Turismo, la Calabria agli ultimi posti: pioggia di finanziamenti, si è rivelata fallimentare - QuiCosenza.it
Ritrovaci sui social

Calabria

Turismo, la Calabria agli ultimi posti: pioggia di finanziamenti, si è rivelata fallimentare

Avatar

Pubblicato

il

Il consigliere regionale Greco chiede al presidente Oliverio, di affidare nel più breve tempo possibile la delega al Turismo.

 

RENDE (CS) – “L’ultimo rapporto sul turismo del Centro Studi Touring attraverso il quale si fa il punto sul turismo nel mondo e in Italia, prendendo in esame regione per regione, è l’ennesimo schiaffo alla nostra regione che si attesta al 15° posto per numero di presenze e al 17° posto in Italia per numero di esercizi turistici.” Questo quanto dichiarato dal consigliere regionale Orlandino Greco. “I dati – continua – che si riferiscono al 2015 e al 2016 evidenziano come la Calabria, nonostante lo straordinario patrimonio ambientale, storico e culturale, non riesca in alcun modo ad essere attrattiva. Sebbene si sia registrato un aumento generalizzato delle presenze turistiche in Italia, il risultato raggiunto dalla Calabria è estremamente deludente. Purtroppo non c’è da stupirsi molto! Sono queste le conseguenze di anni di totale disinteresse sull’argomento, della mancanza di una programmazione a lungo raggio e di strategie d’investimento mirate al recupero reale e alla tutela del grande patrimonio dei luoghi, delle loro peculiarità e dell’eccellenze, alle quali dall’altra parte è corrisposta una distribuzione a pioggia di finanziamenti che nella maggior parte dei casi si è rivelata fallimentare, gravata dall’assenza di campagne di comunicazione innovative e meno ingannevoli , di una terra che tutto ha e nulla può!

Orlandino GrecoNonostante gli sforzi del presidente Oliverio per superare le criticità che riguardano in particolare il settore dei trasporti è indispensabile che si affidi la delega di funzione del Turismo ad un consigliere o ad un assessore che sappia confrontarsi con le problematiche e le esigenze di un settore che merita un trattamento di riguardo. Il turismo in Calabria è un ambito primario al pari della sanità, dei lavori pubblici, dell’agricoltura e dell’ambiente, per tale ragione non è più comprensibile né giustificabile come si possa, giunti a metà legislatura, indugiare nell’approvazione di alcune proposte di legge d’iniziativa del consiglio regionale che possono realmente rendere la nostra regione più attrattiva, competitiva. Mi riferisco in particolare alle proposte sul golf, sui borghi storici ospitali, sulla valorizzazione della dieta mediterranea e dei paesaggi rurali, che permetterebbero a questa regione di essere inserita nel mercato del turismo anche internazionale e garantirebbero la destagionalizzazione e diversificazione dell’offerta, altro punto di forte criticità messo in risalto dallo studio condotto in merito. Di fatto, i dati ci dicono che le maggiori presenze turistiche in Calabria si concentrano soltanto nei mesi di luglio e agosto, un dato incomprensibile per una nostra regione che gode di condizioni climatiche eccellenti e di ricchezze non soltanto ascrivibile ad un turismo balneare ma di patrimoni storico- culturali, monumentali e religiosi, che inserita nei circuiti giusti le garantirebbe presenze turistiche tutto l’anno.

Incrementare l’offerta turistica guardando anche ad un turismo di qualità puntando anche alla realizzazione di strutture ricettive d’eccellenza e alla formazione professionale, soprattutto dei molti giovani in cerca di occupazione, significherebbe incrementare in maniera sostanziale il prodotto interno lordo della nostra regione garantendo lavoro e sviluppo. Spesso le statistiche nascondono ragioni che i numeri non sono in grado di esprimere ma è evidente come in questo caso le motivazioni siano sotto gli occhi di tutti e coincidano con la rabbia dei cittadini per il nostro mare inquinato d’estate, per gli alberghi trasformati in strutture d’accoglienze per immigrati, per le piste da sci chiuse per neve d’inverno, per l’assenza di strutture di standard elevato in grado di attrarre i turisti internazionali e via via. Ma su tutti predomina la mancanza di un interlocutore che sappia ascoltare le tante voci che esigono risposte alle loro domande, affronti tematiche e argomentazioni durante tutto l’arco dell’anno, con tempistiche che non seguano più le modalità di questi ultimi anni, sempre e drammaticamente in ritardo rispetto alle esigenze e alle richieste. La Calabria è ancora una regione che ha tutto ma non può nulla! È il tempo di uscire da questo stallo. L’auspicio e l’espressa richiesta è che il presidente Oliverio, da sempre sensibile alle tematiche che afferiscono all’attrattività turistica della Calabria, agisca di conseguenza affidando nel più breve tempo possibile la delega al Turismo.”

