incendi cosenza

Per tutelare i boschi a nord di Cosenza operativi mille volontari

Previsto un piano straordinario antincendi con la presenza di droni e detenuti ristretti in carcere.


 
CASTROVILLARI (CS) – “Ci sono quasi mille volontari sul territorio, che rappresentano un grande presidio, e poi abbiamo anche tanti mezzi, che il Corpo forestale aveva trattenuto dopo il passaggio ai carabinieri, e questa e’ una delle cause del ritardo della presentazione del piano antincendi”. Lo ha detto Domenico Pappaterra, presidente del Parco nazionale del Pollino. Ieri mattina, a Castrovillari, nel Cosentino, e’ stato presentato il nuovo piano antincendio boschivo per l’estate 2017, che interessera’ le aree calabresi e anche quelle della Basilicata. Il budget impegnato, e’ stato precisato, e’ di circa 240.000 euro. Tra i volontari utilizzati ci sono anche, come negli anni scorsi, alcuni detenuti dell’istituto penitenziario di Castrovillari.
 
 
“Avremo anche velivoli ultraleggeri e due droni per controllare il territorio – dice Pappaterra – ma soffriremo della mancanza del Corpo forestale, uomini che conoscevano il territorio in tutti i suoi meandri. Vorrei lanciare un messaggio alle Regioni, al governo, ai ministri dell’Ambiente e dell’Agricoltura: non e’ il momento dei cavilli burocratici, serve una leale collaborazione tra tutte le amministrazioni dello Stato – ha detto ancora il presidente del Parco del Pollino – altrimenti non si va da nessuna parte”. “Spero che le particolari condizioni di quest’anno non ci facciano pagare prezzi troppo alti – ha concluso Pappaterra – e non vorrei che si ripetesse quell’orribile stagione del 2007, quando andarono in fumo migliaia di ettari di superficie. Per chi attenta all’ambiente – ha concluso poi Pappaterra, parlando dei piromani – occorrono misure molto piu’ repressive”.