le elezioni primarie del Partito Democratico per la scelta del segretario a dell'assemblea nazionale. Seggi aperti domani 3 marzo 2019, dalle 8:00 alle 20:00....

Multe auto dal Comune? Ecco cosa fare per annullare verbali e...

Qualora il destinatario della sanzione non riceva la notifica del verbale di accertamento dell’infrazione dall'Amministrazione, la multa e l'eventuale cartella esattoriale non sono più...

Cosenza, fanno pipì nelle fontane di via Arabia. Si costituiscono e...

La foto del gesto, compiuta da due ragazzi e pubblicata sui social network, aveva fatto il giro della città. I due, dopo essersi presentati...

Ecotassa 2019: da domani stangate le auto inquinanti. I modelli e...

La norma sarà regolata da un sistema di bonus-malus che premia chi acquista vetture meno inquinanti e tassa le auto che rilasciano anidride carbonica superiore...

Baraccopoli di San Ferdinando. Il Sindaco firma l’ordinanza di sgombero

Dopo l'annuncio del Ministro Salvini, il primo cittadino Andrea Tripodi, ha firmato l'ordinanza per lo smantellamento della baraccopoli e l'immediato sgombero dell'area   SAN FERDINANDO (RC)...