Calabria

Contagi stabili in Calabria. Ricoveri su, si alza ancora il tasso di positività

Sono 279 i nuovi positivi (ieri 272) con un decesso registrato a Cosenza. Il tasso di positività sale e si attesta al 5,81%

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – Rimangono pressoché stabili i contagi in Calabria con 279 nuovi positivi (ieri erano 272) a fronte di 4.800 tamponi processati, sia antigenici che rapidi. Una vittima registrata nelle ultime 24 ore a Cosenza. In area medica si registrano due nuovi ricoveri con un totale di 115 ospedalizzati in Calabria. Aumentano anche le terapie intensive +3 che salgono a 16. Gli attualmente positivi in Regione sono 4.130 mentre si contano 134 guariti. Il tasso di positività sale attestandosi al 5,81%.

La provincia di Reggio Calabria registra il maggior numero di nuovi casi +127 seguita da Cosenza +70. Tornano a salire i contagi nel vibonese +46. In provincia di Crotone si contano +18 nuovi casi mentre a Catanzaro sono +16.

In Calabria, ad oggi, il totale dei tamponi eseguiti sono stati 1.417.981. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 92.269 rispetto a ieri.

Questi sono i dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid-19 comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle AA.SS.PP. della Regione Calabria.

Territorialmente, dall’inizio dell’epidemia, i casi positivi sono così distribuiti:

Catanzaro: CASI ATTIVI 320 (16 in reparto, 7 in terapia intensiva, 297 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 11.756 (11.591 guariti, 165 deceduti).

Cosenza: CASI ATTIVI 1.496 (50 in reparto, 6 in terapia intensiva, 1.440 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 27.922 (27.248 guariti, 674 deceduti).

Crotone: CASI ATTIVI 190 (2 in reparto, 0 in terapia intensiva, 188 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 8.846 (8.728 guariti, 118 deceduti).

Reggio Calabria: CASI ATTIVI 1.601 (37 in reparto, 3 in terapia intensiva, 1.561 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 31.156 (30.736 guariti, 420 deceduti).

Vibo Valentia: CASI ATTIVI 367 (9 in reparto, 0 in terapia intensiva, 358 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 7.119 (7.014 guariti, 105 deceduti).

L’Asp di Cosenza comunica: “Oggi si registrano 73 nuovi casi; il numero totale dei casi è incrementato di 72 unità, di cui due soggetti positivi nel setting fuori regione, e non di 73 in quanto 1 paziente ricoverato al Covid Rossano è stato trasferito in Terapia Intensiva a Catanzaro e quindi risulta in carico all’ASP di Catanzaro”.

Continua a leggere

Calabria

Si presenta sotto casa della ex nonostante gli fosse proibito: arrestato

Un 21enne nigeriano é stato arrestato a Reggio Calabria dopo essere sfuggito da un centro Caritas per perseguitare la donna

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

REGGIO CALABRIA – Un giovane di 21 anni di nazionalità nigeriana é stato arrestato a Reggio Calabria da personale della Squadra volanti della Questura con l’accusa di stalking ai danni di una donna che aveva presentato nei suoi confronti una denuncia.

L’uomo, con condotte reiterate, secondo quanto riferisce la polizia, ha provocato nella donna uno stato di prostrazione, turbamento e paura, costringendola a modificare in maniera significativa le sue abitudini di vita. Il giudice, a conclusione dell’udienza di convalida, aveva trasformato l’arresto in divieto di avvicinamento alla persona offesa ed ai luoghi da lei abitualmente frequentati, disponendo la collocazione del giovane in un centro della Caritas.

Il nigeriano, però, si è allontanato dalla struttura ed ha raggiunto il cortile dell’abitazione della donna vittima dello stalking, dove é stato rintracciato dagli stessi poliziotti che lo avevano bloccato la prima volta. Il giovane, a quel punto, é stato nuovamente arrestato e condotto stavolta in carcere, su disposizione del magistrato di turno della Procura della Repubblica.

Continua a leggere

Calabria

Parte l’era Occhiuto: nominati i dirigenti di Sanità e Infrastrutture

Parte la riorganizzazione della cittadella e il governatore nomina il suo staff con due figure esterne. Individuati anche il capo gabinetto e il portavoce

Avatar

Pubblicato

il

Scritto da

CATANZARO – “Nella serata di ieri ho nominato Iole Fantozzi nuovo direttore generale del Dipartimento Sanità, e Claudio Moroni nuovo direttore generale del Dipartimento Infrastrutture.  Due figure professionali di altissimo livello che daranno un grande contributo alla macchina burocratica della Regione Calabria”, scrive in una nota Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria. A loro i miei migliori auguri; e un ringraziamento ai direttori generali uscenti, Giacomino Brancati e Domenico Pallaria, per il lavoro svolto in questi anni”.

Le altre scelte

Fantozzi (che subentra a Giacomino Brancati) e Moroni (che subentra a Domenico Pallaria) sono due esterni alla Regione Calabria. Inoltre, il presidente Occhiuto ha designato anche due figure strategiche per il suo incarico, nominando Luciano Vigna quale suo capo gabinetto (a titolo gratuito, perché Vigna ha già un inquadramento) e Fabrizio Augimeri quale suo portavoce.

Continua a leggere

Di tendenza